Mutuo abitazione principale, interessi detraibili anche in caso di cambio di residenza?

Rosy D’Elia - Imposte

Mutuo abitazione principale, interessi detraibili anche in caso di cambio di residenza? Si perde il diritto allo sconto IRPEF dal periodo di imposta successivo al trasferimento. Ma ci sono casi particolari da considerare. Una panoramica sulle regole da seguire.

Mutuo abitazione principale, interessi detraibili anche in caso di cambio di residenza?

Mutuo abitazione principale, gli interessi passivi e i relativi oneri accessori sono detraibili fino a un importo massimo di 4.000 euro anche in caso di cambio di residenza?

Il trasferimento fa perdere il diritto allo sconto IRPEF ma l’agevolazione si conserva per tutto il periodo d’imposta in cui il contribuente ha rispettato i requisiti richiesti.

Le regole e le eccezioni sono contenute nell’articolo 15, comma 1, lett. b), del Testo Unico delle Imposte sui Redditi.

E lo spunto per fare luce sulla questione arriva da un quesito posto da un lettore alla redazione di FiscOggi, la rivista online curata dall’Agenzia delle Entrate.

Mutuo abitazione principale, interessi detraibili anche in caso di cambio di residenza?

In linea con quanto previsto dal TUIR, gli interessi passivi del mutuo contratto per l’acquisto dell’abitazione principale sono detraibili: si ha diritto a uno sconto IRPEF pari al 19 per cento del costo sostenuto fino a un importo massimo di 4.000 euro.

Per beneficiare dell’agevolazione, è necessario che l’immobile rappresenti l’abitazione principale, ovvero “quella nella quale il contribuente o i suoi familiari dimorano abitualmente”.

Ma cosa accade se il contribuente trasferisce altrove la sua residenza? I benefici non si perdono con effetto immediato, ma dal periodo d’imposta successivo al trasferimento.

Volendo fare un esempio pratico, se il cambio di residenza viene effettuato a marzo 2021, sono comunque detraibili gli interessi passivi e i relativi oneri accessori relativi al 2021 mentre l’agevolazione non risulta più accessibile dal 2022.

La possibilità di beneficiare dello sconto IRPEF del 19 per cento, in ogni caso, non è preclusa del tutto: se negli anni successivi lo stesso immobile viene utilizzato di nuovo come abitazione principale è possibile tornare a usufruire dell’agevolazione.

Come si legge nella circolare numero 55 del 2001 dell’Agenzia delle Entrate, la continuità non è un requisito richiesto per usufruire della detrazione.

Mutuo abitazione principale, interessi detraibili anche in caso di cambio di residenza per motivi di lavoro

Per una panoramica completa sul tema, poi, bisogna considerare che ci sono, poi, casi particolari in cui il cambio di residenza non fa perdere il diritto a beneficiare della detrazione degli interessi passivi neanche dal periodo d’imposta successivo al trasferimento.

L’articolo 15, comma 1, lettera b del TUIR specifica che “non si tiene conto delle variazioni dipendenti da trasferimenti per motivi di lavoro.

Quando gli spostamenti sono legati a questioni lavorative si applicano specifiche regole:

  • si ha diritto ai benefici anche se l’unità immobiliare non è mai stata o non è più adibita ad abitazione principale e anche se il contribuente si trasferisce in un comune limitrofo a quello in cui si trova la sede di lavoro;
  • allo stesso modo l’agevolazione si conserva anche se ci si sposta all’estero dopo l’acquisto e anche se l’immobile viene locato, a condizione che non si acquisisca una nuova abitazione principale fuori dall’Italia.

Le deroghe alle regole ordinarie sono applicabili per tutto il periodo in cui permangono le esigenze lavorative che hanno determinato lo spostamento della dimora abituale.

L’altra motivazione che costituisce una eccezione nell’accesso alla detrazione degli interessi passivi relativi al mutuo sull’abitazione principale riguarda il ricovero in istituti di ricovero o sanitari.

Non si tiene conto delle variazioni che dipendono da ricoveri permanenti in case di riposo o in centri di assistenza sanitaria, ma in questo caso l’immobile non deve essere locato.

Informazione Fiscale S.r.l. - P.I. / C.F.: 13886391005
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Velletri al n° 14/2018
Iscrizione ROC n. 31534/2018

Redazione e contatti | Informativa sulla Privacy

Preferenze privacy
Logo registrato

Questo sito contribuisce all'audience di Logo Evolution adv Network