REI, dal 1° luglio 2018 contano solo i requisiti economici. Ecco chi può richiederlo

Anna Maria D’Andrea - Leggi e prassi

Reddito di inclusione, REI: per richiederlo dal 1° luglio 2018 saranno valutati solo i requisiti economici di reddito e patrimonio. 2,5 milioni i beneficiari che potranno fare domanda.

REI, dal 1° luglio 2018 contano solo i requisiti economici. Ecco chi può richiederlo

Reddito di inclusione, REI: in vigore dal 1° luglio 2018 le novità sui requisiti per poter presentare domanda.

Sarà richiesto il rispetto soltanto di specifici limiti economici valutati in base al valore ISEE, ISRE e secondo requisiti relativi al patrimonio mobiliare e immobiliare posseduto.

Sono 2,5 milioni gli italiani e gli stranieri che, grazie alle novità sui requisiti per fare domanda, potranno avere accesso al reddito per l’inclusione attiva che prevede, accanto all’erogazione di un sostegno economico, la predisposizione di un progetto di inclusione sociale e lavorativa.

In un periodo nel quale si parla di contrasto alla povertà e dell’introduzione di un reddito di base per i disoccupati, è importante concentrarsi per fare di più, “magari in una pausa tra annunci e comizi”: ad affermarlo è l’ex Premier Paolo Gentiloni, con un riferimento neppure tanto velato alle misure annunciate dal nuovo Governo a guida Lega e Movimento 5 Stelle.

Di seguito tutte le novità sul reddito di inclusione a partire dal 1° luglio 2018 e i requisiti per richiedere il REI.

REI, dal 1° luglio 2018 contano solo i requisiti economici. Ecco chi può richiederlo

Il reddito di inclusione è riconosciuto, a partire dal 1° luglio 2018, ai cittadini italiani e stranieri regolarmente soggiornanti in Italia e in possesso di carta di soggiorno di lungo periodo che rispettino i seguenti requisiti economici:

  • un valore ISEE in corso di validità non superiore a 6.000 euro;
  • un valore ISRE (l’indicatore reddituale dell’ISEE, ossia l’ISR diviso la scala di equivalenza, al netto delle maggiorazioni) non superiore a 3.000 euro;
  • un valore del patrimonio immobiliare, diverso dalla casa di abitazione, non superiore a 20.000 euro;
  • un valore del patrimonio mobiliare (depositi, conti correnti) non superiore a 10.000 euro (ridotto a 8.000 euro per la coppia e a 6.000 euro per la persona sola).

Inoltre, sarà necessario rispettare i seguenti requisiti:

  • non percepire prestazioni di assicurazione sociale per l’impiego (NASpI) o altri ammortizzatori sociali di sostegno al reddito in caso di disoccupazione involontaria;
  • non possedere autoveicoli e/o motoveicoli immatricolati la prima volta nei 24 mesi antecedenti la richiesta (sono esclusi gli autoveicoli e i motoveicoli per cui è prevista una agevolazione fiscale in favore delle persone con disabilità);
  • non possedere navi e imbarcazioni da diporto (art. 3, c.1, D.lgs. 171/2005).

Non sarà più necessario rispettare gli ulteriori requisiti relativi alla composizione del nucleo familiare, ovvero la presenza in famiglia di almeno un minore, un disabile, una donna in stato di gravidanza o un disoccupato di età maggiore ai 55 anni.

Domande reddito di inclusione, modulo INPS da utilizzare dal 1° luglio 2018

Nel mese di giugno e per l’erogazione del reddito di inclusione a partire da luglio, l’INPS aveva pubblicato un messaggio contenente i nuovi requisiti per richiedere il REI, nonché il modulo di domanda aggiornato.

Con l’estensione del numero di soggetti beneficiari e grazie all’eliminazione dei requisiti familiari, l’INPS aveva inoltre comunicato l’avvio della fase di riesame per tutti coloro che avevano presentato domanda dal 1° gennaio 2018 e che erano stati esclusi dalla possibilità di beneficiare del reddito di inclusione per la mancanza dei requisiti familiari.

Per tutti i dettagli su come fare domanda e per scaricare il modulo da compilare e da consegnare al proprio Comune si rimanda all’articolo dedicato.

Reddito di Inclusione 2018 (REI), importi e calcolo

La composizione del nucleo familiare resterà come parametro per calcolare l’importo mensile del reddito di inclusione riconosciuto.

Nel dettaglio, l’assegno erogato a cadenza mensile e per una durata pari a 18 mesi (rinnovabile per ulteriori 12 mesi) sarà calcolato secondo quanto riportato nella tabella di seguito allegata:

Componenti nucleo familiare Importo mensile
1 187,50 euro
2 294,50 euro
3 382,50 euro
4 461,25 euro
5 534,37 euro
6 539,82 euro

L’importo massimo ottenibile ogni mese è ridotto in caso di percezione di trattamenti assistenziali percepiti dalla famiglia nel periodo di fruizione del REI (ad esclusione di quelli non sottoposti alla prova dei mezzi, come ad esempio l’indennità di accompagnamento).

Inoltre, se i componenti del nucleo familiare percepiscono dei redditi, il beneficio mensile del REI è ulteriormente ridotto di un importo pari al valore dell’ISR adottato ai fini ISEE (non considerando i benefici assistenziali già sottratti). L’ISR tiene conto, tra l’altro, delle spese per l’affitto (che vengono sottratte dai redditi fino a un massimo di 7.000 euro, incrementato di 500 euro per ogni figlio convivente successivo al secondo) e dei redditi da lavoro dipendente (che vengono sottratti per il 20%, fino ad un massimo di 3.000 euro).