Detrazioni dimenticate nel 730: si possono recuperare?

Anna Maria D’Andrea - Modello 730

Le detrazioni dimenticate possono essere recuperate dopo la scadenza del modello 730? In caso di omessa indicazione di spese detraibili vi sono due diverse possibilità di correzione e integrazione della dichiarazione dei redditi.

Detrazioni dimenticate nel 730: si possono recuperare?

Ogni anno, puntualmente, dopo la scadenza del 730 capita di trovare scontrini relative a detrazioni dimenticate e che pertanto sono state omesse dalla dichiarazione dei redditi.

Per beneficiare delle numerose detrazioni, deduzioni e bonus fiscali con il 730 è necessario conservare gli scontrini, le fatture e i documenti che attestino l’effettivo sostenimento della spesa ed è quasi naturale che alcuni di essi possano esser persi o dimenticati.

Frequenti sono i casi di spese mediche non inserite in dichiarazione dei redditi relative ad anni passati e che, qualora portate in detrazione, consentirebbero di beneficiare di detrazioni di importo anche elevato. Stessa cosa per spese di ristrutturazione o per altri bonus fiscali omessi.

Si possono richiedere le detrazioni fiscali dimenticate e omesse relative ad anni passati o dopo la scadenza per presentare il modello 730? La risposta è sì e i contribuenti hanno a disposizione due diverse possibilità in base a quando vengono apportate le integrazioni alla dichiarazione dei redditi.

Detrazioni dimenticate: modello 730 integrativo fino al 25 ottobre 2018

Chi ha omesso di indicare in dichiarazione dei redditi spese detraibili relative al 2017 può inviare il modello 730 integrativo entro la scadenza del 25 ottobre 2018.

Il modello 730 integrativo 2018 può essere presentato per correggere o integrare la dichiarazione dei redditi in caso di errori che comportino uno svantaggio per il contribuente.

In pratica, si usa qualora le integrazioni comportano un maggior credito o un minor debito d’imposta, caso tipico di eventuali detrazioni fiscali dimenticate e omesse nel modello originario.

La dichiarazione integrativa dovrà essere presentata obbligatoriamente presso un Caf o un professionista abilitato, anche nel caso di presentazione del 730/2018 tramite il sostituto d’imposta o se è stata inviata la dichiarazione precompilata.

Per ulteriori dettagli si consiglia la lettura dell’articolo dedicato al modello 730 integrativo 2018.

Detrazioni di anni passati dimenticate: come recuperarle

Cosa fare per recuperare un credito Irpef dopo la scadenza per il modello 730 integrativo?

Per non perdere il diritto a beneficiare delle detrazioni fiscali dimenticate relative ad anni passati i contribuenti possono presentare un modello Redditi integrativo entro la scadenza di cinque anni dalla presentazione della dichiarazione originaria e, più nello specifico, entro il 31 dicembre del quinto anno successivo.

In caso di integrativa a favore non sono previste sanzioni a carico del contribuente, ma l’attesa per l’erogazione del bonus spettante potrebbe essere tutt’altro che breve. Al contrario, qualora le correzioni comportino un maggior debito o un minor credito, il contribuente è tenuto a pagare una sanzione amministrativa proporzionata al ritardo del versamento.

Per velocizzare i tempi di erogazione del credito spettante, si ricorda, è possibile richiederne l’utilizzo in compensazione per evitare attese eccessivamente lunghe.

In ogni caso, la presentazione dell’integrativa a favore non interrompe procedure di addebito o accredito Irpef già avviate dall’Agenzia delle Entrate sulla base della dichiarazione originaria trasmessa.