Tregua fiscale: ipotesi stralcio fino a 1500 euro anche per bollo e multe

Francesco Rodorigo - Imposte

Nelle ultime ora si parla insistentemente della possibilità di stralcio delle cartelle fino a 1500 euro, ecco le ultime novità relative all'iter della Legge di Bilancio 2023

Tregua fiscale: ipotesi stralcio fino a 1500 euro anche per bollo e multe

Avanza nelle ultime ore una nuova ipotesi in tema di Tregua (ex Pace) fiscale: nello stralcio delle cartelle sotto i 1.500 euro (invece dei 1000) rientrano anche i debiti relativi a multe e bollo auto non pagate.

La bozza aggiornata della Legge di Bilancio 2023 prevede lo stralcio delle cartelle esattoriali dal 2000 al 2015.

Tra le somme oggetto della misura, sono comprese, dunque, le multe non pagate così come tutti gli altri debiti connessi alla circolazione dei veicoli, come ad esempio il bollo auto.

Lo stralcio potrebbe poi risultare anche superiore ai 1.000 euro o ai 1.500 euro previsti. Nelle singole cartelle con debiti relativi a più imposte, infatti, per applicare la misura bisogna considerare ogni singola voce.

Non sono poche le domande ed i dubbi in materia di tregua fiscale, saldo e stralcio e rottamazione delle cartelle esattoriali. Per ricevere tutti gli aggiornamenti in tempo reale su queste agevolazioni si consiglia di iscriversi gratuitamente alla newsletter di Informazione Fiscale (è sufficiente inserire il proprio indirizzo e-mail nel box in fondo a questa pagina)

Pace fiscale: nello stralcio delle cartelle sotto i 1.500 euro rientrano anche multe e bollo auto

Uno degli interventi principali della Legge di bilancio 2023 in tema di fisco riguarda la pace fiscale.

In particolare, è previsto lo stralcio delle cartelle esattoriali fino a 1.000 euro relative ai periodi dal 2000 al 2015. Salvo che questo importo non salga a 1.500 euro come ipotizzato da più parti in queste ore.

Come si legge nell’ultima bozza del testo in circolazione, saranno automaticamente annullati tutti i debiti di importo residuo fino a 1.000 euro:

“Sono automaticamente annullati, alla data del 31 gennaio 2023, i debiti di importo residuo, alla data di entrata in vigore della presente legge, fino a mille euro, comprensivo di capitale, interessi per ritardata iscrizione a ruolo e sanzioni, risultanti dai singoli carichi affidati agli agenti della riscossione dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2015.”

In questa definizione, rientrano quindi anche le somme relative alle multe stradali non pagate.

Allo stesso modo, sono compresi anche tutti gli importi addebitati relativi alla circolazione dei veicoli, come il bollo auto.

Pertanto, nel caso in cui risultino versamenti in sospeso relativi a multe o bollo auto non pagati fino al 2015 e compresi nel limite di 1.000 euro, nel 2023 i debiti saranno automaticamente cancellati.

Stralcio cartelle: l’importo effettivo potrebbe essere maggiore di 1.000 euro o addirittura 1.500 euro

Lo stralcio in favore dei contribuenti potrebbe addirittura superare il limite dei 1.000 euro (o 1.500 euro) previsti.

Infatti, nel caso in cui in cui una singola cartella comprenda più imposte, il tetto di 1.000 euro attualmente previsti nella bozza va considerato per ogni singola somma dovuta.

Ad esempio, se il contribuente, in una singola cartella, ha un debito relativo all’IVA di 700 euro e uno relativo all’IRPEF di 800 euro potrà comunque beneficiare dello stralcio.

Questo perché non bisogna considerare l’importo totale del debito, che in questo caso raggiungerebbe i 1.500 euro, ma quello delle singole voci, entrambe sotto i 1.000 euro e pertanto oggetto di stralcio.

Per fare un altro esempio, nel caso in cui fosse stato notificato in un’unica cartella un debito relativo all’IVA di 1.200 euro e uno relativo all’IRPEF di 700 euro, lo stralcio interesserebbe solamente quest’ultimo, poiché inferiore al limite previsto.

I 1.000 euro, infatti, come specificato nella bozza del testo, sono riferiti ai singoli carichi affidati all’agente della riscossione. Pertanto, a meno di eventuali cambiamenti nella versione definitiva della Legge di Bilancio 2023, potrebbero essere annullati anche debiti superiori ai 1.000 euro previsti.

Informazione Fiscale S.r.l. - P.I. / C.F.: 13886391005
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Velletri al n° 14/2018
Iscrizione ROC n. 31534/2018

Redazione e contatti | Informativa sulla Privacy

Preferenze privacy
Logo registrato

Questo sito contribuisce all'audience di Logo Evolution adv Network