Bonus locazioni commerciali: a quali soggetti spetta fino a luglio 2021

Bonus locazioni commerciali: dal 9 settembre scorso è possibile compilare il nuovo modulo predisposto dall'Agenzia delle Entrate per richiedere l'agevolazione sugli affitti relativa ad alcuni mesi del 2021. Le istruzioni per orientarsi tra le regole.

Bonus locazioni commerciali: a quali soggetti spetta fino a luglio 2021

Bonus locazioni commerciali: l’Agenzia delle Entrate con provvedimento numero 228685/2021 ha pubblicato le istruzioni relative al nuovo modulo necessario al fine di poter effettuare la cessione del credito spettante a fronte dei canoni di locazione pagati nel 2021 ai fini commerciali.

Ma quali sono le mensilità spettanti? Come si differenziano in base ai soggetti richiedenti e quale è il nuovo metodo di calcolo?

Il bonus affitti concesso dall’Agenzia delle Entrate in precedenza era destinato ai soggetti che avevano subito un calo del fatturato medio mensile di almeno il 50 per cento nei mesi di marzo, aprile e maggio 2020 a confronto con il 2019, successivamente esteso con l’art. 8 del D.L 137/2020 anche ai mesi di ottobre, novembre e dicembre.

Bonus locazioni commerciali: estensione e calcolo

Il bonus affitti commerciali 2021 prevede anche la possibilità di cedere il 60 per cento, il 40 per cento o il 20 per cento del canone mensile versato, nei mesi compresi tra gennaio e maggio, estendibile fino a luglio in particolari condizioni.

Le istruzioni sul nuovo modulo di cessione che è possibile utilizzare fino al 31 dicembre sono state pubblicate dall’Agenzia delle Entrate lo scorso 8 settembre con provvedimento numero 228685/2021.

Agenzia delle Entrate - Provvedimento numero 228685 del 7 settembre 2021
Modifica al modello per la comunicazione della cessione dei crediti d’imposta riconosciuti per fronteggiare l’emergenza da COVID-19 e alle relative istruzioni.

Partendo dalla modalità del possesso dei requisiti si dovranno effettuare le seguenti considerazioni:

  • l’art. 28 del DL 34/2020 prevedeva la possibilità di accesso al beneficio solo per i soggetti che avevano conseguito fino a 5 milioni di ricavi;
  • l’art. 4 al comma 2 del DL 73/2021 estende la possibilità di potervi accedere a pieno a tutti coloro che hanno conseguito fino a 15 milioni di ricavi nel 2019;
  • l’art. 4 al comma 2-bis del D.L 73/2021 implementa la possibilità per coloro che ne hanno conseguiti oltre i 15 milioni stabilendo però delle percentuali diverse di spettanza del bonus;
  • per i soggetti turistico-ricettivi ed agenzie di viaggio è previsto un diverso metodo di calcolo dei requisiti.

Il calcolo da dover effettuare per poter comprendere se siamo in presenza dei requisiti necessari è il seguente:

“Spetta a condizione che l’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi del periodo compreso tra il 1° aprile 2020 e il 31 marzo 2021 sia inferiore almeno del 30 per cento rispetto all’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi del periodo compreso tra il 1° aprile 2019 e il 31 marzo 2020”.

Sarà quindi necessario prendere in considerazione i mesi specifici e metterli a confronto con l’annualità precedente ed effettuare poi la media delle percentuali.

Nel caso in cui si riscontri un calo del fatturato medio mensile pari almeno al 30 per cento sarà possibile procedere con la compilazione della domanda.

Unica eccezione: il credito d’imposta spetta anche in assenza dei requisiti di cui al periodo precedente ai soggetti che hanno iniziato l’attività a partire dal 1° gennaio 2019.

Per quanto riguarda invece le strutture turistico alberghiere, il legislatore all’art. 28 del DL 34/2020 così come modificato dal DL 73/2021 ha previsto che
per le imprese turistico-ricettive, le agenzie di viaggio e i tour operator, il credito d’imposta spetta fino al 31 luglio 2021, a condizione che abbiano subito una diminuzione del fatturato o dei corrispettivi nel mese di riferimento dell’anno 2021 di almeno il 50 per cento rispetto allo stesso mese dell’anno 2019”.

In questo caso quindi è necessario che si verifichi un calo di almeno il 50 per cento e non del 30 per cento.

