Proroga incentivi alle imprese: dal MISE novità sui tempi in linea con l’UE

Rosy D’Elia - Incentivi alle imprese

Proroga incentivi alle imprese: si arriva fino al 2027. Il MISE, ministero dello Sviluppo Economico, con il decreto del 15 dicembre 2020, pubblicato in Gazzetta Ufficiale, allunga i tempi in linea con le modifiche apportate ai regolamenti e alle disposizioni dell'Unione europea.

Proroga incentivi alle imprese: dal MISE novità sui tempi in linea con l'UE

Proroga incentivi alle imprese: in linea con quanto stabilito dall’UE, si allungano i tempi per applicare le disposizioni alla base delle misure di aiuto di competenza della Direzione generale per gli incentivi alle imprese del Ministero dello Sviluppo Economico.

Le nuove tempistiche che danno seguito modifiche apportate ai regolamenti e alle disposizioni dell’Unione europea in materia sono contenute nel Decreto Ministeriale del 15 dicembre 2020, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 4 febbraio 2021.

Proroga incentivi alle imprese: dal MISE novità sui tempi in linea con l’UE

Dopo una lunga lista di “visto” e “considerato”, il Ministero dello Sviluppo Economico ridefinisce i tempi delle disposizioni alla base di una serie di misure di sostegno che rientrano nella competenza della Direzione generale degli aiuti alle imprese.

In particolare il testo si esprime sui diversi regolamenti UE che dettano regole di applicazione degli incentivi per le aziende.

In particolare, l’articolo 1 del Decreto Ministeriale pubblicato in GU il 4 febbraio 2021 si sofferma sulle misure previste dal regolamento numero 651 del 17 giugno 2014: la possibilità di prorogare gli incentivi è prevista dalle disposizioni adottate nel 2020 a livello comunitario.

E sulla base delle decisioni UE che in Italia la validità arriva fino al 31 dicembre 2023 per garantirne la continuità operativa, “fermo restando l’adeguamento, oltre il 31 dicembre 2021, delle misure di aiuto a finalità regionale alla carta degli aiuti a finalità regionale vigente nel periodo di riferimento”, si legge nell’articolo 1 del Decreto.

L’elenco delle misure interessate riporta diverse voci:

  • Agevolazioni per la realizzazione di progetti transazionali di sviluppo sperimentale e ricerca industriale nel settore delle biotecnologie, nell’ambito del Programma comunitario EuroTransBio;
  • contratti di sviluppo di cui all’’articolo 43 del decreto-legge 25 giugno 2008, n.112;
  • credito d’imposta per le piccole e medie imprese che iniziano una procedura di ammissione alla quotazione in un mercato regolamentato o in sistemi multilaterali di negoziazione;
  • FCS Grandi Progetti industria sostenibile - Intervento del Fondo per la crescita sostenibile in favore di grandi progetti di ricerca e sviluppo nell’ambito di specifiche tematiche rilevanti per l’“industria sostenibile”;
  • FCS Grandi Progetti Agenda Digitale - Intervento del Fondo per la crescita sostenibile in favore di grandi progetti di ricerca e sviluppo nel settore delle tecnologie dell’informazione e comunicazione elettroniche e per l’attuazione dell’Agenda digitale;
  • FCS R&S nell’ambito di Accordi di Programma-Intervento del fondo per la crescita sostenibile a favore di progetti di ricerca e sviluppo realizzati nell’ambito di accordi sottoscritti dal Ministero dello sviluppo economico con le regioni e le altre amministrazioni pubbliche;
  • FCS Space Economy - Accordi per l’innovazione nell’ambito del programma MirrorGovSatCom;
  • FCS HORIZON 2020-Intervento del Fondo per la crescita sostenibile a favore dei progetti di ricerca e sviluppo negli ambiti tecnologici del Programma Horizon 2020;
  • Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese;
  • Intervento agevolativo a sostegno della realizzazione nelle regioni meno sviluppate di programmi di investimento innovativi coerenti con il Piano nazionale Impresa 4.0, diretti a favorire la transizione delle piccole e medie imprese verso la «Fabbrica intelligente;
  • Interventi di riqualificazione destinati alle aree di crisi industriale ai sensi della Legge 181/89;
  • Agevolazioni in favore di programmi di investimento finalizzati al rilancio industriale delle aree di crisi della Campania e alla riqualificazione del suo sistema produttivo;
  • Regime di aiuto finalizzato a promuovere la nascita e lo sviluppo di società cooperative di piccola e media dimensione (Nuova Marcora);
  • Nuova Sabatini - Finanziamenti per l’’acquisto di nuovi macchinari, impianti e attrezzature da parte delle piccole e medie imprese;
  • Smart & Start - Riordino degli interventi di sostegno alla nascita e allo sviluppo di start up innovative in tutto il territorio nazionale;
  • Fondo Nazionale Innovazione.

Incentivi alle imprese, il MISE in linea con l’UE dispone la proroga degli aiuti

Allo stesso modo il Decreto MISE pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 4 febbraio 2021 dispone le seguenti proroghe:

Diversa è la situazione degli aiuti de minimis per il settore della pesca e dell’acquacoltura:

“L’adeguamento delle misure di aiuto di competenza della Direzione generale per gli incentivi alle imprese del Ministero dello sviluppo economico, istituite ai sensi del regolamento (UE) n. 717/2014 del 27 giugno 2014, è subordinato alla proroga dell’attuale termine di scadenza del precitato regolamento”.

Anche sui fronti in cui l’UE non ha ancora allungato i tempi, il MISE mostra un’apertura a concedere più tempo ma rimanda la riscrittura delle scadenza alle decisioni europee.

Anche all’articolo 2 si legge:

“La proroga delle misure di aiuto di competenza della Direzione generale per gli incentivi alle imprese del Ministero dello sviluppo economico, istituite ai sensi dei regolamenti (UE) n. 702/2014 del 25 giugno 2014 e (UE) n. 1388/2014 del 16 dicembre 2014, nonché degli orientamenti dell’Unione europea per gli aiuti di Stato nei settori agricolo e forestale e nelle zone rurali e degli orientamenti per l’esame degli aiuti di Stato nel settore della pesca e dell’acquacoltura, è subordinato alla proroga dell’attuale termine di scadenza dei precitati regolamenti e orientamenti”.

Tutti i dettagli nel testo integrale del Decreto MISE pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 4 febbraio 2021.

Ministero dello Sviluppo Economico - Decreto Ministeriale del 15 dicembre 2020
Scarica il testo del Decreto Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 4 febbraio 2021.

Informazione Fiscale S.r.l. - P.I. / C.F.: 13886391005
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Velletri al n° 14/2018
Iscrizione ROC n. 31534/2018

Redazione e contatti | Informativa sulla Privacy

Preferenze privacy
Logo registrato

Questo sito contribuisce all'audience di Logo Evolution adv Network