Esonero contributi INPS 2021: domande a partire dal 25 agosto

Tommaso Gavi - Leggi e prassi

Esonero contributi INPS 2021, domande a partire da oggi, 25 agosto, ed entro il 30 settembre. Lo spiega il messaggio numero 2909 del 20 agosto 2021. Professionisti e lavoratori autonomi devono utilizzare gli appositi moduli messi a disposizione dal primo giorno di invio delle istanze, ovvero dalla giornata odierna.

Esonero contributi INPS 2021: domande a partire dal 25 agosto

Esonero contributi INPS 2021, le domande potranno essere presentate a partire da oggi, 25 agosto.

A comunicarlo è il messaggio numero 2909 dello scorso 20 agosto 2021. Gli appositi moduli devono essere messi a disposizione nella stessa giornata di avvio della trasmissione delle istanze, ovvero la giornata odierna.

A chiarire i requisiti e le modalità di presentazione delle domande da parte dei lavoratori autonomi e dei professionisti iscritti all’INPS è lo stesso istituto nella circolare numero 124 del 6 agosto scorso.

L’esonero deve essere richiesto a un solo ente previdenziale e per una sola forma di previdenza obbligatoria.

Esonero contributi INPS 2021: domande a partire dal 25 agosto

Le domande per l’esonero dei contributi INPS 2021 potranno essere inviate a partire da oggi, 25 agosto.

Lo chiarisce il messaggio numero 2909 del 20 agosto 2021.

INPS - Messaggio numero 2909 del 20 agosto 2021
Esonero parziale dei contributi previdenziali previsto dall’articolo 1, commi da 20 a 22-bis, della legge 30 dicembre 2020, n. 178. Presentazione delle istanze.

L’esonero dei contributi previdenziali ed assistenziali per i lavoratori autonomi e i liberi professionisti iscritti alle gestioni INPS e alle casse professionali è stato previsto dalla Legge di Bilancio 2021, nello specifico dai commi da 20 a 22-bis, della legge 30 dicembre 2020, n. 178.

A fornire i dettagli sulle modalità per la presentazione delle istanze è la circolare numero 124 del 6 agosto 2021.

In base alla gestione di appartenenza è necessario utilizzare un apposito modulo, messo a disposizione dall’Istituto nel stesso giorno dell’avvio delle presentazioni delle domande, ovvero oggi, 25 agosto 2021.

Le istanze dovranno essere presentate entro il prossimo 30 settembre, la scadenza inizialmente prevista per la fine di luglio è infatti stata prorogata, secondo quanto indicato nel messaggio INPS numero 2761 del 29 luglio 2021.

Il messaggio INPS fornisce anche precisazioni su casi di specifici lavoratori:

“nel caso di lavoratore autonomo iscritto alle Gestioni speciali degli artigiani e degli esercenti attività commerciali che abbia, nel corso dell’anno 2021, cambiato numero di posizione aziendale all’interno della medesima Gestione previdenziale, con continuità dell’attività economica, per mutamento della provincia nello svolgimento della medesima attività aziendale, lo stesso dovrà presentare l’istanza per ogni posizione aziendale.”

Esonero contributi INPS 2021: i soggetti interessati

Il decreto del Ministro del Lavoro e delle politiche sociali, di concerto con il Ministro dell’Economia e delle finanze, numero repertorio 82/202 del 17 maggio 2021 individua i contribuenti interessati.

L’agevolazione spetta nel limite massimo individuale di 3.000 euro su base annua, riparametrato e applicato su base mensile per ciascun lavoratore autonomo o professionista e riguarda i seguenti soggetti:

  • iscritti alle Gestioni speciali dell’Assicurazione generale obbligatoria (AGO): Gestioni autonome speciali degli artigiani, dei commercianti, dei coltivatori diretti, coloni e mezzadri;
  • iscritti alla Gestione separata e che dichiarano redditi di lavoro autonomo;
  • iscritti alle Casse professionali autonome disciplinate dal decreto legislativo n. 509/1994 e dal decreto legislativo n. 103/1996;
  • iscritti alla Gestione separata come professionisti e altri operatori sanitari di cui alla legge 11 gennaio 2018, n. 3, già collocati in pensione;
  • iscritti alle Casse professionali autonome disciplinate dal decreto legislativo n. 509/1994 e dal decreto legislativo n. 103/1996 come professionisti, medici, infermieri e altri operatori di cui alla legge n. 3/2018, già collocati in pensione.

Il comma 6 dell’articolo 1 del decreto in questione prevede che l’esonero deve essere richiesto a un solo ente previdenziale e per una sola forma di previdenza obbligatoria.

Il possesso dei requisiti, come indicato nella circolare richiamata, deve essere dichiarato dal richiedente nel modulo di presentazione della domanda.

Nel messaggio l’INPS sottolinea inoltre che:

“oltre al possesso di tutti i requisiti di legge e all’assenza delle situazioni di incompatibilità, il richiedente dovrà dichiarare di essere in regola con il versamento della contribuzione previdenziale obbligatoria e di non avere superato l’importo individuale di aiuti concedibili indicati dalla sezione 3.1 del "Quadro temporaneo per le misure di aiuto di Stato a sostegno dell’economia nell’attuale emergenza del COVID-19".”

Come di consueto, per accedere all’area riservata del sito INPS si può scegliere tra le seguenti modalità:

Informazione Fiscale S.r.l. - P.I. / C.F.: 13886391005
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Velletri al n° 14/2018
Iscrizione ROC n. 31534/2018

Redazione e contatti | Informativa sulla Privacy

Preferenze privacy
Logo registrato

Questo sito contribuisce all'audience di Logo Evolution adv Network