Rimborso Iva 2018, tempi ridotti. Ecco il decreto MEF

Rimborso Iva, tempi ridotti a partire dal 1° gennaio 2018: ecco le novità e le regole previste dal decreto MEF pubblicato in Gazzetta Ufficiale dell'8 gennaio 2018.

Rimborso Iva 2018, tempi ridotti. Ecco il decreto MEF

Rimborso Iva veloce dal 2018: si riducono i tempi di attesa secondo quanto previsto dal decreto MEF sui rimborsi da conto fiscale del 22 dicembre 2017, pubblicato in Gazzetta Ufficiale dell’8 gennaio 2018.

Si tratta di una novità prevista dal comma 4 bis, articolo 1, del DL 50/2017, con il quale si stabilisce che a partire dal 1° gennaio 2018 i rimborsi in conto fiscale sono pagati direttamente ai contribuenti dalla struttura di gestione dell’Agenzia delle Entrate competente.

Il decreto del MEF pubblicato in Gazzetta Ufficiale stabilisce che tra i rimborsi spettanti ai contribuenti sarà data priorità ai crediti Iva, secondo specifiche regole e procedure.

I nuovi tempi per i rimborsi Iva e in conto fiscale veloci troveranno applicazione per tutti i crediti fiscali pagati ai contribuenti a partire dal 1° gennaio 2018, a prescindere dal periodo d’imposta a cui si riferiscono.

Di seguito il testo del decreto MEF del 22 dicembre 2017 pubblicato in GU dell’8 gennaio 2018 e tutte le novità.

Rimborso Iva 2018, tempi ridotti. Ecco il decreto MEF

Le novità principali del decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze, datato 22 dicembre 2017, sono contenute nell’articolo 3 del testo pubblicato in GU dell’8 gennaio.

Sulla base delle novità introdotte dal DL 50/2017, rese operative con provvedimento dell’Agenzia delle Entrate del 29 dicembre 2017, i rimborsi da conto fiscale saranno erogati direttamente dalla struttura di gestione competente, evitando il passaggio presso le tesorerie provinciali e beneficiando di un notevole risparmio di tempo.

Tra i rimborsi in conto fiscale, a partire dal 1° gennaio 2018, sarà data priorità al rimborso dell’Iva, a prescindere dal periodo d’imposta di riferimento; la procedura veloce con accredito diretto sul conto corrente ha validità anche per i rimborsi già richiesti nel 2017 e non ancora erogati.

Nel dettaglio, i fondi disponibili sono utilizzati per l’erogazione dei rimborsi secondo le seguenti regole e ordine:

  • data di erogabilità più remota;
  • data di presentazione più remota;
  • periodo di riferimento, infra annuale o annuale, più remoto;
  • importo minore.

Tempi rimborso Iva 2018

Tutti i rimborsi in conto fiscale saranno accreditate sull’IBAN dell’intestatario del credito direttamente dall’Agenzia delle Entrate. Questo comporterà che, se fino ad oggi è stato necessario attendere 90 giorni per l’erogazione dell’importo, a partire dal 1° gennaio 2018 i tempi di rimborso si ridurranno di quasi un mese.

Per i titolari di partita Iva e le imprese si tratta di una novità importante che viene confermata dai dati: nel solo 2017 sono stati erogati ben 12 miliardi di euro proprio a titolo di rimborso dell’imposta sul valore aggiunto.

Il testo del decreto del MEF stabilisce che, a fini procedurali, eventuali variazioni di dati o variazioni dei codici IBAN dei conti sui quali accreditare i rimborsi dovranno essere comunicate dai beneficiari agli ambiti provinciali e agli uffici territorialmente competenti in materia di rimborsi in conto fiscale.

Per ulteriori dettagli si allega di seguito il decreto MEF del 22 dicembre 2017 pubblicato nella Gazzetta Ufficiale dell’8 gennaio 2018:

PDF - 129.9 Kb
Decreto MEF 22 dicembre 2017 - Modalità di attuazione delle disposizioni in materia di rimborsi da conto fiscale
Scarica il testo del decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze pubblicato in Gazzetta Ufficiale dell’8 gennaio 2018