Superbonus: come si calcola il completamento dei lavori al 60 per cento utile per la proroga?

Rosy D’Elia - Irpef

Superbonus: il completamento dei lavori al 60 per cento utile per poter beneficiare della proroga, o per meglio dire della scadenza più lunga, si calcola tenendo conto di tutti gli interventi da effettuare. Lo chiarisce l'Agenzia delle Entrate con la risposta all'interpello numero 791 del 24 novembre 2021.

Superbonus: come si calcola il completamento dei lavori al 60 per cento utile per la proroga?

Superbonus: secondo le regole attualmente in vigore, per gli interventi effettuati su edifici fino a 4 unità immobiliari in caso di completamento dei lavori al 60 per cento alla data del 30 giugno 2022 è possibile beneficiare della proroga, o per meglio dire della scadenza più lunga, al 31 dicembre 2022.

Ma come si calcola la percentuale? Lo chiarisce l’Agenzia delle Entrate con la risposta all’interpello numero 791 del 24 novembre 2021, che arriva in un momento di evoluzione della tabella di marcia da rispettare per accedere alla detrazione del 110 per cento: la Legge di Bilancio 2022 contiene, infatti, una serie di novità.

Come di consueto, l’analisi di un caso pratico è la giusta occasione per fare luce sulle regole attuali.

Superbonus: come si calcola il completamento dei lavori al 60 per cento utile per la proroga?

Protagonista è un contribuente che intende effettuare un intervento di ristrutturazione edilizia di un edificio di cui è comproprietario, insieme ad altre persone fisiche, costituito da tre appartamenti di categoria A/4 ed un deposito pertinenziale di categoria C/2, che con il completamento dei lavori diventeranno cinque appartamenti e tre box auto.

La tabella di marcia prevista per i lavori è la seguente:

  • completamento degli interventi, con le opere di finizione ed impiantistiche, entro i termini di validità del permesso di costruire, ovvero entro tre anni;
  • conclusione delle opere con valenza strutturale entro il 31 dicembre 2022 con il raggiungimento del 60 per cento entro giugno 2022.

Il contribuente intende fruire solo del Superbonus introdotto dall’articolo 119 del Decreto Rilancio relativo agli interventi antisismici e non anche per quelli di efficientamento energetico e si rivolge all’Agenzia delle Entrate per verificare come calcolare il raggiungimento del 60 per cento dei lavori effettuati.

In particolare, intende verificare la possibilità di considerare solo le opere di miglioramento sismico per valutare il raggiungimento della soglia richiesta per accedere alla proroga al 31 dicembre 2022.

Dall’Agenzia delle Entrate, però, con la risposta all’interpello numero 791 del 24 novembre 2021 arriva un chiaro veto:

“Stante la formulazione della norma, ai fini della verifica della circostanza che al 30 giugno 2022 sia stato realizzato almeno il 60 per cento dell’intervento "complessivo", tale percentuale va commisurata all’intervento complessivamente considerato e non solo ai lavori antisismici”.

Agenzia delle Entrate - Risposta all’interpello numero 791 del 24 novembre 2021
Superbonus - criteri per il raggiungimento della percentuale del 60% dei lavori di cui al comma 8-bis dell’articolo 119 del decreto legge 19 maggio 2020, n. 34.

Superbonus: come funziona la proroga in caso di completamento dei lavori al 60 per cento

Non basta, quindi, considerare l’avanzamento del singolo intervento agevolabile per allungare i tempi del Superbonus al 31 dicembre 2022, ma è necessario considerare complessivamente in lavori in corso.

Si tratta di una regola di calcolo fondamentale per una lettura chiara della tabella di marcia da rispettare per accedere alla detrazione del 110 per cento, che si fa sempre più complessa con le novità in arrivo con la Legge di Bilancio 2022.

I contribuenti che intendono beneficiare del Superbonus dovranno rispettare tempi diversi in base alla tipologia di immobili su cui vengono effettuati i lavori. Le scadenze in vigore sono descritte in tabella.

SuperbonusScadenzaEstensione per lavori completati al 60 per cento
Lavori su edifici singoli 30 giugno 2022 -
Lavori su condomini 31 dicembre 2022 -
Lavori su edifici composti da 2 a 4 unità immobiliari di un unico proprietario o in comproprietà 30 giugno 2022 31 dicembre 2022
IACP 30 giugno 2023 31 dicembre 2023

Ma, stando al testo del DDL attualmente in esame al Senato, il calendario cambierà come segue.

SuperbonusScadenzaCondizioni poste dalla legge di Bilancio 2022
Lavori su edifici singoli 31 dicembre 2022 Comunicazione di inizio lavori asseverata o avvio delle procedure per l’acquisizione del titolo abilitativo entro il 30 settembre. Isee non superiore a 25mila euro e lavori su immobile adibito ad abitazione principale
Lavori su condomini e Lavori su edifici composti da 2 a 4 unità immobiliari di un unico proprietario o in comproprietà 31 dicembre 2025 Con un meccanismo di riduzione del beneficio:

  • 110 per cento per le spese sostenute fino al 31 dicembre 2023;
  • 70 per cento nel 2024;
  • 65 per cento nel 2025
IACP e cooperative di abitazione a proprietà indivisa che effettuano interventi su immobili dalle stesse posseduti e assegnati in godimento ai propri soci 31 dicembre 2023 Completamento dei lavori per almeno il 60 per cento dell’intervento complessivo

Per la conferma ufficiale del mosaico di scadenze delineato dalla legge di Bilancio 2022 è necessario, in ogni caso, attendere l’approvazione definitiva del testo che arriverà entro l’anno.

Informazione Fiscale S.r.l. - P.I. / C.F.: 13886391005
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Velletri al n° 14/2018
Iscrizione ROC n. 31534/2018

Redazione e contatti | Informativa sulla Privacy

Preferenze privacy
Logo registrato

Questo sito contribuisce all'audience di Logo Evolution adv Network