Rappresentante legale associazioni: quando e come si effettua la variazione

Cristina Cherubini - Associazioni

Qual è il ruolo del rappresentante legale dell'associazione e come si effettua la variazione? Non è altro che il suo presidente, la figura assume un'importanza che va oltre il mero significato amministrativo e fiscale. Nel mondo del no profit ha anche una rilevanza morale e sociale, e diventa il faro della comunità per la quale l'associazione opera.

Rappresentante legale associazioni: quando e come si effettua la variazione

Qual è il ruolo del rappresentante legale dell’associazione e come procedere in caso di variazione?

Si tratta della figura che detiene la responsabilità amministrativa e gestionale dell’attività svolta dall’ente, intorno a lui ruota l’intero funzionamento dell’ organizzazione associativa.

La figura del rappresentante diviene un punto fermo, alla quale è necessario fare riferimento anche sul piano morale e sociale, in quanto la comunità tutta riflette su di essa l’opinione che vanta nei confronti dell’associazione a cui appartiene.

Ma può accadere che durante la vita dell’associazione tale figura possa cambiare, o sulla base di quanto precedentemente stabilito all’interno dello statuto o per altre motivazioni addotte dal consiglio direttivo o dall’ assemblea dei soci.

La variazione del legale rappresentante

Il legale rappresentante, in altre parole il presidente dell’associazione deve essere variato su proposta del consiglio direttivo, ed approvato dall’assemblea validamente convocata e rappresentata. Solitamente insieme al presidente variano anche uno o più membri del consiglio direttivo, i quali dovranno essere ad esso contestualmente sostituiti.

L’assemblea dei soci dovrà essere convocata in via ordinaria, e l’ordine del giorno dovrà contenere il punto specifico relativo alle eventuali dimissioni di un precedente presidente e le contestuali elezioni del successivo.

Tutti i soci maggiorenni e in regola con la quota associativa avranno diritto a partecipare alle votazioni in modo sia attivo che passivo, ovvero potendo esprimere una loro preferenza e rivolgendo all’assemblea la loro candidatura nel caso in cui avessero l’intenzione di assumere tale ruolo in prima persona.

Dopo che l’assemblea regolarmente costituita avrà preso la sua decisione, mettendola a verbale sarà necessario rendere tale variazione effettiva attraverso una serie di comunicazioni da effettuare a valenza fiscale ed amministrativa.

Per rimanere sempre aggiornati sulle ultime novità fiscali relative al mondo delle associazioni iscrivetevi gratuitamente al canale YouTube di Informazione Fiscale:


Iscriviti al nostro canale

Rappresentante legale associazioni, cambio del presidente: quali sono gli adempimenti fiscali?

La variazione del presidente deliberata dall’assemblea dei soci dovrà essere comunicata all’Agenzia delle Entrate, oltre agli enti locali ed ai vari registri ai quali l’associazione risulta essere iscritta.

La prima comunicazione che dovrà essere effettuata è quella rivolta all’Agenzia delle entrate da effettuarsi attraverso il modello AA5/6 nel caso in cui l’associazione dovesse possedere unicamente il codice fiscale, o altrimenti utilizzando il modello AA7/10 nel caso in cui risultasse titolare di partita iva, entro 30 giorni dalla data in cui è stata effettuata tale variazione.

Agenzia delle Entrate - Modello AA7
Scarica il modello AA7 dell’Agenzia delle Entrate.

Tali modelli potranno essere inviati telematicamente dall’ente, servendosi di un intermediario abilitato, o in alternativa potranno consegnarlo direttamente brevi manu all’ufficio dell’Agenzia delle Entrate territorialmente competente.

Il modello dovrà essere firmato dal legale rappresentante e dovrà essere presentato unitamente al verbale di assemblea dal quale risulta la modifica del presidente ed eventualmente dei membri del consiglio direttivo, e del documento di identità del legale rappresentante.

Oltre a tale comunicazione, potrebbe essere necessario, in alcuni casi predisporre l’invio telematico anche del modello EAS, il quale deve essere effettuato entro il 31 marzo dell’anno successivo al momento in cui si verifica la variazione.

Tale adempimento si renderà, però, necessario solo se la variazione del presidente o dei membri del consiglio direttivo modifica in qualche parte il modello precedentemente inviato, altrimenti non sarà obbligatoria la sua presentazione.

Informazione Fiscale S.r.l. - P.I. / C.F.: 13886391005
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Velletri al n° 14/2018
Iscrizione ROC n. 31534/2018

Redazione e contatti | Informativa sulla Privacy

Preferenze privacy
Logo registrato

Questo sito contribuisce all'audience di Logo Evolution adv Network