Proroga invio dati spese sanitarie, la scadenza passa all’8 febbraio 2022

Alessio Mauro - Dichiarazioni e adempimenti

Proroga invio dati spese sanitarie, la scadenza passa dal 31 gennaio all'8 febbraio 2022. A prevedere il rinvio del termine è il provvedimento del 28 gennaio dell'Agenzia delle Entrate. Otto giorni di tempo in più per venire incontro alla richiesta dei commercialisti.

Proroga invio dati spese sanitarie, la scadenza passa all'8 febbraio 2022

Proroga invio dati spese sanitarie, con decreto MEF vien spostata in avanti la scadenza per la trasmissione al sistema Tessera Sanitaria delle informazioni relative al secondo semestre del 2021.

Il termine passa dal 31 gennaio all’8 febbraio 2022, come previsto dal provvedimento dell’Agenzia delle Entrate del 28 gennaio 2022.

La proroga di 8 giorni viene incontro alle richieste dei commercialisti e dei professionisti.

Non cambia il calendario delle dichiarazioni dei redditi ma viene modificata la tabella di marcia dell’opposizione e della messa a disposizione dei dati all’Amministrazione finanziaria, da parte del sistema Tessera Sanitaria.

Il primo termine segue quello della scadenza, ovvero l’8 febbraio. Il secondo passa dal 8 al 16 marzo 2022.

Proroga invio dati spese sanitarie, la scadenza passa all’8 febbraio 2022

Il provvedimento dell’Agenzia delle Entrate del 28 gennaio 2022 prevede la proroga dell’invio dei dati delle spese sanitarie, del secondo semestre del 2021, all’8 febbraio 2022.

Il rinvio arriva a ridosso della scadenza del 31 gennaio 2022, stabilita dall’articolo 7, comma 1, del decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze del 19 ottobre 2020, modificato dai decreti del Ministero dell’Economia e delle Finanze del 29 gennaio 2021 e del 23 luglio 2021.

La richiesta di più tempo era stata avanzata, negli scorsi giorni, dai rappresentanti dei commercialisti.

L’associazione di categoria motivava in tre principali punti la propria richiesta:

  • la dichiarazione precompilata viene messa a disposizione a partire dal mese di aprile dell’anno successivo;
  • al momento molte fatture in ambito sanitario sono cartacee ed è necessario un lavoro di inserimento manuale dei dati;
  • l’invio mensile aumenta il numero degli adempimenti.

Nel provvedimento dell’Agenzia delle Entrate, tra le motivazioni, si sottolinea quanto segue:

“Pertanto, anche se le difficoltà segnalate non derivano da aspetti tecnici, considerato che la mancata trasmissione dei dati inciderebbe negativamente sulla completezza delle informazioni da riportare nella dichiarazione dei redditi precompilata, d’intesa con il Ministero dell’Economia e delle Finanze, viene prorogata di 8 giorni la scadenza del 31 gennaio 2022 prevista per la trasmissione al Sistema Tessera Sanitaria delle spese sanitarie relative al secondo semestre del 2021, senza impatti sul calendario della campagna dichiarativa 2022.”

Vengono dunque concessi 8 ulteriori giorni per l’adempimento, senza modificare il calendario delle dichiarazioni dei redditi 2022.

Agenzia delle Entrate - Provvedimento del 28 gennaio 2022
Proroga dei termini per l’utilizzo, ai fini della dichiarazione dei redditi precompilata 2022, dei dati delle spese sanitarie messi a disposizione dal Sistema Tessera sanitaria.

Proroga invio dati spese sanitarie, più tempo anche per l’opposizione

Il rinvio della scadenza della comunicazione dei dati porta con se una rimodulazione della tabella di marcia dei termini collegati all’adempimento.

Mentre il provvedimento non incide sul calendario delle dichiarazioni dei redditi, con modello 730/2022 e con gli altri modelli, il rinvio sposta in avanti anche l’opposizione a rendere disponibili all’Agenzia delle Entrate i dati delle spese sanitarie e dei relativi rimborsi per l’elaborazione della dichiarazione dei redditi precompilata.

Come si legge tra le motivazioni del provvedimento:

“Conseguentemente, al fine di non alterare il sistema di tutela della privacy approvato, slitta anche la data entro la quale i contribuenti potranno comunicare la propria opposizione all’utilizzo delle spese sanitarie sostenute nell’anno 2021 per l’elaborazione della dichiarazione precompilata”

Anche il termine per l’opposizione slitta, quindi, dal 31 gennaio all’8 febbraio 2022.

Inoltre, viene spostata la finestra temporale per l’opposizione ad ogni singola voce di spesa, accedendo direttamente all’area autenticata del sito web del Sistema Tessera Sanitaria.

Tale intervallo di tempo passa da quella originaria, compresa tra il 9 febbraio e l’8 marzo, alla nuova: dal 16 febbraio al 15 marzo 2022.

Infine, viene rinviato anche il termine a partire dal quale il sistema Tessera Sanitaria mette a disposizione dell’Agenzia delle Entrate i dati delle spese sanitarie 2021 e dei relativi rimborsi.

La scadenza è prorogata dal 9 al 16 marzo 2022.

Informazione Fiscale S.r.l. - P.I. / C.F.: 13886391005
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Velletri al n° 14/2018
Iscrizione ROC n. 31534/2018

Redazione e contatti | Informativa sulla Privacy

Preferenze privacy
Logo registrato

Questo sito contribuisce all'audience di Logo Evolution adv Network