Esito Reddito di cittadinanza: 487.667 i primi sì, arrivano gli sms con le risposte

Rosy D’Elia - Leggi e prassi

Esito Reddito di cittadinanza: 487.667 i primi sì, da domani gli sms e le mail con le risposte. In questa prima fase meno del 10% dei potenziali beneficiari accede all'assegno, il 28% delle richieste sono ancora da elaborare. I dati diffusi dall'INPS.

Esito Reddito di cittadinanza: 487.667 i primi sì, arrivano gli sms con le risposte

Esito Reddito di cittadinanza: i sì sono 487.667, da domani chi ha fatto domanda nel mese di marzo riceverà un sms o una mail di risposta da parte dell’INPS.

L’Istituto ha diffuso i primi dati sulle richieste presentate dai cittadini per ottenere il sostegno economico: un assegno che può arrivare fino a 780 euro per i nuclei familiari composti da una sola persona, 500 euro di integrazione al reddito e 280 euro come contributo per l’affitto.

Nei mesi che hanno preceduto il debutto del reddito di cittadinanza, il 6 marzo, si è arrivati a parlare di una platea di potenziali beneficiari di circa 5 milioni di persone: in questa prima fase solo meno del 10% di quella cifra avrebbe accesso al sostegno.

Un numero bassissimo destinato a crescere, ma solo di poco, nei prossimi giorni: il 28% delle richieste arrivate a marzo deve essere ancora elaborato dall’INPS.

PDF - 123.9 Kb
INPS - Comunicato stampa diffuso il 16 aprile 2019
Inviati a Poste i primi flussi informatici per le domande di reddito di cittadinanza accolte.

Esito Reddito di cittadinanza: 487.667 i primi sì, da domani gli sms con le risposte

806.878 persone hanno chiesto il reddito di cittadinanza negli uffici postali, presso i CAF oppure online dal 6 al 31 marzo 2019. In Campania, Sicilia e Lazio si concentra il numero più alto di domande.

I cittadini da domani riceveranno un sms o un messaggio di posta elettronica con l’esito del Reddito di Cittadinanza. Nel comunicato stampa diffuso il 16 aprile, l’Istituto scrive:

“Oggi l’Inps ha inviato a Poste Italiane 33 flussi informatici per le prime 487.667 istanze accolte, a fronte di 680.965 istanze già lavorate (72%). Sono state respinte 177.422 istanze (26%); 15.876 istanze (2%) saranno in evidenza presso le sedi perché è necessaria un’ulteriore attività istruttoria”.

Dopo la verifica dei requisiti, infatti, l’iter delle domande si chiude con la comunicazione dell’esito agli uffici di Poste Italiane.

A questi ultimi spetta il compito di consegnare nelle mani dei beneficiari la PostePay con l’importo a cui hanno diritto.

Esito Reddito di cittadinanza: nuove risposte nei prossimi giorni

125.913 sono gli aspiranti beneficiari che ancora attendono una risposta. L’INPS fa sapere che gli esiti arriveranno entro questa settimana per circa altre 45mila persone.

Nel testo, poi, si legge:

“Le ulteriori 80mila sono domande presentate insieme al modello Rdc/Com per comunicare la variazione di redditi da attività lavorativa rispetto all’Isee, che saranno lavorate entro la fine del mese di aprile”.

Secondo l’INPS, dopo questa prima tornata di richieste, si può affermare che la stima complessiva delle istanze accolte si attesta intorno al 75%, se si considera una percentuale di accoglimento analoga a quella delle pratiche già definite e una più alta per le pratiche presentate insieme al modello Rdc/Com.

Stando ai dati pubblicati dall’INPS lo scorso 8 aprile, la platea di aspiranti beneficiari è formata perlopiù da persone del sud, con un’età compresa tra i 45 e 67 anni, e in maggioranza da donne.

Ai Centri per l’Impiego e ai futuri navigator la sfida di accompagnare tutti quelli che hanno richiesto e ottenuto il reddito di cittadinanza nel mercato del lavoro, obiettivo ultimo della misura sostegno.

Questo sito contribuisce all'audience di Logo money.it