Domanda fondo perduto decreto Sostegni: istruzioni e modello

Anna Maria D’Andrea - Dichiarazioni e adempimenti

Domanda contributi a fondo perduto decreto Sostegno al via dal 30 marzo 2021, e fino alla scadenza del 28 maggio. Di seguito il modulo e le istruzioni per la compilazione e l'invio telematico.

Domanda fondo perduto decreto Sostegni: istruzioni e modello

Domanda contributi a fondo perduto decreto Sostegni, si parte il 30 marzo 2021.

È ormai imminente l’avvio della fase di presentazione dell’istanza di accesso ai nuovi contributi a fondo perduto. Il modello e le istruzioni di compilazione e trasmissione telematica sono stati pubblicati dall’Agenzia delle Entrate il 23 marzo 2021.

Ci saranno 60 giorni di tempo per fare domanda. I titolari di partita IVA in possesso dei requisiti potranno effettuare l’invio entro la scadenza del 28 maggio 2021.

Dopo la pubblicazione del provvedimento, nel pomeriggio del 24 marzo 2021 l’Agenzia delle Entrate ha pubblicato una nuova versione aggiornata delle istruzioni di compilazione.

La scadenza del 28 maggio è il termine ultimo anche per l’invio della domanda sostitutiva, in caso di errori nella prima istanza di accesso ai contributi a fondo perduto presentata dal contribuente o dal proprio intermediario.

Fondo perduto decreto Sostegni, domanda entro il 28 maggio 2021: modulo e istruzioni

La domanda di richiesta dei contributi a fondo perduto potrà essere trasmessa dal contribuente, anche avvalendosi di un intermediario, utilizzando i canali telematici dell’Agenzia delle Entrate o la piattaforma web predisposta da Sogei, accessibile tramite l’area riservata del portale Fatture e Corrispettivi.

La finestra per inviare l’istanza si aprirà il 30 marzo, all’orario che verrà successivamente comunicato dalle Entrate. Ci saranno due mesi circa di tempo per fare richiesta: la scadenza per le domande del fondo perduto previsto dal decreto Sostegni è fissata al 28 maggio 2021.

A fornire le istruzioni operative è il provvedimento pubblicato dall’Agenzia delle Entrate il 23 marzo 2021, con il quale vengono forniti il modulo e le istruzioni per fare domanda di accesso al nuovo contributo a fondo perduto previsto dal decreto legge n. 41 del 22 marzo 2021.

Il contributo arriverà direttamente sul conto corrente indicato nella richiesta o, a scelta irrevocabile del contribuente, potrà essere utilizzato come credito d’imposta in compensazione.

Per quel che riguarda la scelta di utilizzo del fondo perduto in compensazione, nella versione aggiornata delle istruzioni di compilazione, pubblicata il 24 marzo 2021, si legge che:

“La scelta della modalità di erogazione indicata nell’istanza, sia per l’accredito in conto corrente sia per il riconoscimento del credito d’imposta, può essere modificata dal soggetto richiedente solamente fino al momento del riconoscimento del contributo, il cui esito è esposto nell’area riservata del portale Fatture e Corrispettivi “Contributo a fondo perduto – Consultazione esito”. Successivamente a tale momento, il soggetto richiedente non può in alcun modo modificare la scelta.”

La prima versione, pubblicata con il provvedimento del 23 marzo, stabiliva al contrario che l’opzione per l’uso del fondo perduto come credito d’imposta non era successivamente revocabile, anche in caso di invio di una nuova istanza sostitutiva di quella precedentemente trasmessa.

Le nuove indicazioni delle Entrate aggiustano il tiro, correggendo l’iniziale interpretazione che è apparsa sin da subito eccessivamente restrittiva circa l’irrevocabilità della scelta esercitata dal contribuente.

Agenzia delle Entrate - comunicato stampa 23 marzo 2021
DL Sostegni, tutto pronto per i nuovi contributi a fondo perduto. Domande al via il 30 marzo
Contributi a fondo perduto: provvedimento Agenzia delle Entrate
Pubblicato il provvedimento dell’Agenzia delle Entrate che attua le disposizioni sui contributi a fondo perduto previste dall’articolo 1 del Decreto Sostegni
Istruzioni domanda contributi a fondo perduto
Istruzioni dell’Agenzia delle Entrate per la presentazione della domanda dei contributi a fondo perduto (aggiornate il 24 marzo 2021)
Modulo di domanda contributi a fondo perduto
L’Agenzia delle Entrate nella giornata del 23 marzo ha pubblicato il modulo di domanda per la richiesta dei contributi a fondo perduto
Specifiche tecniche domanda contributo a fondo perduto Decreto Sostegni
Contributi a fondo perduto Decreto Sostegni: specifiche tecniche per la presentazione della domanda

Contributi a fondo perduto decreto Sostegni: come richiedere il bonus tramite la procedura web dell’Agenzia delle Entrate

Il modulo di domanda per i contributi a fondo perduto dovrà essere presentato entro la scadenza del 28 maggio 2021, esclusivamente in modalità telematica.

