Bollo fatture elettroniche: modello F24 precompilato online

Modello F24 precompilato online per il calcolo del bollo sulle fatture elettroniche. Col DL Semplificazioni, dal 2023 cresce la soglia che permette di posticipare il pagamento. Di seguito le istruzioni, passo dopo passo, per usufruire dello strumento di calcolo automatico disponibile sul portale Fatture e Corrispettivi dell'Agenzia delle Entrate.

Bollo fatture elettroniche: modello F24 precompilato online

Bollo fatture elettroniche: novità sul calendario in arrivo dal 2023 con le modifiche introdotte dal Decreto Semplificazioni, entrato in vigore il 22 giugno e convertito in legge il 2 agosto 2022.

Il testo porta da 250 a 5.000 euro la soglia che permette di posticipare il pagamento.

È fondamentale, quindi, conoscere il valore dell’imposta da versare. Per effettuare il calcolo e procedere con il pagamento sul portale dell’Agenzia delle Entrate c’è a disposizione dei contribuenti il modello F24 precompilato online.

La platea degli interessati, accedendo al portale Fatture e Corrispettivi, può utilizzare la funzione di calcolo automatico che permette di versare correttamente gli importi.

Lo strumento del portale Fatture e Corrispettivi dedicato al versamento dell’imposta di bollo sulle fatture elettroniche, seppur semplicissimo nel suo funzionamento, per la prima volta permette di effettuare la procedura senza rivolgersi a un intermediario.

Da un lato il servizio semplifica l’adempimento e dall’altro permette all’Amministrazione finanziaria di avere un controllo automatizzato sui versamenti dovuti.

Dall’accesso al versamento: le istruzioni, disponibili anche in un video tutorial, per usare il servizio web e procedere al pagamento in pochi clic.

Bollo fatture elettroniche con modello F24 precompilato online: il calendario di scadenze

Prima di entrare nel vivo delle indicazioni, è bene chiarire i tempi da rispettare per il versamento dell’imposta di bollo sulle fatture elettroniche.

L’obbligo ha cadenza trimestrale, ma negli ultimi anni sono state apportate una serie di modifiche alla tabella di marcia.

Le regole attuali sono contenute principalmente nel decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze del 4 dicembre 2020 che ha aggiornato il calendario delle scadenze di pagamento del tributo.

PeriodoScadenza per il pagamento dell’imposta di bollo
1° Trimestre 31 Maggio
2° Trimestre 30 Settembre
3° Trimestre 30 Novembre
4° Trimestre 28 Febbraio

L’imposta di bollo del valore di 2 euro si applica alle operazioni fatturate con importi non assoggettati ad IVA, che hanno un valore superiore a 77,47 euro. Nei documenti fiscali, inoltre, è obbligatorio indicare la dicitura “assolvimento dell’imposta di bollo ai sensi del D.M. 17 giugno 2014”, selezionando la voce che si trova sui software per la compilazione e l’invio delle fatture elettroniche.

IL DL Liquidità ha previsto per le somme che non superano la soglia dei 250 euro la possibilità di spostare il pagamento al secondo trimestre.

Il termine può arrivare direttamente alla scadenza del terzo trimestre, nel caso in cui la cifra dovuta nel primo e nel secondo resti comunque entro il limite dei 250 euro.

Un’ulteriore novità in questo panorama di regole arriva con il Decreto Semplificazioni, che porta la soglia che permette di posticipare il pagamento a 5.000 euro. Le nuove regole non sono, però, operative da subito ma si applicano alle fatture emesse dal 1° gennaio 2022.

Il calendario di scadenze in arrivo col prossimo anno, quindi, cambia come segue.

