Rimborso 730/2018: cos’è, come funziona e quando arriva

Anna Maria D’Andrea - Modello 730

Rimborso Irpef modello 730/2018 in busta paga: quando arriva e come funziona?

Rimborso da modello 730/2018 dell’Irpef versata in eccedenza: quando arriva e come funziona?

Chi ha presentato la dichiarazione dei redditi con il modello 730 precompilato o ordinario riceverà l’importo a credito emerso durante le operazioni di conguaglio fiscale direttamente in busta paga o nella pensione.

Tuttavia è bene chiarire che accanto al rimborso Irpef del 730, ci sono anche numerosi casi di contribuenti a debito, ovvero per i quali le operazioni di conguaglio comporteranno l’emergere di un debito e quindi di trattenute nello stipendio.

Di seguito vediamo nello specifico cos’è e come funziona il rimborso Irpef e qual è la data in cui verrà pagato l’importo a credito emerso nel conguaglio del modello 730/2018.

Rimborso modello 730/2018: cos’è e come funziona la restituzione dell’Irpef pagata in eccesso

Ogni anno, i contribuenti che presentano la dichiarazione dei redditi effettuano il conteggio esatto dell’Irpef dovuta e l’importo può spesso essere inferiore a quanto addebitato dal datore di lavoro o dall’ente pensionistico in busta paga.

Questo perché, come ormai sapranno i nostri lettori, con il modello 730/2018 si dichiarano non soltanto i redditi percepiti ma anche le spese sostenute che danno diritto ad una detrazione Irpef ovvero ad una deduzione dal reddito.

Qualora dalle operazioni di conguaglio fiscale effettuate dall’Agenzia delle Entrate la dichiarazione dovesse risultare a credito, allora si avrà diritto al rimborso dell’Irpef.

Per beneficiarne i lavoratori dipendenti e pensionati non dovranno fare nulla: ad erogarlo direttamente in busta paga o nell’assegno della pensione sarà il datore di lavoro o l’ente pensionistico.

I lavoratori che, invece, attualmente non hanno un sostituto d’imposta, riceveranno il rimborso dell’Irpef direttamente dall’Agenzia delle Entrate sul conto corrente, qualora abbiano indicato in sede di compilazione del modello 730 precompilato, il proprio codice Iban.

Al contrario, per i contribuenti senza sostituto d’imposta che non hanno scelto l’accredito diretto, l’Agenzia delle Entrate invia una comunicazione che invita a presentarsi presso un ufficio postale per riscuotere il rimborso d’imposta in contanti, per importi fino a 1.000 euro.

Nel caso di importo superiore a 1.000 euro il rimborso Irpef verrà elargito tramite vaglia inviato dalla Banca d’Italia.

Quando arriva il rimborso Irpef 2018

Non sono cambiate le date entro le quali verrà accreditato l’importo a credito emerso dalla dichiarazione dei redditi 2018.

Per chi ha presentato il modello 730/2018, il rimborso fiscale arriverà con la busta paga del mese di luglio (per i lavoratori dipendenti) e all’interno dell’assegno di pensione tra il mese di agosto e settembre.

Anche in questo caso, il contribuente beneficiario dell’accredito dell’importo non dovrà fare nulla e sarà il datore di lavoro o ente pensionistico, che opera come sostituto d’imposta, ad effettuare le operazioni di conguaglio fiscale e gli accrediti ovvero addebiti Irpef nel caso di 730 a debito.

Si ricorda, invece, che per i contribuenti che presentano la dichiarazione dei redditi con il modello Unico, l’eventuale importo di rimborso Irpef riconosciuto verrà erogato con dei tempi molto più larghi: l’Agenzia delle Entrate impiega, solitamente, fino a due anni di tempo per l’erogazione del credito spettante.

Per tutte le regole e per approfondire su quando, invece, scattano le trattenute per addebito Irpef, i lettori possono far riferimento alla guida dedicata.