Pensione invalidità civile 2019: importo, requisiti e come fare domanda

Pensione di invalidità civile 2019: ecco l'importo riconosciuto dall'INPS agli inabili al 100 per cento, i requisti richiesti e come fare domanda. Non c'è l'aumento automatico a 780 euro nel decreto sul reddito di cittadinanza.

Pensione invalidità civile 2019: importo, requisiti e come fare domanda

Pensione di invalidità civile 2019: l’importo dell’assegno mensile per gli inabili al 100 per cento sarà pari a 285,66 euro al mese, nel rispetto dei requisiti indicati dall’INPS.

La pensione di invalidità è l’assegno mensile erogato ai soggetti per i quali è stata riconosciuta un’inabilità lavorativa al 100 per cento e agli invalidi totali che si trovano in uno stato di bisogno economico.

Per aver diritto alla prestazione è quindi necessario rispettare due categorie di requisiti, sanitari e di reddito da accertare nel corso dell’iter di presentazione della domanda INPS.

Per il 2019 sia l’importo della pensione di invalidità che i requisiti di reddito per accedervi hanno subito un lieve aumento, senza tuttavia rilevanti novità rispetto agli scorsi anni.

Proseguendo con la rassegna delle agevolazioni economiche riconosciute ai soggetti con disabilità, facciamo di seguito il punto su tutte le istruzioni pratiche per richiedere la pensione di invalidità INPS.

Pensione invalidità civile 2019: requisiti e chi può fare domanda

La pensione di invalidità è riconosciuta ai soggetti con inabilità al lavoro totale e permanente. Si tratta del sussidio economico per gli invalidi totali (percentuale del 100 per cento) in stato di bisogno economico, che si affianca all’assegno mensile riconosciuto agli invalidi parziali (percentuale dal 74% al 99%).

Per poter fare domanda INPS è necessario rispettare specifici requisiti, accanto a quelli sanitari per i quali sarà necessario sottoporsi ad una visita specifica.

La pensione è riconosciuta agli invalidi di età compresa tra i 18 e i 67 anni, ma non è necessario soltanto rientrare nei limiti anagrafici previsti per legge ma anche rispettare il limite di reddito che, per il 2019, è pari a 16.814,34 euro.

Accanto ai requisiti di cui sopra, per poter fare domanda è necessario essere:

  • cittadino straniero comunitario iscritto all’anagrafe del comune di residenza;
  • cittadino straniero extracomunitario in possesso del permesso di soggiorno di almeno un anno, anche se privo di permesso di soggiorno CE di lungo periodo (articolo 41 del Testo unico sull’immigrazione);
  • avere residenza stabile e abituale sul territorio nazionale.

Importo pensione di invalidità 2019

L’importo della pensione di invalidità è pari a 285,66 euro a partire dal 1° gennaio 2019 ed è erogata per 13 mensilità.

Su questo punto è necessario fare una piccola precisazione: nel corso dell’iter che ha portato all’approvazione del decreto sul reddito di cittadinanza si era parlato di un possibile aumento automatico a 780 euro delle pensioni di invalidità.

Tale annuncio non è stato tradotto in pratica, fermo restando la possibilità per gli invalidi e disabili di accedere all’integrazione del reddito, nel rispetto dei requisiti generali previsti per tutti i soggetti in situazione di disagio economico.

Tuttavia proprio in merito al calcolo dei requisiti economici per l’accesso all’aumento a 780 euro, il decreto nasconde una beffa per i titolari dell’assegno di invalidità: l’importo erogato dall’INPS, pari ad un totale di circa 3.713 euro annui, sarà calcolato interamente nell’ISEE ai fini dell’accesso alla maggiorazione prevista dal Reddito di Cittadinanza.

Insomma, non ci sono state misure specifiche per i disabili e nonostante gli annunci, l’importo dell’assegno mensile resta ancorato ai 285 euro mensili.

Dopo questo piccolo accenno all’attualità, torniamo a noi e vediamo come fare per richiedere la pensione di invalidità civile INPS 2019.

Domanda invalidità civile INPS 2019

Per poter beneficiare dell’assegno mensile per invalidità civile totale è necessario sottoporsi prima alla visita per il riconoscimento della minorazione.

L’iter per il riconoscimento dei requisiti sanitari prevede innanzitutto l’acquisizione del certificato medico introduttivo da parte del proprio medico di base. Il codice riportato nel certificato dovrà essere inserito nella domanda di accertamento sanitario, da inviare all’INPS tramite il servizio “Invalidità civile - Procedure per l’accertamento del requisito sanitario (InvCiv2010)”.

La domanda potrà essere inviata sia direttamente dal cittadino, accedendo al portale INPS con SPID o con il PIN dell’Istituto, ovvero per il tramite di CAF o patronati.

Dopo la visita effettuata dai medici legali, l’INPS invierà tramite raccomandata o a mezzo PEC il verbale di invalidità civile, contenete la percentuale di inabilità riconosciuta.

L’iter di presentazione della domanda non finisce qui: una volta ricevuto il verbale con il riconoscimento della minorazione, il cittadino deve presentare il modulo AP70 utilizzando il servizio “Invalidità civile - Invio dati socio-economici e reddituali per la concessione delle prestazioni economiche”.

Soltanto una volta accertato il possesso dei requisiti sanitari ed economici sarà erogata la pensione di invalidità civile, a partire dal primo giorno del mese successivo a quello di presentazione della domanda.

Questo sito contribuisce all'audience di Logo money.it