Rottamazione ter cartelle 2019, in arrivo la comunicazione con importo e scadenze per pagare

Rottamazione ter cartelle 2019: in arrivo la comunicazione AdER che entro il 30 giugno dovrà informare sull'accoglimento totale o parziale della definizione agevolata o sull'eventuale rigetto.

Rottamazione ter cartelle 2019, in arrivo la comunicazione con importo e scadenze per pagare

Rottamazione ter cartelle 2019, parte la fase due: è in arrivo la comunicazione dell’AdER con l’importo dovuto e le scadenze da rispettare per il versamento delle rate.

È il 30 giugno 2019 la scadenza per l’invio da parte dell’Agenzia delle Entrate Riscossione della lettera di accoglimento o rigetto della domanda di rottamazione delle cartelle, una data spartiacque per i contribuenti che hanno richiesto di accedere alla pace fiscale.

Sono tre le possibilità: la rottamazione ter delle cartelle potrà essere accolta totalmente, soltanto per alcuni dei debiti indicati nella domanda, oppure rigettata.

Nei primi due casi, la comunicazione dell’AdER in arrivo in questi giorni informerà sull’esatto importo dovuto così come delle scadenze per il pagamento. La rottamazione ter delle cartelle entra nel vivo, proprio nei giorni in cui si attende l’ufficialità della riapertura dei termini della pace fiscale.

Rottamazione ter cartelle 2019, in arrivo la comunicazione AdER

Riceveranno la comunicazione dell’AdER entro il 30 giugno 2019 tutti i contribuenti che entro il 30 aprile scorso hanno fatto domanda di adesione alla rottamazione ter delle cartelle.

Sono cinque le tipologie di lettere che saranno recapitate dall’Agenzia delle Entrate Riscossione, con altrettante cinque diverse diciture che decreteranno l’accoglimento totale o parziale ovvero il rifiuto della domanda di pace fiscale.

La Comunicazione-ter potrà riportare la dicitura:

  • AT - Accoglimento totale della tua richiesta: i debiti contenuti nella dichiarazione di adesione presentata sono interamente “rottamabili” e nella lettera è indicato l’importo da pagare a titolo di Definizione agevolata.
  • AP - Accoglimento parziale della tua richiesta: i debiti contenuti nella dichiarazione di adesione presentata sono in parte “rottamabili” e in parte “non rottamabili”. Per entrambe le tipologie nella lettera è indicato l’importo da pagare.
  • AD - I debiti contenuti nella dichiarazione di adesione presentata sono interamente “rottamabili” e nessun importo risulta dovuto; pertanto nella lettera non è indicato alcun importo da pagare a titolo di Definizione agevolata.
  • AX - I debiti contenuti nella dichiarazione di adesione presentata sono in parte “rottamabili” e nessun importo risulta dovuto; pertanto nella lettera non è indicato alcun importo da pagare a titolo di Definizione agevolata. Sono presenti inoltre debiti in parte “non rottamabili” per i quali invece è indicato l’importo da pagare;
  • RI - Rigetto: i debiti contenuti nella dichiarazione di adesione presentata non sono "rottamabili" e nella lettera è indicato l’importo da pagare.

Nel caso di comunicazione di accoglimento della rottamazione ter, l’Agenzia delle Entrate invierà anche il totale delle somme dovute e la ripartizione in caso di versamento a rate richiesto al momento della presentazione della domanda entro il 30 aprile 2019 (fino ad un massimo di 18 rate).

Nel caso in cui il piano sia ripartito in più di dieci rate, il contribuente riceverà i primi 10 bollettini (allegati alla Comunicazione) per il pagamento delle prime dieci rate.

Prima della scadenza dell’undicesima rata, Agenzia delle entrate-Riscossione invierà gli ulteriori bollettini da utilizzare per i pagamenti successivi (dalla undicesima in poi), nonché renderà disponibile sul proprio portale un apposito servizio per scaricare la copia dei bollettini.

Rottamazione cartelle, “comunicazione 23” per i ritardatari di precedenti definizioni agevolate

Saranno individuate con la lettera “23” le comunicazioni rivolte ai contribuenti riammessi alla rottamazione ter delle cartelle 2019 dopo aver saltato le rate di precedenti definizioni agevolate.

Così come illustrato dall’Agenzia delle Entrate Riscossione, la comunicazione conterrà la ripartizione automatica dell’importo residuo ancora dovuto a titolo di Definizione agevolata, in 10 rate unitamente ai bollettini per effettuare il pagamento.

Questa Comunicazione riguarda tutti coloro che:

  • hanno aderito alla “rottamazione-bis” (DL 148/2017), la richiesta è stata accolta e i pagamenti delle rate in scadenza nel mese di luglio/settembre/ottobre 2018 del piano di Definizione agevolata a suo tempo concesso sono stati regolari;
  • hanno aderito alle precedenti “Definizioni” e risultavano risiedere in uno dei Comuni del Centro Italia colpiti dagli eventi sismici del 2016 e del 2017.

In ambedue i casi la prima rata dovrà essere pagata entro la scadenza del 31 luglio 2019. In allegato alla comunicazione, l’Agenzia delle Entrate Riscossione mette a disposizione un modulo per richiedere al proprio Istituto di credito il pagamento delle rate tramite addebito in conto corrente.

Rottamazione ter, esito del saldo e stralcio cartelle ad ottobre

Dovrà aspettare ancora chi ha presentato domanda non per la rottamazione ter delle cartelle ma per il più conveniente saldo e stralcio, rivolto ai contribuenti in difficoltà economica e che presentano un ISEE di importo non superiore a 20.000 euro.

In tal caso la comunicazione dell’AdER arriverà entro il 31 ottobre 2019. Un’attesa che sarà in ogni caso “ripagata” dai vantaggi previsti: il saldo e stralcio prevede il pagamento dell’importo della cartella in misura percentuale, in base al valore del proprio ISEE, dal 16% al 35%.

Questo sito contribuisce all'audience di Logo money.it