Bonus bollette 2021, requisiti e come funziona lo sconto luce e gas

Bonus bollette 2021, dai requisiti ISEE alle modalità di fruizione: vediamo come funziona lo sconto luce e gas e chi sono i beneficiari della misura che, a partire dall'anno in corso, è riconosciuta in automatico e senza necessità di presentare domanda.

Bonus bollette 2021, requisiti e come funziona lo sconto luce e gas

Bonus bollette 2021, come funziona e a chi spetta?

Complici le novità introdotte dal Governo con il decreto energia approvato lo scorso 23 settembre 2021, è bene fare il punto sui requisiti richiesti per l’accesso al bonus sociale sulle bollette di luce e gas.

Si tratta di un’agevolazione in vigore da alcuni anni, ma per la quale a partire dal 1° gennaio 2021 non è più necessario presentare domanda.

Il bonus è infatti riconosciuto automaticamente nella bolletta della luce e del gas ai contribuenti con ISEE non superiore al limite di 8.265 euro annui, alle famiglie numerose e ai percettori del reddito e della pensione di cittadinanza.

Bisogna invece presentare domanda per l’accesso all’agevolazione concessa in caso di disagio fisico.

Facciamo quindi il punto su come funziona il bonus bollette e sulle regole per beneficiarne.

Bonus bollette 2021, requisiti e come funziona lo sconto luce e gas

Sia il bonus elettrico che il bonus gas sono riconosciuti come sconto sulle bollette, al fine di sostenere i nuclei familiari in condizioni di disagio economico e fisico e le famiglie numerose.

È il modello ISEE il lasciapassare per l’accesso al bonus sulle bollette di luce e gas spettante in caso di disagio economico, che a partire dal 1° gennaio 2021 è riconosciuto in automatico e senza la necessità di presentare domanda.

Sono tre le categorie di contribuenti ai quali l’ARERA riconosce le agevolazioni:

Come funziona quindi il riconoscimento dell’agevolazione in bolletta?

Se fino al 2020 era il contribuente a dover presentare domanda al Comune, dall’anno in corso è l’ARERA ad individuare i beneficiari, accedendo ai dati INPS e individuando i contribuenti che rispettano i parametri di cui sopra.

Per poter usufruire del bonus sulle bollette di luce e gas è quindi fondamentale aver presentato il modello ISEE o, alternativamente, aver richiesto e ottenuto il reddito o la pensione di cittadinanza.

Ovviamente, poi, uno dei componenti del nucleo familiare indicato nella DSU dovrà risultare titolare di una fornitura di energia elettrica o gas attiva, anche se sospesa per morosità.

L’applicazione dell’agevolazione sarà indicata mediante un’apposita voce in bolletta.

Bonus bollette, sconto luce e gas: verso l’aumento dell’importo da ottobre 2021

Dal 1° gennaio 2021, il bonus sulle bollette dell’energia elettrica va da 128 a 177 euro.

Nel dettaglio, l’importo dello sconto sulle bollette della luce è calcolato in base al numero dei componenti del nucleo familiare, ed è pari a:

  • 128 euro per le famiglie con 1-2 componenti;
  • 151 euro per le famiglie con 3-4 componenti;
  • 177 euro per le famiglie numerose con più di 4 componenti.

È invece calcolato in base alle modalità di utilizzo e alla zona climatica in cui si risiede il bonus gas, secondo la seguente tabella:

Ammontare della compensazione per i clienti domestici (€/anno per punto di riconsegna)Zona climatica A/BCDEF
Famiglie fino a 4 componenti
Acqua calda sanitaria e/o Uso cottura 30 30 30 30 30
Acqua calda sanitaria e/o Uso cottura + Riscaldamento 67 83 109 136 170
Famiglie oltre a 4 componenti
Acqua calda sanitaria e/o Uso cottura 46 46 46 46 46
Acqua calda sanitaria e/o Uso cottura + Riscaldamento 93 121 157 192 245

Si specifica che gli importi sopra riportati sono riferiti al bonus bollette previsto fino al mese di settembre.

Dopo l’approvazione da parte del Governo del decreto energia, volto a mitigare gli effetti dei rincari previsti per l’ultimo trimestre del 2021, l’ARERA dovrà rimodulare il valore dell’agevolazione concessa, con il fine di azzerare l’aumento delle bollette per le famiglie in stato di disagio economico e per i nuclei numerosi.

Si resta in tal caso in attesa di ulteriori novità nei prossimi giorni.

Bonus bollette 2021, domanda ancora necessaria in caso di disagio fisico

Continua ad essere riconosciuto a domanda il bonus sulle bollette dell’energia elettrica riconosciuto in caso di disagio fisico.

Ai clienti domestici con grave malattia o presso i quali viva un soggetto con grave malattia spetta uno sconto in bolletta a prescindere dal valore dell’ISEE, ma che è in ogni cumulabile con il bonus spettante in caso di disagio economico.

In tal caso nulla è cambiato: nel caso di utilizzo di apparecchiature elettromedicali per il mantenimento in vita, per poter fruire del bonus in bolletta è necessario presentare un’apposita domanda.

La richiesta si presenta come di consueto al Comune di residenza, utilizzando i moduli messi a disposizione.

Alla domanda bisognerà allegare i seguenti documenti:

  • un certificato ASL che attesti la grave situazione di salute, la necessità di utilizzo di apparecchiature elettromedicali, la tipologia delle stesse e l’indirizzo presso cui è installata;
  • il documento di identità e il codice fiscale del richiedente e del malato;
  • il modulo B compilato.

Per poter fare domanda sarà quindi necessario conoscere il codice POD e la potenza impegnata o disponibile della fornitura.

L’importo dello sconto riconosciuto sarà quindi articolato su tre livelli, ossia:

€/anno per punto prelievo anno 2021FASCIA MINIMAFASCIA MEDIAFASCIA MASSIMA
extra consumo rispetto a utente tipo (2700/kWh/anno) fino a 600 kWh/anno tra 600 e 1200 kWh/anno oltre 1200 kWh/anno
fino a 3 kW € 189 € 311 € 449
oltre 3 kW (da 4,5 kW in su) € 442 € 559 € 676

Informazione Fiscale S.r.l. - P.I. / C.F.: 13886391005
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Velletri al n° 14/2018
Iscrizione ROC n. 31534/2018

Redazione e contatti | Informativa sulla Privacy

Preferenze privacy
Logo registrato

Questo sito contribuisce all'audience di Logo Evolution adv Network