Imposta sostitutiva Irpef con F24 Elide: nuovo codice tributo

Francesco Oliva - Irpef

Istituzione del codice tributo per il versamento, tramite il modello “F24 Versamenti con elementi identificativi”, dell’imposta sostitutiva dell’IRPEF ai sensi dell’articolo 24-bis del TUIR.

Imposta sostitutiva Irpef con F24 Elide: nuovo codice tributo

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato la risoluzione numero 44/E dell’11 giugno 2018, istitutiva del codice tributo NRPP, denominato “Imposta sostitutiva dell’IRPEF – NUOVI RESIDENTI – art. 24-bis, comma 2, del TUIR”.

Ecco il testo ufficiale della risoluzione in oggetto:

L’articolo 24-bis del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917 (TUIR), ha introdotto un regime opzionale d’imposta sostitutiva dell’IRPEF sui redditi prodotti all’estero, rivolto esclusivamente alle persone fisiche in possesso dei requisiti ivi previsti, che trasferiscono la residenza fiscale da un Paese estero in Italia ai sensi dell’articolo 2, comma 2, del TUIR.

L’imposta sostitutiva è dovuta nella misura forfettaria di centomila euro per ogni anno d’imposta in cui è valida l’opzione; l’importo è ridotto a venticinquemila euro per ciascuno dei familiari del contribuente che esercita l’opzione, nel caso in cui l’opzione sia stata estesa a tali soggetti.

Con il provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle entrate dell’8 marzo 2017 sono state definite le modalità applicative per l’esercizio, modifica o revoca dell’opzione, nonché di versamento dell’imposta sostitutiva. Con la circolare n. 17/E del 23 maggio 2017, sono stati forniti chiarimenti in merito all’applicazione delle disposizioni concernenti il regime agevolativo in argomento.

In particolare, i soggetti coinvolti, sia in qualità di contribuenti principali che hanno esercitato l’opzione, sia in qualità di familiari ai quali la stessa è stata estesa, dovranno provvedere autonomamente al versamento dell’imposta sostitutiva.
Ciò premesso, per consentire il versamento della suddetta imposta sostitutiva, mediante il modello “F24 Versamenti con elementi identificativi” (F24 ELIDE), si istituisce il seguente codice tributo:

  • “NRPP” denominato “Imposta sostitutiva dell’IRPEF – NUOVI RESIDENTI – art. 24-bis, comma 2, del TUIR”.
    In sede di compilazione del modello “F24 ELIDE”, il suddetto codice tributo è esposto in corrispondenza delle somme indicate nella colonna “importi a debito versati”, indicando:
  • nella sezione “CONTRIBUENTE”, nei campi “codice fiscale” e “dati anagrafici”, il codice fiscale e i dati anagrafici del soggetto tenuto al versamento;
  • nella sezione “ERARIO ED ALTRO”:
    • nel campo “tipo”, la lettera “R”;
    • nel campo “codice”, il codice tributo “NRPP”;
    • nel campo “anno di riferimento”, l’anno d’imposta a cui si riferisce il versamento, nel formato “AAAA”.

Gli altri campi del modello “F24 ELIDE” non devono essere valorizzati”.

Ecco il file pdf contenente il testo integrale della risoluzione dell’Agenzia delle Entrate numero 44/E dell’11 giugno 2018.

PDF - 404.4 Kb
Istituzione del codice tributo per il versamento, tramite il modello F24 Elide, dell’imposta sostitutiva dell’Irpef ai sensi dell’articolo 24-bis del Tuir
Risoluzione Agenzia delle Entrate numero 44/E dell’11 giugno 2018

Ecco come l’Italia vuole convincere i Paperoni stranieri a trasferirsi in Italia

L’imposta sostitutiva in oggetto si riferisce alla famosa imposta sui “Paperon de Paperoni esteri”, ovvero coloro che decidono di trasferire la propria residenza dall’estero all’Italia.

Oltre a contrastare la fuga dei cervelli, infatti, la recente normativa fiscale ha introdotto un particolare regime agevolativo per i super ricchi che decidono di trasferirsi in Italia.

Il regime agevolato per i nuovi residenti permette di pagare un’imposta sostitutiva forfettaria dell’Irpef sui redditi prodotti all’estero.

L’imposta dovuta è pari a 100 mila euro all’anno e il regime di vantaggio ha una durata di 15 anni.

Il beneficio è concesso a prescindere dallo svolgimento di un’attività lavorativa in Italia e le agevolazioni sono rivolte anche ai familiari del “Paperone” che decide di investire in Italia.

REGIME FISCALE AGEVOLATO PER I NUOVI RESIDENTIDURATA DEL REGIMEREQUISITI
possibilità di pagare un’imposta sostitutiva sui redditi prodotti all’estero di 100.000 euro annui (25.000 per ogni familiare) 15 anni - trasferimento della residenza fiscale in Italia; - residenza all’estero per almeno 9 periodi d’imposta nel corso dei 10 precedenti

Tale norma si inserisce nel più ampio pacchetto delle agevolazioni fiscali per chi torna o si trasferisce in Italia, cui l’Agenzia delle Entrate ha recentemente dedicato una guida molto ampia e dettagliata.