Assegno invalidità INPS 2019: requisiti, importo e come fare domanda

Anna Maria D’Andrea - Leggi e prassi

Assegno invalidità INPS mensile per l'assistenza ad invalidi parziali: ecco requisiti, percentuale disabilità, importo e istruzioni per presentare domanda.

Assegno invalidità INPS 2019: requisiti, importo e come fare domanda

L’assegno mensile di invalidità è una prestazione economica riconosciuta dall’INPS agli invalidi parziali. Anche nel 2019 sarà possibile presentare domanda e beneficiare dell’importo riconosciuto nel caso di ridotta capacità lavorativa.

Per aver diritto all’assegno mensile di assistenza è necessario rispettare specifici requisiti, che vanno dalla percentuale di invalidità riconosciuta fino ai limiti di reddito e all’età del beneficiario. Non è sempre necessario aver diritto ai benefici della legge 104, ma sarà altresì obbligatorio superare una visita di accertamento specifica effettuata dai medici INPS.

Non sono rari i casi in cui si crea confusione tra assegno e pensione di invalidità: la differenza tra le due prestazioni per invalidità civile sta nella percentuale di invalidità richiesta al richiedente nonché nei limiti di reddito previsti per l’accesso alla prestazione assistenziale.

L’assegno mensile di assistenza è anche noto come la pensione per gli invalidi parziali, ovvero per i soggetti ai quali è stata riconosciuta una riduzione della capacità lavorativa non totale. La percentuale di invalidità necessaria per poter fare domanda all’INPS è compresa tra il 74% e il 99%, mentre il limite di reddito annuo nel 2019 è fissato a 4.906,98 euro.

Assegno invalidità INPS 2019: requisiti e come funziona

L’assegno mensile di invalidità è una prestazione economica riconosciuta nei confronti dei soggetti per i quali è stata riconosciuta una riduzione parziale della capacità lavorativa.

L’assegno spetta per 13 mensilità e l’importo riconosciuto è pari a 285,66 euro.

Chi può fare domanda e richiederle l’assegno mensile di assistenza? Facciamo il punto su quali sono i requisiti richiesti nel 2019 per poter fare domanda all’INPS:

  • percentuale di invalidità compresa tra il 74% e il 99%;
  • reddito annuo non superiore a 4.906,98 euro;
  • età compresa tra i 18 e i 67 anni.

Oltre ai requisiti economici, di reddito e relativi al riconoscimento dell’invalidità sarà necessario essere in possesso di cittadinanza italiana. Gli stranieri ne hanno diritto soltanto se in possesso di permesso di soggiorno di lungo periodo.

Domanda assegno invalidi parziali dopo visita di accertamento sanitario

Per poter beneficiare dell’assegno mensile per gli invalidi parziali il cittadino dovrà innanzitutto richiedere il riconoscimento dei requisiti sanitari. L’iter di domanda si articolo quindi in due passaggi:

  1. domanda per l’accertamento sanitario, da presentare tramite il servizio Invalidità civile - Invio domanda di riconoscimento dei requisiti sanitari (InvCiv2010) inserendo il codice introduttivo rilasciato dal proprio medico di base. La visita di accertamento si concluderà con l’invio da parte dell’INPS del verbale di invalidità (tramite raccomandata o tramite PEC), all’interno del quale è indicata la percentuale di invalidità riconosciuta;
  2. ricevuto il verbale con il riconoscimento della minorazione, il cittadino deve presentare il modello AP70 utilizzando il servizio Invalidità civile - Invio dati socio-economici e reddituali per la concessione delle prestazioni economiche.

La domanda potrà essere presentata online sul sito INPS (accedendo con codice fiscale e PIN oppure con le credenziali SPID) oppure rivolgendosi presso gli enti di patronato e le associazioni di categoria dei disabili (ANMIC, ENS, UIC, ANFASS).

Assegno incompatibile con altre prestazioni per invalidità

L’assegno mensile per gli invalidi parziali è incompatibile con qualsiasi altra pensione diretta e indiretta di invalidità (erogate a qualsiasi titolo dall’Assicurazione Generale Obbligatoria e da altri Enti ai lavoratori dipendenti e autonomi) e con le pensioni dirette di invalidità per causa di guerra, di lavoro (INAIL) o di servizio (quindi anche con le rendite INAIL). L’interessato potrà scegliere di mantenere l’assegno più favorevole.

Se la situazione di incompatibilità si manifesta dopo la concessione dell’assegno mensile, l’invalido ha l’obbligo di comunicarlo all’INPS entro 30 giorni dalla notifica del provvedimento con il quale gli viene riconosciuto da parte di un altro ente il trattamento pensionistico di invalidità incompatibile.

L’assegno mensile di invalidità è altresì incompatibile con l’attività lavorativa, salvo i casi in cui i redditi percepiti non superino i 4.800 euro annui.

Questo sito contribuisce all'audience di Logo money.it