Modello 730/2018: istruzioni e modalità di gestione dei conguagli

Giuseppe Guarasci - Modello 730

Conguagli modello 730/2018: istruzioni, scadenze e modalità di gestione del flusso 730-4 nella circolare dell'Agenzia delle Entrate n. 4/E del 12 marzo 2018.

Modello 730/2018: istruzioni e modalità di gestione dei conguagli

Modello 730/2018: in vista dell’avvio della stagione della dichiarazione dei redditi arrivano le istruzioni in chiaro sulle modalità di gestione dei conguagli e del flusso telematico 730-4.

Regole, scadenze e istruzioni per CAF, intermediari e sostituti d’imposta sono state fornite dall’Agenzia delle Entrate che, con la circolare n. 4 pubblicata il 12 marzo 2018, fa il punto sulle modalità di gestione dei risultati contabili indicati nel modello 730-4.

Le modalità di gestione delle operazioni di conguaglio tramite i flussi informativi sono entrate a regime dal 2012 ma, negli anni, la fase finale di assistenza fiscale del modello 730 è stata notevolmente modificata, a partire dall’introduzione della dichiarazione senza sostituto, fino ad arrivare all’introduzione della precompilata e dei controlli preventivi sui rimborsi.

Proprio per questo, l’Agenzia delle Entrate con la circolare del 12 marzo 2018 raccoglie tutte le istruzioni fornite, riportando un utile cronoprogramma di tutte le scadenze per la gestione delle operazioni di assistenza fiscale e di trasmissione del flusso telematico 730-4.

Conguagli modello 730/2018: circolare n. 4/E

L’Agenzia delle Entrate, con la circolare n. 4/E del 12 marzo 2018 illustra il flusso telematico dei risultati contabili del modello 730/2018 trasmesso all’Agenzia delle Entrate dai soggetti che prestano assistenza fiscale e delle dichiarazioni presentate in modalità telematica.

CAF, professionisti e sostituti d’imposta che prestano assistenza fiscale per la presentazione della dichiarazione dei redditi modello 730 presentano all’Agenzia delle Entrate il flusso 730-4 con i risultati contabili relativi a conguagli e rimborsi fiscali.

I dati relativi alle dichiarazioni presentate sia con modello 730 via web che quelli inviati direttamente da sostituti d’imposta, CAF e professionisti sono inviati dall’Agenzia delle Entrate al datore di lavoro. I sostituti d’imposta, a seguito della ricezione dei risultati contabili da parte dell’Agenzia delle entrate, effettuano i conguagli sulle retribuzioni.

L’efficacia del sistema del flusso telematico si basa proprio sulla comunicazione all’Agenzia delle Entrate, da parte del sostituto d’imposta, dell’indirizzo telematico presso cui inviare il modello 730-4. La scadenza per la comunicazione è fissata, dal 2015, al 7 marzo.

Al fine di consentire la trasmissione corretta dei dati, sono stati predisposte apposite modalità di comunicazione: il quadro CT della Certificazione Unica e il modello CSO.

Modello 730/2018 e gestione conguagli: la comunicazione del sostituto d’imposta

La compilazione del quadro CT della Certificazione Unica dovrà essere effettuata esclusivamente in caso di comunicazione effettuata per la prima volta: il quadro CT è riservato ai sostituti d’imposta che trasmettono almeno una certificazione di redditi di lavoro dipendente e che non hanno presentato, a partire dal 2011, l’apposito modello CSO.

L’Agenzia delle Entrate, nella circolare del 12 marzo, chiarisce che deve essere compilato per ogni fornitura di CU, qualora il sostituto d’imposta effettui più invii contenenti almeno una certificazione di redditi di lavoro dipendente.

Come noto, le certificazioni uniche, da presentare entro la scadenza del 7 marzo, sono considerate tempestive se inviate entro cinque giorni dalla ricevuta di scarto. Per una corretta gestione del flusso telematico, dopo la prima metà del mese di marzo non è consentito inserire all’interno della CU il quadro CT. Pertanto, sono presi in considerazione i dati contenuti nell’ultimo invio effettuato entro la suddetta data.

