Domanda bonus 200 euro autonomi e professionisti al via: come richiederlo con l’integrazione di 150 euro? Le istruzioni

Rosy D’Elia - Dichiarazioni e adempimenti

Si parte oggi, 26 settembre, alle ore 12 con la domanda online per il bonus 200 euro destinato ad autonomi e professionisti. Le istruzioni su come richiederlo insieme all'integrazione di 150 euro arrivano dalle Casse di previdenza private, mentre le indicazioni per chi presenta l'istanza all'INPS sono contenute nella circolare numero 103 del 2022.

Domanda bonus 200 euro autonomi e professionisti al via: come richiederlo con l'integrazione di 150 euro? Le istruzioni

Domanda bonus 200 euro per autonomi e professionisti: dopo una lunga attesa si parte oggi, 26 settembre, alle ore 12. La conferma arriva dalle diverse Casse di previdenza private che forniscono le istruzioni per richiederlo insieme all’integrazione di 150 euro. Dall’INPS le indicazioni ufficiali per procedere sono arrivate nel pomeriggio con la circolare numero 103 del 2022.

Il via libera, come preannunciato, arriva dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto attuativo firmato lo scorso 19 agosto e del Decreto Aiuti ter che ha previsto delle somme aggiuntive per le partite IVA con un reddito fino a 20.000 euro.

Domanda bonus 200 euro autonomi e professionisti al via, come richiederlo insieme all’integrazione di 150 euro? Le istruzioni

Dopo mesi di attesa per le partite IVA, lavoratrici e lavoratori autonomi e professionisti e professioniste, è arrivato il momento di presentare la domanda online per ottenere il bonus 200 euro previsto dall’articolo 33 del DL n. 50/2022 e rimasto in stand by dallo scorso maggio.

Come anticipato dall’Adepp, l’Associazione degli enti previdenziali privati, coloro che hanno i requisiti previsti dal DL n. 144 del 2022 potranno richiedere anche l’integrazione di 150 euro messa in campo per garantire una seconda tornata di sostegno con il caro prezzi.

Già nella giornata di domenica 25 settembre le Casse previdenziali hanno cominciato a fornire le istruzioni da seguire, mentre dall’INPS sono arrivate indicazioni ufficiali su come procedere con la circolare numero 103 del 26 settembre 2022.

INPS - Circolare numero 103 del 26 settembre 2022
Decreto del Ministro del Lavoro e delle politiche sociali, di concerto con il Ministro dell’Economia e delle finanze, 19 agosto 2022 (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 224 del 24 settembre 2022), attuativo dell’articolo 33 del decreto-legge 17 maggio 2022, n. 50, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 luglio 2022, n. 91. Indennità una tantum per i lavoratori autonomi e i professionisti. Istruzioni contabili. Variazioni al piano dei conti

La notizia dell’apertura delle domande è arrivata in seguito alla pubblicazione del decreto attuativo del 19 agosto in Gazzetta Ufficiale, passaggio necessario per avviare la macchina organizzativa e su cui ci sono stati una serie di rallentamenti.

Bonus 200 euro autonomi e professionisti, si parte con la domanda: istruzioni su come richiederlo

Come si legge nel testo, lavoratrici e lavoratori autonomi e professionisti e professioniste per ottenere il bonus 200 euro e l’integrazione di 150 euro devono inviare la domanda online all’ente di previdenza di riferimento.

In caso di doppia iscrizione, a una cassa di previdenza privata e all’INPS, la richiesta dovrà essere inviata necessariamente all’Istituto.

Gli aspiranti beneficiari dell’indennità dovranno, quindi, seguire le indicazioni fornite dai singoli enti di previdenza e stabilite in linea con le disposizioni del decreto attuativo.

In ogni caso, quindi, in fase di domanda sarà necessario dichiarare di possedere i seguenti requisiti:

  • essere lavoratori autonomi/liberi professionisti, non titolari di pensione;
  • non essere percettori della stessa indennità in altra formula;
  • non aver percepito nell’anno di imposta 2021 un reddito complessivo superiore all’importo di 35.000 euro e per ottenere anche l’integrazione di 150 euro non superiore a 20.000 euro;
  • essere iscritti alla data del 18 maggio ad una delle gestioni previdenziali dell’Istituto nazionale della previdenza sociale (INPS) o degli enti gestori di forme obbligatorie di previdenza ed assistenza di cui al decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509, e al decreto legislativo 10 febbraio 1996, n. 103;
  • nel caso di contemporanea iscrizione a diversi enti previdenziali, di non avere presentato per il medesimo fine istanza ad altra forma di previdenza obbligatoria.

Inoltre l’istanza per essere valida dovrà essere accompagnata dalla seguente documentazione:

  • la copia del documento di identità in corso di validità e del codice fiscale;
  • le coordinate bancarie o postali per l’accreditamento del bonus 200 euro.

La data di oggi, 26 settembre, non segna un click day. Ci sarà tempo per procedere fino alla scadenza del 30 novembre.

Il pagamento sarà effettuato in ordine cronologico di presentazione delle istanze, ma secondo le previsioni le risorse in campo, 600 milioni di euro per il bonus 200 euro e 412,5 milioni di euro per l’integrazione di 150 euro, basteranno per tutti e tutte coloro che presenteranno domanda.

Informazione Fiscale S.r.l. - P.I. / C.F.: 13886391005
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Velletri al n° 14/2018
Iscrizione ROC n. 31534/2018

Redazione e contatti | Informativa sulla Privacy

Preferenze privacy
Logo registrato

Questo sito contribuisce all'audience di Logo Evolution adv Network