Bonus fino a 2.000 euro anche per affitto e mutuo

Nella bozza di Legge di Bilancio 2024 sono previsti bonus fino a 2.000 euro per i dipendenti con figli e fino a 1.000 euro per la generalità dei lavoratori anche per il pagamento dell'affitto e degli interessi sui mutui relativi alla prima casa

Bonus fino a 2.000 euro anche per affitto e mutuo

La discussione sulla Legge di Bilancio 2024 è entrata ormai pienamente nel vivo.

In questi giorni si sta discutendo molto del bonus fino a 2.000 euro che potrà essere riconosciuto dai datori di lavoro anche per il pagamento dell’affitto e degli interessi sul mutuo per la prima casa.

Il perimetro dei fringe benefit esenti elevati fino a 1.000 euro per la generalità dei lavoratori dipendenti e raddoppiati in caso di figli a carico accoglie nuove voci per il 2024.

Questa una delle novità previste dalla Legge di Bilancio 2024, che interviene su limiti e regole previste dall’articolo 51 del TUIR.

Per ricevere via email gli aggiornamenti gratuiti di Informazione Fiscale in materia di ultime novità ed agevolazioni fiscali e del lavoro, lettrici e lettori interessati possono iscriversi gratuitamente alla nostra newsletter, un aggiornamento gratuito al giorno via email dal lunedì alla domenica alle 13.00

Iscriviti alla nostra newsletter


Bonus fino a 2.000 euro per lavoratrici e lavoratori dipendenti esteso anche per affitto e mutuo: le novità nella Legge di Bilancio 2024

Si allarga il perimetro dei fringe benefit per i quali il limite massimo previsto ai fini della fruizione dell’esenzione fiscale e contributiva sale a 1.000 euro per tutti e a 2.000 euro per i dipendenti con figli.

La novità è contenuta nel testo della Legge di Bilancio 2024 presentato in Senato, che si avvia ora verso la fase di discussione in vista del via libera atteso entro la fine dell’anno.

Attenzione: evidenziamo che si tratta di un testo che dovrà seguire il consueto iter di approvazione parlamentare e, in quanto tale, potrebbe essere ancora modificato prima di diventare ufficiale.

Esclusivamente per il 2024, l’articolo 6 prevede che non concorreranno alla formazione del reddito da lavoro dipendente, entro il limite di 1.000 euro, il valore di beni ceduti e servizi prestati, nonché le somme corrisposte per il pagamento di utenze di acqua, luce e gas, così come le spese per l’affitto della prima casa e per gli interessi sul mutuo relativo all’abitazione principale.

Affitto e mutuo sono quindi le due nuove voci incluse nell’elenco dei fringe benefit che il datore di lavoro potrà erogare ai propri dipendenti, entro il limite di 1.000 euro che raddoppia a 2.000 euro in presenza di figli a carico.

Per ricevere via email gli aggiornamenti gratuiti di Informazione Fiscale in materia di ultime novità ed agevolazioni fiscali e del lavoro, lettrici e lettori interessati possono iscriversi gratuitamente alla nostra newsletter, un aggiornamento gratuito al giorno via email dal lunedì alla domenica alle 13.00

Iscriviti alla nostra newsletter


Bonus fino a 2.000 euro per lavoratrici e lavoratori dipendenti con figli a carico: la scelta è del datore di lavoro

In merito alle casistiche per le quali il limite dei fringe benefit salirà a 2.000 euro, la Legge di Bilancio 2024 riprende quanto già previsto per l’anno in corso, per il quale la soglia è stata fissata a 3.000 euro in presenza di figli a carico.

Si tratta quindi dei figli con redditi non superiori a 2.840,51 euro, aumentati a 4.000,00 euro fino ai 24 anni di età.

L’agevolazione sarà in ogni caso riconosciuta anche in presenza di figli nati fuori dal matrimonio riconosciuti, adottivi o affidati, in presenza delle condizioni di cui sopra.

La Legge di Bilancio 2024 interviene in ogni caso anche sul limite previsto per la generalità dei dipendenti, fissato a 258,23 euro fino al 31 dicembre 2023 e che per il prossimo anno salirà dunque a 1.000 euro.

Da specificare che il riconoscimento del bonus in busta paga non sarà obbligatorio, ma a discrezione del datore di lavoro.

Questi, infatti, può scegliere se, in quale misura e a quali dipendenti riconoscere i fringe benefit secondo i nuovi limiti fissati dal 1° gennaio al 31 dicembre 2024.

Si tratta quindi di somme che rientrano nell’ambito delle misure di welfare aziendale e per le quali è prevista l’esclusione dalla formazione del reddito da lavoro dipendente e, sostanzialmente, la non tassazione ai fini IRPEF e ai fini dei contributi previdenziali.

L’inclusione delle spese di affitto e mutuo tra quelle per le quali sarà possibile sfruttare la chance del welfare aziendale come forma di incentivazione amplia quindi le possibilità a disposizione dei datori di lavoro, con il fine di rendere maggiormente utilizzabile il plafond massimo previsto.

Una novità che, in ogni caso, sarà ufficiale solo con l’approvazione definitiva della Legge di Bilancio 2024, attesa come di consueto entro la fine dell’anno.

Per ricevere via email gli aggiornamenti gratuiti di Informazione Fiscale in materia di ultime novità ed agevolazioni fiscali e del lavoro, lettrici e lettori interessati possono iscriversi gratuitamente alla nostra newsletter, un aggiornamento gratuito al giorno via email dal lunedì alla domenica alle 13.00

Iscriviti alla nostra newsletter


Questo sito contribuisce all'audience di Logo Evolution adv Network