Il contribuente potrà fare domanda direttamente o tramite l’intermediario già delegato per il suo Cassetto fiscale o per il servizio di consultazione delle fatture elettroniche. L’accesso alla procedura web è possibile con le credenziali Spid, Cie o Cns oppure Entratel.

Dopo aver inviato domanda, la palla passa all’Agenzia delle Entrate che, dopo le opportune verifiche, rilascerà una specifica ricevuta al soggetto che ha inviato la domanda.

In caso di esito positivo, l’Agenzia delle Entrate comunicherà l’avvenuto mandato di pagamento del contributo a fondo perduto (o il riconoscimento dello stesso come credito d’imposta), all’interno dell’area riservata del portale Fatture e Corrispettivi, nella sezione “Contributo a fondo perduto - Consultazione esito” , accessibile al soggetto richiedente o al suo intermediario delegato.

Secondo quanto dichiarato dal Premier Draghi nella conferenza stampa di presentazione del decreto Sostegni, i primi pagamenti partiranno già dall’8 aprile 2021.

Fondo perduto decreto Sostegni, focus su requisiti e calcolo

Sono due i requisiti specifici per accedere al nuovo contributo a fondo perduto previsto dal decreto Sostegni:

  • aver conseguito nel 2019 ricavi o compensi non superiori a 10 milioni di euro;
  • aver registrato nel 2020 un calo mensile medio del fatturato e dei corrispettivi rispetto al 2019 di almeno il 30 per cento.

Il contributo spetta anche in assenza del requisito del calo di fatturato/corrispettivi per i soggetti che hanno attivato la partita Iva a partire dal 1° gennaio 2019, sempre che rispettino il presupposto del limite di ricavi o compensi di 10 milioni di euro.

Hanno diritto ad accedere alla misura i soggetti esercenti attività d’impresa, arte e professione e di reddito agrario, titolari di partita IVA residenti o stabiliti nel Territorio dello Stato, che nel secondo periodo di imposta precedente al periodo di entrata in vigore del decreto (per la gran parte dei soggetti si tratta dell’anno 2019) abbiano conseguito un ammontare di ricavi o di compensi non superiore a 10 milioni di euro.

Il contributo spetta anche agli enti non commerciali, compresi gli enti del terzo settore e gli enti religiosi civilmente riconosciuti, in relazione allo svolgimento di attività commerciali.

Sono invece esclusi dalla fruizione del bonus i soggetti la cui attività risulti cessata alla data di entrata in vigore del Decreto (23 marzo 2021) o che abbiano attivato la partita Iva successivamente (a partire dal 24 marzo 2021), gli enti pubblici (art. 74 del TUIR), gli intermediari finanziari e le società di partecipazione (art. 162-bis del Tuir).

Il calcolo dell’importo del fondo perduto riconosciuto dall’Agenzia delle Entrate è effettuato in relazione alla perdita media mensile di fatturato o corrispettivi registrata nel 2020 rispetto al 2019, secondo le seguenti percentuali:

  • 60 per cento se i ricavi e i compensi dell’anno 2019 non superano la soglia di 100mila euro;
  • 50 per cento se i ricavi e i compensi dell’anno 2019 superano la soglia di 100mila euro fino a 400mila;
  • 40 per cento se i ricavi e i compensi dell’anno 2019 superano la soglia di 400mila euro fino a 1 milione;
  • 30 per cento se i ricavi e i compensi dell’anno 2019 superano la soglia di 1milione di euro fino a 5 milioni;
  • 20 per cento se i ricavi e i compensi dell’anno 2019 superano la soglia di 5 milioni di euro fino a 10 milioni.

È comunque garantito un contributo minimo non inferiore a 1.000 euro per le persone fisiche e a 2.000 euro per i soggetti diversi dalle persone fisiche. L’importo del contributo riconosciuto non può in ogni caso superare 150.000 euro.

Informazione Fiscale S.r.l. - P.I. / C.F.: 13886391005
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Velletri al n° 14/2018
Iscrizione ROC n. 31534/2018

Redazione e contatti | Informativa sulla Privacy

Preferenze privacy
Logo registrato

Questo sito contribuisce all'audience di Logo Evolution adv Network