Transizione 4.0: il nuovo piano nazionale del MISE da 24 miliardi di euro

Tommaso Gavi - Incentivi alle imprese

Transizione 4.0, il nuovo piano nazionale del MISE da 24 miliardi di euro prevede interventi sulle agevolazioni relative ai beni materiali e immateriali, ricerca e sviluppo, innovazione, design, green e formazione 4.0. A spiegarli è il comunicato del 18 novembre 2020.

Transizione 4.0: il nuovo piano nazionale del MISE da 24 miliardi di euro

Transizione 4.0, il nuovo piano nazionale del MISE prevede la spesa di 24 miliardi di euro con due obiettivi: stimolare gli investimenti privati e dare stabilità e certezze alle imprese con misure che hanno effetto da novembre 2020 a giugno 2023.

Nel comunicato stampa del 18 novembre 2020, il Ministro Stefano Patuanelli lo ha definito “il primo mattone su cui si fonda il Recovery Fund italiano”.

I nuovi crediti d’imposta sono previsti per 2 anni, a partire dal 16 novembre 2020.

Tra le misure messe in campo c’è l’aumento dei limiti e delle aliquote delle agevolazioni relative ai beni materiali ed immateriali, ricerca e sviluppo, innovazione, design, green e formazione 4.0.

Transizione 4.0: il nuovo piano nazionale del MISE da 24 miliardi di euro

Il nuovo piano nazionale Transizione 4.0 del MISE mette a disposizione delle imprese 24 miliardi di euro.

Lo rende noto il comunicato del Ministero dello Sviluppo Economico del 18 novembre 2020.

Il Ministro Stefano Patuanelli lo ha definito:

“il primo mattone su cui si fonda il Recovery Fund italiano.”

Con il nuovo intervento il piano Transizione 4.0 diventa strutturale.

Il Ministro inoltre aggiunge:

“È un percorso partito da lontano, nato dal confronto con le categorie produttive. Con il Piano Nazionale Transizione 4.0 si raggiungono due obiettivi fondamentali: stimolare gli investimenti privati con una maggiorazione delle aliquote; dare stabilità alle categorie produttive con un pacchetto di misure ampio e pluriennale.”

Il piano riguarda le seguenti agevolazioni:

Il Viceministro Stefano Buffagni pone l’accento sugli effetti di lunga durata e sottolinea che:

“Transizione 4.0 è un piano shock con cui abbasseremo le tasse alle nostre imprese già dal 2021. Vogliamo incentivare l’acquisto di beni durevoli, garantire il supporto agli investimenti delle nostre imprese.”

Transizione 4.0, il nuovo piano nazionale del MISE: cosa prevede

Il nuovo piano Transizione 4.0 del MISE prevede diverse linee di intervento.

Ad illustrarlo sinteticamente è il documento del Ministero dello Sviluppo Economico.

MISE - Documento diffuso con il comunicato stampa del 18 novembre 2020
Nuovo piano nazionale Transizione 4.0.

Per quanto riguarda la durata delle misure, i nuovi crediti d’imposta sono previsti per 2 anni a partire dal 16 novembre 2020.

Il MISE inoltre specifica che:

“È confermata la possibilità, per i contratti di acquisto dei beni strumentali definiti entro il 31/12/2022, di beneficiare del credito con il solo versamento di un acconto pari ad almeno il 20% dell’importo e consegna dei beni nei 6 mesi successivi (quindi, entro giugno 2023).”

Viene prevista l’anticipazione e la riduzione della compensazione per le seguenti agevolazioni:

  • per gli investimenti in beni strumentali “ex super” e in beni immateriali non 4.0 effettuati nel 2021 da soggetti con ricavi o compensi minori di 5 milioni di euro, il credito d’imposta è fruibile in un anno;
  • è ammessa la compensazione immediata (dall’anno in corso) del credito relativo agli investimenti in beni strumentali;
  • per tutti i crediti d’imposta sui beni strumentali materiali, la fruizione dei crediti è ridotta a 3 anni in luogo dei 5 anni previsti a legislazione vigente.

Per quanto riguarda i beni materiali ed immateriali viene prevista una maggiorazione dei limiti e delle aliquote secondo quanto previsto:

  • incremento dal 6% al 10% per tutti del credito beni strumentali materiali (ex super) per il solo anno 2021;
  • incremento dal 6% al 15% per investimenti effettuati nel 2021 per implementazione del lavoro agile;
  • estensione del credito ai beni immateriali non 4.0 con il 10% per investimenti effettuati nel 2021 e al 6% per investimenti effettuati nel 2022.

La maggiorazione dei tetti e delle aliquote è prevista anche per i beni materiali 4.0:

  • per spese inferiori a 2,5 milioni di euro: nuova aliquota al 50% nel 2021 e 40% nel 2022;
  • per spese superiori a 2,5 milioni di euro e fino a 10 milioni di euro: nuova aliquota al 30% nel 2021 e 20% nel 2022;
  • per spese superiori a 10 milioni di euro e fino a 20 milioni di euro è stato introdotto un nuovo tetto: aliquota al 10% nel 2021 e nel 2022.

Per quanto riguarda i beni immateriali, invece:

  • viene incrementata l’aliquota dal 15 al 20%;
  • il massimale passa da 700 mila euro a 1 milione di euro.

Transizione 4.0, il nuovo piano nazionale del MISE: R&S, innovazione, design e green e formazione 4.0

Tra gli interventi del nuovo piano nazionale del MISE ci sono diversi ambiti, tra i quali ricerca e sviluppo, innovazione, design e green e formazione 4.0.

Per quanto riguarda il credito di imposta Ricerca & Sviluppo, l’aliquota passa dal 12% al 20% e il massimale viene innalzato da 3 milioni a 4 milioni di euro.

L’agevolazione per l’innovazione tecnologica ha invece un incremento dell’aliquota dal 6 al 10%. Il massimale passa, invece, da 1,5 milioni a 2 milioni di euro.

Per quanto riguarda l’ambito dell’innovazione green e digitale, l’incremento è dal 10 al 15% con il massimale che, come per l’innovazione tecnologica, passa da 1,5 milioni a 2 milioni.

Il massimale è incrementato nella stessa misura anche per il design e l’ideazione estetica. L’aliquota passa, invece, dal 6 al 10%.

Novità vengono previste, infine, per il credito formazione 4.0:

  • viene prevista l’estensione del credito d’imposta alle spese sostenute per la formazione dei dipendenti e degli imprenditori;
  • viene riconosciuto nell’ambito del biennio interessato dalle nuove misure (2021 e 2022).

Informazione Fiscale S.r.l. - P.I. / C.F.: 13886391005
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Velletri al n° 14/2018
Iscrizione ROC n. 31534/2018

Redazione e contatti | Informativa sulla Privacy

Preferenze privacy
Logo registrato

Questo sito contribuisce all'audience di Logo Evolution adv Network