Bonus locazioni commerciali: calcolo e importo spettante

Al fine di poter comprendere l’entità effettiva spettante ai soggetti destinatari del bonus affitti 2021 sarà necessario partire con il suddividere i soggetti nel seguente modo:

  • soggetti che hanno ricavi entro i 15 milioni;
  • soggetti che hanno ricavi oltre i 15 milioni;
  • imprese turistico-ricettive, le agenzie di viaggio e i tour operator.

Precedentemente l’art. 28 del d.l 34/2020 prevedeva l’accesso al bonus affitti solo ai soggetti aventi ricavi fino ad un massimo di 5 milioni, mentre invece il legislatore ha così previsto la possibilità di estendere tale beneficio fino alla soglia dei 15 milioni mantenendo la percentuale del credito spettante al:

  • 60 per cento dell’importo mensile versato a titolo di canone di locazione, di leasing o di concessione di immobili ad uso non abitativo destinati allo svolgimento dell’attività industriale, commerciale, artigianale, agricola, di interesse turistico o all’esercizio abituale e professionale dell’attività di lavoro autonomo;
  • 30 per cento dell’importo mensile in caso di contratti di servizi a prestazioni complesse o di affitto d’azienda, comprensivi di almeno un immobile a uso non abitativo destinato allo svolgimento dell’attività industriale, commerciale, artigianale, agricola, di interesse turistico o all’esercizio abituale e professionale dell’attività di lavoro autonomo.

Discorso diverso deve essere fatto per i soggetti che nel 2019 hanno superato i ricavi di oltre 15 milioni, per loro difatti il legislatore ha previsto delle percentuali inferiori, così come previsto dall’art. 4 comma 2 bis del D.L 73/2021, e nel dettaglio si tratta del:

  • 40 per cento dell’importo mensile versato a titolo di canone di locazione, di leasing o di concessione di immobili ad uso non abitativo destinati allo svolgimento dell’attività industriale, commerciale, artigianale, agricola, di interesse turistico o all’esercizio abituale e professionale dell’attività di lavoro autonomo;
  • 20 per cento dell’importo mensile in caso di contratti di servizi a prestazioni complesse o di affitto d’azienda, comprensivi di almeno un immobile a uso non abitativo destinato allo svolgimento dell’attività industriale, commerciale, artigianale, agricola, di interesse turistico o all’esercizio abituale e professionale dell’attività di lavoro autonomo.

Anche in questo caso per le imprese turistico-ricettive, le agenzie di viaggio e i tour operator sono previste specifiche percentuali:

  • 60 per cento dell’ammontare mensile del canone di locazione di immobili a uso non abitativo destinati allo svolgimento dell’attività;
  • 50 per cento dell’ammontare mensile dei canoni per affitto d’azienda.

A tali soggetti, differentemente da quanto stabilito per le altre categorie di contribuenti ammessi all’incentivo, il credito spetta indipendentemente dal volume di ricavi e compensi registrato nel 2019, non vi è quindi suddivisione tra ricavi superiori o inferiori a 15 milioni.

Bonus locazioni commerciali: stensione delle mensilità e soggetti destinatari

Diverse modalità di determinazione dei requisiti, differenti percentuali di spettanza del credito ed infine anche una estensione del periodo oggetto di bonus specifica per alcune tipologie di soggetti.

Il bonus affitti 2021 può essere richiesto per l’intervallo dei mesi compresi tra gennaio e maggio 2021 o per l’intervallo compreso tra gennaio e luglio 2021, sulla base della tipologia di soggetto che ne fa richiesta:

  • fino a maggio 2021: soggetti esercenti attività d’impresa, arte o professione, enti non commerciali, compresi gli enti del terzo settore e gli enti religiosi civilmente riconosciuti;
  • fino a luglio 2021: imprese turistico-ricettive, le agenzie di viaggio e i tour operator.

Al fine di poter meglio determinare quali soggetti appartengono alle categorie “turistico-ricettive, agenzie di viaggio e tour operator” è opportuno consultare la specifica tabella con codici ateco 2007.

Codici ATECO delle imprese turistico-ricettive, delle agenzie di viaggio e dei tour operator

Informazione Fiscale S.r.l. - P.I. / C.F.: 13886391005
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Velletri al n° 14/2018
Iscrizione ROC n. 31534/2018

Redazione e contatti | Informativa sulla Privacy

Preferenze privacy
Logo registrato

Questo sito contribuisce all'audience di Logo Evolution adv Network