Trinciato di mais: qual è la corretta aliquota IVA da applicare?

Tommaso Gavi - Leggi e prassi

Trinciato di mais, qual è la corretta aliquota IVA da applicare? Quella del 10%. Lo spiega l'Agenzia delle Entrate nella risposta all'interpello numero 221 del 21 luglio 2020: in base al parere dell'Agenzia delle Dogane, i prodotti devono essere classificati come di origine vegetale, per la nutrizione degli animali, non nominati né compresi altrove.

Trinciato di mais: qual è la corretta aliquota IVA da applicare?

Trinciato di mais: qual è la corretta aliquota IVA da applicare?

Per questo prodotto e gli altri prodotti vegetali utilizzati per nutrire gli animali, che non siano ricompresi altrove, è prevista l’aliquota IVA del 10%.

Lo spiega l’Agenzia delle Entrate nella risposta all’interpello numero 221 del 21 luglio 2020.

Il chiarimento viene fornito dopo aver consultato l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli che, dopo averne esaminato la composizione, fornisce la corretta classificazione.

Trinciato di mais: qual è la corretta aliquota IVA da applicare?

Il trinciato di mais ed altri prodotti simili sono al centro della risposta all’interpello numero 221 del 21 luglio 2020.

Il documento di prassi spiega qual è la corretta aliquota IVA da applicare ai prodotti.

Agenzia delle Entrate - Risposta all’interpello numero 221 del 21 luglio 2020
Interpello Articolo 11, comma 1, lett. a), legge 27 luglio 2000, n.212 -Trinciato di Mais, Insilato di Mais e Pastone di Mais - Aliquota IVA.

Lo spunto per il chiarimento dell’Agenzia delle Entrate arriva dal quesito di un contribuente.

Nello specifico vengono chieste delucidazioni sulla tassazione IVA da applicare per i seguenti prodotti:

  • trinciato di Mais;
  • insilato di Mais;
  • pastone di Mais.

Tali prodotti non sono inseriti nella Tabella A allegata al decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633, ovvero il decreto IVA.

Il documento di prassi ne richiama uno precedente, la circolare n. 32/E del 14 giugno 2010 al paragrafo 9.

Tale documento spiega qual è la corretta tassazione IVA da applicare in base alla già citata tabella.

Dopo l’acquisizione dell’Agenzia delle Dogane, l’Amministrazione finanziaria spiega che ai prodotti in esame deve essere applicata l’aliquota IVA del 10%.

L’argomentazione risiede nella voce doganale individuata, la 23.06:

“Quest’ultima è richiamata dal n. 90) della Tabella A, parte III, allegata al Decreto IVA, che prevede l’applicazione dell’aliquota IVA del 10 per cento alle cessioni di “prodotti di origine vegetale del genere di quelli utilizzati per la nutrizione degli animali, non nominati né compresi altrove”.”

Trinciato di mais e prodotti simili: il parere dell’Agenzia delle Dogane

Per rispondere alla corretta tassazione IVA da applicare al trinciato, all’insilato e al pastone di Mais, l’Agenzia delle Entrate richiede il parere dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, responsabile della classificazione dei prodotti.

Nella nota prot. 173776 del 9 giugno 2020, l’Agenzia delle Dogane descrive i prodotti in questione e spiega in quale categoria rientrano.

In apertura la nota specifica che:

“Il mais, nelle sue diverse forme di utilizzo, costituisce una fonte di energia e di fibra indispensabili per l’alimentazione cui sono sottoposti i capi allevati nella zootecnia moderna.”

Per trinciato di mais si intende il prodotto che si ottiene dalla trinciatura della pianta intera (fusto, foglie e pannocchia) nel momento in cui la spiga è allo stadio di maturazione.

La massa viene in seguito trasportata all’interno di un’area dedicata dove viene distribuita in strati orizzontali e compressa tramite pala o trattore e quindi sigillata con uno o più strati di film plastico che viene appesantito con materiali diversi.

Le operazioni di “insilamento” per conservare l’umidità della massa per favorire i processi di fermentazione e acidificazione in ambiente anaerobico sono funzionali alla creazione degli altri prodotti citati.

Prodotti che sono classificati alla voce SA 2308 00 “Materie vegetali e cascami vegetali, residui e sottoprodotti vegetali, anche in agglomerati in forma di pallets, dei tipi utilizzati per l’alimentazione degli animali, non nominati né compresi altrove”

Dalla trinciatura esclusivamente della pannocchia si ottiene il pastone di mais che si suddivide in:

  • il pastone integrale, che contiene oltre alla granella anche una parte di tutolo e di brattee;
  • il pastone costituito solo dalla granella che viene velocemente ridotto in farina e insilato per evitare fenomeni diossidazione.

Anche il pastone di mais, nonostante la diversa composizione fisica rispetto al trinciato, rientra nella stessa classificazione e nella medesima sottovoce della nomenclatura combinata.

Informazione Fiscale S.r.l. - P.I. / C.F.: 13886391005
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Velletri al n° 14/2018
Iscrizione ROC n. 31534/2018

Redazione e contatti | Informativa sulla Privacy

Preferenze privacy
Logo registrato

Questo sito contribuisce all'audience di Logo Evolution adv Network