Nuova autodichiarazione per ricevere il bonus 150 euro: istruzioni per i lavoratori dipendenti

Rosy D’Elia - Leggi e prassi

Sarà necessaria una nuova autodichiarazione per ricevere il bonus 150 euro destinato a lavoratrici e lavoratori dipendenti con una retribuzione fino a 1.538 euro per il mese di novembre 2022. La novità è contenuta nel Decreto Aiuti ter, di cui si attende la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

Nuova autodichiarazione per ricevere il bonus 150 euro: istruzioni per i lavoratori dipendenti

Le lavoratrici e i lavoratori dipendenti dovranno presentare una nuova autodichiarazione per ottenere il pagamento in busta paga del bonus 150 euro previsto dal Decreto Aiuti ter, di cui si attende il testo ufficiale.

Stando a quanto indicato nella bozza in circolazione, questa ulteriore indennità contro il caro prezzi sarà erogata riprendendo lo stesso meccanismo della precedente tornata, ma oltre ad avere un importo più basso, sarà destinata a una platea più ristretta di beneficiari e beneficiarie.

Ne avranno diritto coloro che avranno una retribuzione che non superi i 1.538 euro per il mese di novembre 2022.

I lettori interessati ad un confronto e a domande su quali sono le prossime agevolazioni in arrivo con il Decreto Aiuti Ter possono iscriversi al nostro gruppo Facebook “Informazione Fiscale” dove sarà possibile confrontarsi con Lettrici, Lettori e con i Professionisti del nostro giornale.

Nuova autodichiarazione per ricevere il bonus 150 euro: istruzioni per i lavoratori dipendenti

In ogni caso, come accaduto in passato, per le lavoratrici e i lavoratori dipendenti il pagamento del bonus 150 euro sarà semi automatico, vale a dire che a erogarlo sarà sempre il datore di lavoro in busta paga ma solo dopo aver acquisito l’autodichiarazione sul possesso dei requisiti.

Dopo i primi dubbi iniziali sui dati da inserire, l’INPS con il messaggio numero 2559 del 24 giugno 2022 ha fornito il modello da utilizzare per ricevere la precedente misura di sostegno.

Il nuovo bonus 150 euro è una replica, con variazioni su tema, della prima indennità contro il caro prezzi. Appare, quindi, verosimile pensare che le dichiarazioni che le lavoratrici e i lavoratori dovranno firmare saranno molto simili a quelle presentate la scorsa estate e si articoleranno sul possesso dei seguenti requisiti:

  • non essere titolare di uno o più trattamenti pensionistici a carico di qualsiasi forma previdenziale obbligatoria, di pensione o assegno sociale, di pensione o assegno per invalidi civili, ciechi e sordomuti, nonché di trattamenti di accompagnamento alla pensione, con decorrenza entro il 30 giugno 2022;
  • non essere componente di nucleo familiare beneficiario di Reddito di cittadinanza (Rdc);
  • non essere destinatario/a della stessa indennità pagata da un altro datore di lavoro;
  • essere consapevole che l’indennità una tantum di 150 euro spetta ai lavoratori dipendenti aventi una retribuzione imponibile nella competenza del mese di novembre 2022 non eccedente l’importo di 1.538 euro;
  • essere consapevole che, in caso di dichiarazioni non vere, oltre a incorrere nelle sanzioni previste, l’indennità non spettante sarà recuperata.

Anche questa volta, quindi, per sbloccare il pagamento in busta paga sarà necessario consegnare il documento al datore di lavoro.

Nuova autodichiarazione per ricevere il bonus 150 euro: nessuna eccezione per i dipendenti pubblici

La nuova indennità una tantum contro il caro prezzi spetta anche alle lavoratrici e ai lavoratori pubblici.

Grazie a un intervento inserito nel Decreto Semplificazioni, questa fetta di beneficiari e beneficiarie ha ricevuto il pagamento del bonus 200 euro senza presentare alcuna autodichiarazione.

Nell’articolo 36 del DL n. 73/2022 si legge:

“1. Ai fini dell’erogazione dell’indennità una tantum di cui all’articolo 31, comma 1, del decreto-legge 17 maggio 2022, n. 50, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 luglio 2022, n. 91, limitatamente ai dipendenti delle pubbliche amministrazioni i cui servizi di pagamento delle retribuzioni del personale siano gestiti dal sistema informatico del Ministero dell’economia e delle finanze di cui all’articolo 11, comma 9, del decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 luglio 2011, n. 111, l’individuazione dei beneficiari avviene mediante apposite comunicazioni tra il Ministero dell’economia e delle finanze e l’Istituto nazionale della previdenza sociale (INPS) nel rispetto della normativa, europea e nazionale, in materia di protezione dei dati personali. I dipendenti delle pubbliche amministrazioni di cui al primo periodo non sono tenuti a rendere la dichiarazione prevista dall’ultimo periodo del medesimo articolo 31, comma 1”.

Dalla formulazione della norma è chiaro che la semplificazione si applica specificamente al bonus 200 euro.

Attualmente nella bozza del DL Aiuti ter che introduce il bonus 150 euro non c’è nessuna precisazione che sollevi le lavoratrici e i lavoratori dipendenti pubblici dalla presentazione dell’autodichiarazione.

Se non ci saranno delle integrazioni o degli interventi ad hoc in altre norme, quindi, questa volta l’adempimento preliminare al pagamento sarà richiesto anche a chi opera nel settore pubblico.

Ma in ogni caso per tutti i dettagli operativi sul nuovo bonus 150 euro in arrivo, è necessario attendere prima il testo del provvedimento in Gazzetta Ufficiale e poi le indicazioni dall’INPS.

Informazione Fiscale S.r.l. - P.I. / C.F.: 13886391005
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Velletri al n° 14/2018
Iscrizione ROC n. 31534/2018

Redazione e contatti | Informativa sulla Privacy

Preferenze privacy
Logo registrato

Questo sito contribuisce all'audience di Logo Evolution adv Network