Super ammortamento 130 nel 2018

Anna Maria D’Andrea - Dichiarazioni e adempimenti

Super ammortamento al 130 per cento a partire dal 2018: ecco le novità previste e cosa cambia sul bonus per l'acquisto di beni strumentali.

Super ammortamento 130 nel 2018

Super ammortamento 130 per cento nel 2018: è questa una delle novità previste dalla Legge di Bilancio 2018 che cambia le regole sul bonus per le imprese che investono in beni strumentali nuovi.

La proroga del super ammortamento modifica l’aliquota di deduzione che per gli acquisti effettuati dal 1° gennaio 2018 non sarà più del 140 per cento e calerà, seppur di poco, lasciando inoltre fuori dall’incentivo i veicoli strumentali.

Si tratta di una delle novità attualmente previste dal testo della Legge di Bilancio 2018, in cui al comma 14 dell’articolo 1 si legge che la proroga del super ammortamento comporterà alcune modifiche rispetto a quanto previsto negli anni precedenti.

Per molti le novità introdotte faranno calare l’interesse delle imprese relativamente al bonus per i beni strumentali; le criticità non riguardano tanto il fatto che il super ammortamento sarà del 130 per cento dal 2018 ma che resteranno fuori dall’agevolazione veicoli e altri mezzi di trasporto. Vediamo cosa cambia.

Super ammortamento 130 nel 2018: ecco le novità

A partire dagli acquisti in beni strumentali nuovi effettuati dal 1° gennaio 2018 l’aliquota di deduzione del super ammortamento scenderà dal 140 al 130 per cento.

Quindi, a partire dal 2018, le imprese che effettueranno investimenti in beni materiali strumentali nuovi, potranno beneficiare della maggiorazione del costo di acquisizione nella misura del 30 per cento.

Resterà pari al 140 per cento invece il super ammortamento riconosciuto in merito al costo di acquisizione dei beni immateriali (software), l’agevolazione rivolta alle imprese che effettuano investimenti in beni interconnessi ammessi all’iperammortamento del 250 per cento.

Scadenze e novità del super ammortamento 2018

Per beneficiare della deduzione contabile prevista dal super ammortamento del 130 per cento, la Legge di Bilancio 2018 stabilisce che i titolari di redditi d’impresa e gli esercenti arti e professioni saranno ammessi al beneficio nel rispetto delle seguenti scadenze:

  • investimenti in beni materiali strumentali nuovi effettuati dal 1° gennaio al 31 dicembre 2018;
  • proroga fino al 30 giugno 2019 qualora entro il 31 dicembre 2018 risulti accettato l’ordine dal venditore e sia avvenuto il pagamento di acconti nella misura pari almeno al 20% del costo di acquisizione del bene.

Con la proroga del super ammortamento al 2018, come già anticipato, non cambia soltanto l’aliquota di deduzione che passa al 130 per cento, ma anche l’elenco dei beni ammessi all’incentivo. Restano fuori i veicoli, anche se strumentali all’attività di impresa.

Veicoli e auto strumentali esclusi dalla proroga del super ammortamento 2018

L’aumento del costo di acquisizione del 30 per cento prorogato per tutto il 2018 esclude dal super ammortamento veicoli e altri mezzi di trasporto.

L’esclusione dal super ammortamento riguarda veicoli e auto sia che vengano utilizzati esclusivamente per l’esercizio d’impresa e sia che siano utilizzati per finalità non esclusivamente imprenditoriali (art. 164, comma 1 TUIR).

In sostanza, mentre la Legge di Bilancio 2017 riconosceva la possibilità di beneficiare del super ammortamento per veicoli e altri mezzi di trasporto qualora rivestissero un uso strumentale all’attività d’impresa, la Manovra 2018 - in corso di discussione alla Camera - esclude totalmente tali beni dall’agevolazione.

Sono esclusi inoltre dalla proroga del super ammortamento anche gli investimenti in beni strumentali per i quali è stata già beneficiata la proroga prevista dall’art. 1, comma 8 della Legge di Bilancio 2017, ovvero il versamento di acconti pari almeno al 20% entro il 31 dicembre 2017 e il completamento dell’investimento entro il 30 giugno 2018.