I sostituti d’imposta che intendono variare i dati precedentemente comunicati o che dovranno effettuare la comunicazione per la prima volta devono usare il modello CSO per la “Comunicazione per la ricezione in via telematica dei dati relativi ai modelli 730-4 resi disponibili dall’Agenzia delle Entrate”.

Nel dettaglio, dovrà esser utilizzato dai sostituti d’imposta che non hanno presentato l’apposito modello, che non hanno trasmesso il quadro CT, e da coloro che intendono variare i dati già comunicati.

Le diverse modalità di presentazione del modello CSO in caso di primo invio, di variazione, di revoca per cessazione dell’attività del sostituto d’imposta sono illustrate nel dettaglio all’interno della circolare che si allega di seguito.

PDF - 812.5 Kb
Agenzia delle Entrate - circolare n. 4/E del 12 marzo 2018
Assistenza fiscale prestata da Caf/professionisti e sostituti d’imposta – Dichiarazione presentata direttamente – Flusso 730-4 – Conguagli

Flusso telematico dati 730-4 allegato alla dichiarazione modello 730

Per ridurre la trasmissione dei modelli 730-4 cartacei ai sostituti d’imposta da parte dei CAF e dei professionisti abilitati, il modello 730-4 deve essere sempre allegato alla dichiarazione modello 730.

Sono due, invece, i casi in cui non bisogna allegarlo al modello 730:

  • dichiarazione modello 730 presentata in assenza di sostituto d’imposta;
  • contribuente con sostituto d’imposta INPS.

Anche nel caso di assistenza fiscale prestata direttamente dal sostituto d’imposta ai propri dipendenti i dati dei modelli 730-4 devono sempre essere trasmessi unitamente ai dati della dichiarazione modello 730.

Modello 730-4: riepilogo delle scadenze

Rimandando alla circolare dell’Agenzia delle Entrate per gli ulteriori dettagli, si riporta di seguito il cronoprogramma con il riepilogo delle scadenze per la gestione del flusso telematico 730-4.

PeriodoSoggettoAdempimento
Da dicembre al 15 gennaio Sostituto d’imposta Comunicazione cessazione incarico ricezione 730-4
Dal 23 gennaio al 25 marzo Agenzia entrate Sospensione trasmissione CSO
Fine gennaio Agenzia entrate Pubblicazione elenco sostituti con indirizzo telematico noto
Primi giorni di febbraio Agenzia entrate Pubblicazione software compilazione e controllo CU e apertura canale telematico
Dai primi giorni di febbraio a metà del mese di marzo Sostituti d’imposta Trasmissione CU con CT
Dalla seconda metà del mese di marzo Agenzia entrate Pubblicazione software compilazione e controllo CU priva di CT
Dalla seconda metà del mese di marzo Sostituti d’imposta Trasmissione CU priva di CT
Dal primo al 22 gennaio e dal 26 marzo al 31 dicembre Sostituti d’imposta Trasmissione CSO
20 giugno Contribuente Termine possibilità di annullamento 730 web
Dall’ultima decade del mese di giugno Agenzia entrate Avvio messa a disposizione dei 730-4 pervenuti
Dal 5 luglio Sostituti d’imposta Possibilità effettuazione dinieghi
Dalla prima decade del mese di luglio Agenzia entrate Trasmissione a Caf/professionisti ricevuta attestante disponibilità 730-4 ai sostituti
Dal 16 luglio e settimanalmente Agenzia entrate Notifica a Caf/professionisti dinieghi ricevuti dai sostituti
Da fine luglio a fine novembre (mensilmente) Agenzia entrate Trasmissione a Caf/professionisti ricevuta mensile di riepilogo 730-4
Da fine luglio a fine novembre (mensilmente) Agenzia entrate Spedizione e-mail per 730 web a controllo o non consegnati
Entro il 10 agosto e poi mensilmente fino alla prima settimana di novembre Agenzia entrate Re-inoltro 730-4 a nuovo delegato
10 dicembre Agenzia entrate Termine messa a disposizione 730-4
20 dicembre Sostituti d’imposta Termine funzionalità effettuazione dinieghi

(*) Per le date che cadono di sabato, domenica o in giorni festivi, il termine potrà essere fissato al primo giorno lavorativo antecedente o successivo a tali date