Iva prodotti alimentari: aliquota al 4% per verdure e legumi surgelati

Iva prodotti alimentari: è al 4% per le verdure e i legumi surgelati, anche se contengono olio che funge da agglomerante e sono grigliate tramite uno specifico procedimento. A chiarirlo è l'Agenzia delle Entrate con la consulenza giuridica numero 16 del 2019.

Iva prodotti alimentari: aliquota al 4% per verdure e legumi surgelati

Iva prodotti alimentari: per le verdure e i legumi surgelati l’aliquota rimane al 4% anche se sono grigliate tramite uno specifico procedimento e contengono una piccola quantità di olio che funge da agglomerante. Lo ha stabilito l’Agenzia delle Entrate con la consulenza giuridica numero 16 del 15 maggio 2019.

Verdure grigliate, basilico, olio non sono gli ingredienti di una ricetta, ma gli elementi oggetto di un parere tecnico richiesto all’Agenzia delle Dogane per sciogliere i dubbi sul valore dell’imposta di cui tener conto.

PDF - 355.2 Kb
Agenzia delle Entrate - consulenza giuridica numero 16 del 15 maggio 2019
Consulenza giuridica. Aliquota IVA dei prodotti vegetali surgelati.

Iva prodotti alimentari, aliquota al 4% per verdure e legumi surgelati

Per determinare la giusta aliquota da applicare a un prodotto, è necessario innanzitutto individuare in quale categoria si può classificare analizzando le sue caratteristiche.

Un’associazione si è posta il quesito sulla percentuale da applicare alle verdure grigliate surgelate e, come previsto dalla circolare numero 32 del 2010, si è rivolta in via preventiva all’Agenzia delle Dogane per verificare la corretta classificazione del prodotto.

Nella sua nota tecnica l’ente del Ministero delle Finanze ha concluso:

“Sulla base di quanto dichiarato dall’istante, si ritiene che i prodotti in oggetto possano essere classificati, nel rispetto delle Regole Generali per l’Interpretazione della Nomenclatura Combinata (in particolare Regole 1 e 6), nell’ambito del Capitolo 07 della Tariffa Doganale “Ortaggi o legumi, piante, radici e tuberi commestibili”, alla voce 0710: “ortaggi o legumi, anche cotti in acqua o al vapore, congelati”.

Con la consulenza giuridica numero 16 del 15 maggio 2019, l’Agenzia delle Entrate ha affermato che, in considerazione della classificazione effettuata dall’Agenzia delle Dogane, è possibile affermare che alle verdure grigliate surgelate si può applicare l’aliquota IVA del 4%, come previsto della Tabella A, parte II, allegata al d.P.R. n. 633 del 1972.

Iva prodotti alimentari al 4% per verdure e legumi surgelati: la classificazione dei prodotti

Classificare un prodotto per determinare la giusta aliquota IVA da applicare non è sempre così immediato: nel caso analizzato i dubbi nascono dal fatto che si tratta di verdure grigliate e che contengono olio.

L’Agenzia delle Dogane, infatti, specifica che nella la voce “ortaggi o legumi, anche cotti in acqua o al vapore, congelati” possono rientrate alimenti che:

“sono generalmente congelati industrialmente attraverso un processo di surgelamento e possono anche essere stati cotti in acqua o al vapore prima della congelazione. Ne sono per contro esclusi gli ortaggi o i legumi cotti con altri procedimenti o preparati con altri ingredienti”.

Nell’argomentare la consulenza giuridica, l’Agenzia delle Entrate chiarisce che le verdure sotto la lente di ingrandimento, anche se vendute come grigliate e quindi sottoposte a una cottura diversa da quella prevista, possono rientrare nella categoria che permette l’applicazione dell’aliquota IVA al 4%.

Gli ortaggi, infatti, vengono sottoposti a un particolare procedimento detto blanching, che è un trattamento termico superficiale e non può considerarsi un vero e proprio procedimento di cottura.

E anche la presenza di olio non li esclude dalla categoria “ortaggi o legumi, anche cotti in acqua o al vapore, congelati” perché si tratta di in una piccola percentuale, il 3%, e inoltre viene utilizzato come antiagglomerante e non come condimento.

Il caso analizzato dall’Agenzia delle Entrate dimostra che la ricetta per classificare un prodotto e stabilire la giusta aliquota da applicare non è sempre così facile da seguire.

Questo sito contribuisce all'audience di Logo money.it