Imprese 2019, dati Unioncamere: 27.000 in più, ma il saldo è il più basso dal 2015

Tommaso Gavi - Lavoro

Imprese 2019, la fotografia dei dati di Unioncamere mostra luci ed ombre. Il rapporto relativo all'anno scorso, diffuso con il comunicato del 28 gennaio 2020, spiega che ci sono 27.000 imprese in più, ma il saldo è il più basso degli ultimi 5 anni. I dettagli sui settori in miglioramento e la ripartizione a livello geografico.

Imprese 2019, dati Unioncamere: 27.000 in più, ma il saldo è il più basso dal 2015

Imprese 2019, nuovo rapporto di Unioncamere diffuso con il comunicato del 28 gennaio 2020: i dati segnalano 27.000 imprese in più ma il saldo è il più basso degli ultimi 5 anni.

La fotografia di Movimprese relativa alla natalità e mortalità delle imprese non mostra segnali positivi.

Sono 353.052 le imprese nate nel 2019, 5.000 in più rispetto al 2018.

Quelle che hanno chiuso, però, sono 326.423. Questa volta il confronto con l’anno precedente è negativo: hanno cessato l’attività 10.000 imprese in più.

Il saldo a fine anno è in verde con 26.629 ulteriori imprese rispetto al 2018 e un totale di 6.091.971.

Tuttavia i numeri della crescita sono i più bassi degli ultimi 5 anni.

Imprese 2019, dati Unioncamere: la fotografia dell’anno nel rapporto Movimprese

Imprese 2019, il rapporto Movimprese, realizzato per conto di Unioncamere, sui dati relativi alla natalità ed alla mortalità degli archivi delle camere di commercio italiane mostra luci ed ombre.

Il report dell’anno 2019 è stato diffuso con il comunicato del 28 gennaio 2020.

Unioncamere, Movimprese - comunicato stampa del 28 gennaio 2020 sulla natalità e mortalità delle imprese italiane registrate presso le camere di commercio, anno 2019
27mila imprese in più nel 2019 (+0,4%), ma è il saldo minore degli ultimi 5 anni.

Il flusso è positivo con 27.000 nuove imprese in più rispetto a 2019 ma il saldo è il più basso degli ultimi 5 anni.

Il numero complessivo, alla fine dell’anno scorso, si attesta a 6.091.971 con 353.052 nuove nate e 326.423 che hanno chiuso i battenti.

Bene turismo, attività professionali, servizi alle imprese, attività immobiliari e costruzioni.

Male l’industria manifatturiera, l’industria del commercio e quella dell’agricoltura.

Magra consolazione per l’artigianato: un altro anno in rosso ma almeno, dopo 8 anni, torna a crescere il numero delle nuove iscrizioni.

Imprese 2019, dati Unioncamere: i settori che sono cresciuti e quelli che fanno fatica

I dati di Unioncamere sulle imprese del 2019 analizzano la natalità e la mortalità, grazie alle informazioni degli archivi delle camere di commercio italiane.

Nella suddivisione per settori c’è chi avanza e chi arretra.

La tabella riassuntiva mostra la variazione delle imprese nel 2019 rispetto all’anno precedente.

Settore Variazione
turismo (alloggio e ristorazione) +8.211
attività professionali +6.663
servizi alle imprese +6.319
attività immobiliari +4.663)
industria manifatturiera -4.107
industria del commercio -12.264
agricoltura -7.432
artigianato -7.592

Sotto l’aspetto giuridico, le società di capitali sono la forma di impresa in maggiore crescita con un aumento del 3,52% ed un numero totale di 1.763.011.

Diminuiscono dell’1,8% le società di persone, attestandosi a 966.872.

In calo anche le imprese individuali con una diminuzione dello 0,51% ed un numero totale che si ferma, a fine anno, a 3.151.407.

Le altre forme di impresa crescono con moderazione, solo dello 0,21%, arrivando a 210.681 unità.

Imprese 2019, dati Unioncamere: la situazione geografica

Il quadro delle imprese 2019 che emerge dal rapporto di Unioncamere mostra la varietà del territorio italiano.

Oltre al dettagliato rapporto suddiviso per regioni e città, i dati registrano la situazione ripartendo l’Italia in quattro macroaree.

Nella tabella riassuntiva sono contenute le informazioni sulla natalità e la mortalità delle imprese in relazione all’area geografica.

Area Iscrizioni Cessazioni Saldo Numero totale
nord-ovest 94.343 90.272 4.071 1.557.815
nord-est 63.687 64.639 -952 1.147.983
centro 77.785 68.809 8.976 1.338.053
sud e isole 117.237 102.703 14.534 2.048.120
Italia 353.052 326.423 26.629 6.091.971

Risultato negativo, dunque, per le imprese del nord-est che sono diminuite dello 0,1%, circa 1.000 imprese nell’arco dell’intero anno.

Dato positivo per il sud che da solo supera la metà dell’aumento delle imprese con il 54,6% che in numeri assoluti si attesta a 14.534 unità.

A livello regionale dati positivi anche per il Lazio, con 9.206 imprese in più, la Campania, con un aumento di 5.746 unità e la Lombardia, con una crescita di 5.073 imprese.

Segnali negativi invece per il Piemonte che ha perso 1.517 imprese, l’Emilia-Romagna che ha registrato un calo di 1.431 unità e le imprese delle Marche che diminuiscono di 909 attività.

Questo sito contribuisce all'audience di Logo Evolution adv Network