Detrazione occhiali e visita oculistica nel modello 730/2024: requisiti e come fare

Daniela Marmugi - Modello 730

Le spese sostenute per occhiali da vista e visite oculistiche possono essere inserite nel modello 730/2024 per beneficiare della detrazione IRPEF del 19 per cento. Requisiti e istruzioni

Detrazione occhiali e visita oculistica nel modello 730/2024: requisiti e come fare

Nella lista delle spese detraibili nel modello 730/2024 rientrano anche quelle sostenute per l’acquisto o noleggio di occhiali da vista o per le visite oculistiche.

Fanno parte infatti delle spese mediche e sanitarie, per le quali si può beneficiare di uno sconto IRPEF del 19 per cento.

Permettono l’accesso alla detrazione anche i costi sostenuti con pagamento in contanti.

Come fare per accedere al beneficio? Il punto su spese ammissibili e istruzioni da seguire.

Detrazione occhiali e visita oculistica nel modello 730/2024: requisiti e franchigia per l’accesso

I costi sostenuti per l’acquisto e il noleggio di occhiali da vista e per le visite oculistiche possono essere inseriti nel modello 730/2024 per beneficiare della detrazione IRPEF.

Rientrano, infatti, tra le spese mediche e sanitarie, per le quali il contribuente può beneficiare di uno sconto dall’imposta del 19 per cento.

In particolare, si tratta del beneficio spettante per i costi relativi:

  • all’acquisto o affitto di dispositivi medici;
  • alle prestazioni specialistiche.

Secondo i criteri stabiliti dalla circolare numero 20 del 13 maggio 2011 dell’Agenzia delle Entrate, gli occhiali sono classificabili come dispositivi medici.

Al momento non esiste un vero e proprio elenco dei dispositivi medici detraibili, è però possibile fare riferimento alla banca dati del Ministero della Salute, che elenca i dispositivi utili per la vista:

  • lenti oftalmiche correttive dei difetti visivi;
  • montature per lenti correttive dei difetti visivi;
  • occhiali premontati per presbiopia;
  • lenti a contatto a contatto;
  • soluzioni per lenti a contatto.

A partire da quest’anno, con lo stop al bonus occhiali, i contribuenti potranno usufruire soltanto della detrazione, a patto però di aver sostenuto spese mediche e sanitarie complessive superiori a 129,11 euro.

Il beneficio si applica infatti soltanto per gli importi che superano la soglia indicata, ovvero la franchigia.

Detrazione occhiali e visite oculistiche nel modello 730/2024: i documenti da conservare

Per beneficiare della detrazione, il contribuente deve conservare la documentazione necessaria a dimostrare la natura sanitaria delle spese sostenute.

È importante specificare che per queste tipologie di spese è prevista un’eccezione alla regola sulla tracciabilità del pagamento.

Nel modello 730/2024 possono essere inserite anche le somme pagate in contanti per:

  • l’acquisto di medicinali;
  • l’acquisto o affitto dispositivi medici;
  • le prestazioni sanitarie rese dalle strutture pubbliche;
  • le prestazioni sanitarie rese da strutture private accreditate al Servizio sanitario nazionale.

Per ottenere lo sconto IRPEF relativo ai costi sostenuti per le visite oculistiche, è necessario conservare i seguenti documenti:

  • la fattura o ricevuta fiscale rilasciata dallo specialista, che deve obbligatoriamente mettere in luce la natura sanitaria della prestazione;
  • la ricevuta del ticket, nel caso di prestazioni effettuate nell’ambito del Servizio Sanitario nazionale.

Nel caso di acquisto o noleggio di occhiali da vista, la spesa relativa è detraibile soltanto se lo scontrino o fattura contengono:

  • la chiara descrizione del prodotto, cioè la sua natura, quantità e qualità;
  • il codice fiscale del soggetto che sostiene la spesa.

Non sono dunque validi, ai fini della detrazione, i documenti che riportano semplicemente l’indicazione generica di “dispositivo medico”.

Detrazione occhiali e visite oculistiche: modello 730/2024 e istruzioni per la compilazione

Gli importi delle spese sostenute nel 2023 devono essere inserite nel quadro E, Sezione I del modello 730/2024.

In particolare, è necessario compilare il rigo E1, relativo alle spese sanitarie.

Nella colonna 2 deve essere specificato l’intero importo delle spese sostenute per se stessi e per i familiari a carico.

I costi relativi all’acquisto o noleggio di occhiali e alle visite oculistiche devono essere sommati agli altri oneri sanitari sostenuti.

Non possono essere indicate le spese che, nello stesso anno, sono state rimborsate, come ad esempio quelle per cui si è già ottenuto il bonus occhiali.

Per la compilazione, gli interessati possono fare riferimento anche alle istruzioni pubblicate sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

Questo sito contribuisce all'audience di Logo Evolution adv Network