Ex Neet ora giovani imprenditori: dall’Anpal i dati di Yes I Start Up e Selfiemployement

Eleonora Capizzi - Incentivi alle imprese

Sono 530 gli ex Neet italiani che dal 2016 sono diventati giovani imprenditori: è il dato riportato dall'Anpal durante il Webinar "Dai Neet al Next Generation EU" del 13 gennaio 2021. Gli indici si riferiscono ai progetti Yes I Start Up e SELFIEmployement promossi dall'Agenzia.

Ex Neet ora giovani imprenditori: dall'Anpal i dati di Yes I Start Up e Selfiemployement

Non sono più Neet 530 giovani italiani tra i 18 e i 29 anni ma giovani imprenditori: negli ultimi quattro anni i progetti Yes I Start Up e SELFIEmployment , entrambi promossi da Anpal hanno registrato questi numeri.

Il risultato è stato comunicato dall’Anpal in occasione del webinar Dai Neet al Next Generation EU: i giovani che creano impresa che si è tenuto il 13 gennaio 2021.

Ma quali sono i dati sui Neet in Italia?

Meno Neet in Italia: i dati Anpal su Yes I Start Up e Selfiemployement incidono sulla decrescita?

Sono chiamati Neet, acronimo inglese che sta per “neither in employment nor in education or training” o “not in education, employment or training”, i giovani inattivi, che non studiano, non lavorano e non seguono una formazione professionale.

Una situazione che accomuna moltissimi ragazzi in Italia, lo dicono i dati Eurostat 2018.

Per l’anno 2018 i giovani Neet italiani tra i 20 e i 34 anni erano il 28,9% della popolazione, un dato in calo rispetto a quello del 2017, che era al 29,5% ma che rimaneva troppo alto, soprattutto perché è quasi il doppio della media europea.

I dati Eurostat riferiti al2019, gli ultimi rilevati, sono ulteriormente incoraggianti: il 27.8 % dei giovani tra i 20 e i 34 anni, rientra nella categoria.

La risultanza resta comunque alta rispetto alla media europea, che viaggia intorno al 14%, ma la discesa progressiva fa ben sperare.

Un piccolo contributo al trend positivo è dato anche dalle iniziative a sostegno della giovane autoimprenditorialità come quelle di Yes I Start Up e SELFIEmployement.

A riguardo, Invitalia con riguardo alle domande e i finanziamenti accordati per SELFIEmployement, riporta i dati aggiornati al 1 dicembre 2020:

  • 4.394 domande presentate a fronte di 147 milioni di euro di investimenti e di 147 milioni di agevolazioni.
  • 1. 505 iniziative finanziate a fronte di 51 milioni di investimenti attivati e 50 milioni di agevolazioni.

Ex Neet ora giovani imprenditori: dall’Anpal i risultati di Yes I Start Up e Selfiemployement

A prescindere da quanto queste iniziative abbiano inciso sulla presenza di giovani inattivi in Italia, i progetti Yes I Start Up e SELFIEmployment hanno aiutato comunque 530 Neet (dall’acronimo “Not in Education, Employment or Training”) ad avviare un’attività di impresa grazie al sostegno rispettivamente dell’Ente nazionale microcredito, per il primo, e di Invitalia (l’Agenzia nazionale di proprietà del Ministero dell’Economia che gestisce gli incentivi nazionali per la nascita di nuove imprese) per il secondo.

Yes I Start Up, cofinanziato dai fondi europei (Fondo sociale europeo e Iniziativa occupazione giovani), ha l’obiettivo di coinvolgere i giovani in percorsi di formazione e accompagnamento all’autoimprenditorialità finalizzati alla definizione di un’idea di impresa.

SELFIEmployment è uno dei programmi di investimento gestiti da Invitalia ed è rivolto nello specifico ai giovani NEET iscritti al programma Garanzia Giovani, i quali intendano avviare un’attività di impresa.

Anche quest’ultimo, nell’ambito del progetto Garanzia Giovani (Youth Guarantee), rientra nel Piano europeo per la lotta alla disoccupazione giovanile che prevede appositi stanziamenti dall’Unione Europea.

Da Neet a giovani imprenditori: i dati dell’Anpal

Durante webinar organizzato dall’Anpal sono stati resi noti i dati relativi alle realtà imprenditoriali che sono nate grazie ai due progetti:

Yes I Start Up e SELFIEmployment hanno permesso che nascessero 530 imprese grazie ad investimenti che ammontano a 17 milioni di euro, con una media di 32 mila euro a progetto.

A questi risultati si aggiungono quelli relativi ai finanziamenti concessi ai 212 Neet che hanno presentato domanda per Resto al sud, con investimenti complessivi di oltre 14 milioni di euro.

Alla luce dei dati riportati, quindi, il totale delle imprese giovanili sale a 742 il cui ammontare di investimenti supera i 31 milioni di euro.

Informazione Fiscale S.r.l. - P.I. / C.F.: 13886391005
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Velletri al n° 14/2018
Iscrizione ROC n. 31534/2018

Redazione e contatti | Informativa sulla Privacy

Preferenze privacy
Logo registrato

Questo sito contribuisce all'audience di Logo Evolution adv Network