Periodo di riferimento e importoScadenza versamento - novità Decreto Semplificazioni
Imposta di bollo I trimestre superiore a 5.000 euro Scadenza il 31 maggio 2022
Imposta di bollo I trimestre inferiore a 5.000 euro Scadenza il 30 settembre 2022
Imposta di bollo II trimestre Scadenza 30 settembre 2022
Imposta di bollo I e II trimestre inferiore a 5.000 euro Scadenza 30 novembre 2022
Imposta di bollo III trimestre Scadenza 30 novembre 2022
Imposta di bollo IV trimestre Scadenza 28 febbraio 2023

Bollo fatture elettroniche 2022: modello f24 precompilato online

Il nuovo modello f24 precompilato online per il calcolo dell’imposta di bollo sulle fatture elettroniche si basa su un meccanismo elementare: il sistema genera l’importo da versare moltiplicando il numero delle fatture inviate tramite il Sistema di Interscambio per 2 euro, il valore dell’imposta.

Per accedere allo strumento, è necessario innanzitutto collegarsi al portale Fatture e Corrispettivi . Il primo passaggio da effettuare è accedere al sistema Fisconline dell’Agenzia delle Entrate con le proprie credenziali.

Dall’accesso al portale Fatture e Corrispettivi al versamento dell’imposta di bollo le istruzioni sono disponibili anche in un video tutorial dedicato al modello F24 precompilato online.

Una volta effettuato l’accesso, dalla propria scrivania si entra nel portale Fatture e Corrispettivi.

All’interno, come da prassi, bisogna indicare l’utenza di lavoro che si intende utilizzare. Il portale permette di scegliere tra quattro opzioni:

  • me stesso;
  • incaricato;
  • delega diretta;
  • intermediario non delegato.

Bollo fatture elettroniche, modello F24 precompilato online: come si genera

A questo punto Fatture e Corrispettivi offre all’utente una panoramica dei servizi che ha a disposizione:

  • Fatturazione elettronica e conservazione;
  • Dati Fatture e comunicazioni IVA;
  • Corrispettivi;
  • Consultazione.

Per accedere al modello f24 precompilato online da utilizzare per il versamento del bollo sulle fatture elettroniche, è necessario selezionare la sotto categoria “Fatture elettroniche e altri dati IVA” della voce “Consultazione”.

Una volta, poi, all’interno dell’area, appare una panoramica dei servizi disponibili:

  • Fatture elettroniche;
  • Dati fatture transfrontaliere;
  • Corrispettivi;
  • Spesometro;
  • Liquidazioni periodiche IVA;
  • L’Agenzia scrive.

Per accedere allo strumento online che permette di generare il modello F24 è necessario cliccare sulla voce “Pagamento imposta di bollo” nell’area “fatture elettroniche”.

A questo punto l’utente si trova difronte allo strumento utile per calcolare l’importo del versamento dell’imposta di bollo sulle fatture elettroniche. Il totale è dato dal numero di documenti dichiarati, che fa riferimento esclusivamente alle fatture inviate tramite Sistema di Interscambio, moltiplicato per il valore dell’imposta.

Cliccando sulla mascherina di calcolo, si accede, poi, al modello F24 precompilato online, necessario per adempiere all’obbligo previsto. L’unico dato editabile è il numero di fatture soggette a imposta di bollo.

A questo punto si può procedere al pagamento stampando il modello o tramite l’addebito in conto.

Una volta avviata la procedura per il pagamento, dalla schermata di riepilogo è possibile accedere a due documenti:

  • attestazione di prenotazione di pagamento;
  • attestazione di pagamento, che compare quando l’operazione è stata effettuata.


Infine, se l’addebito è avvenuto con successo, nella schermata che riporta i dettagli delle operazioni appare la dicitura “pagamento avvenuto”.

Con questa procedura attivata sul portale Fatture e Corrispettivi, l’Agenzia delle Entrate mette in atto una strategia per semplificare e controllare il versamento dell’imposta di bollo, un obbligo con cadenza generalmente trimestrale per tutti i soggetti che effettuano operazioni fatturate senza IVA superiori a 77,47 euro.

Informazione Fiscale S.r.l. - P.I. / C.F.: 13886391005
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Velletri al n° 14/2018
Iscrizione ROC n. 31534/2018

Redazione e contatti | Informativa sulla Privacy

Preferenze privacy
Logo registrato

Questo sito contribuisce all'audience di Logo Evolution adv Network