Fattura elettronica: l’Agenzia dell’Entrate risponde alle domande dei commercialisti

Fattura elettronica: le risposte dell'Agenzia delle Entrate alle domande dei commercialisti. Dubbi e chiarimenti raccolti in un unico documento dal Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili.

Fattura elettronica: l'Agenzia dell'Entrate risponde alle domande dei commercialisti

Fattura elettronica: le domande dei commercialisti e le risposte dell’Agenzia delle Entrate. Il CNDCEC ha collezionato dubbi e chiarimenti nel documento La fatturazione elettronica tra privati - Le risposte dell’Agenzia delle Entrate ai quesiti posti dal Consiglio Nazionale dei Commercialisti, che ha pubblicato il 17 gennaio 2019.

Emissione e ricezione, conservazione, QR code, obblighi di invio dati per dichiarazione precompilata sono solo alcuni degli aspetti su cui si fa chiarezza.

Martedì 15 gennaio il Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili ha organizzato un evento presso la sua sede romana per fare un primo bilancio sulla fattura elettronica a due settimane dal debutto, un botta e risposta tra i consiglieri del CNDCEC e i rappresentanti dell’Agenzia delle Entrate ha anticipato i chiarimenti che il documento riporta in maniera puntuale.

PDF - 867.6 Kb
La fatturazione elettronica tra privati - Le risposte dell’Agenzia delle Entrate pubblicate da CNDCEC
Scarica il documento La fatturazione elettronica tra privati del 17 gennaio 2019, elaborato dal Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili con le risposte dell’Agenzia delle Entrate.

Fattura elettronica: l’Agenzia dell’Entrate risponde alle domande dei commercialisti

Il documento La fatturazione elettronica tra privati - Le risposte dell’Agenzia delle Entrate ai quesiti posti dal Consiglio Nazionale dei Commercialisti, elaborato dal CNDCEC sulla base delle risposte ricevute dall’Agenzia delle Entrate e pubblicato il 17 gennaio, può fungere da bussola per orientarsi in questo periodo di transizione ma anche per approfondire alcuni casi particolari che prende in esame.

Lo stesso direttore dell’Agenzia delle Entrate, Antonino Maggiore, ha affermato durante l’evento del 15 gennaio:

“La novità spaventa sempre un po’. Ci rendiamo conto che è un grande sforzo cambiare abitudini.”

Le informazioni sono organizzate per macroaree: per ognuno si approfondiscono diversi aspetti specifici e si chiariscono i dubbi sollevati dai commercialisti. Nelle 20 pagine i contenuti sono organizzati in nove punti:

  • contenuto;
  • emissione e ricezione;
  • conservazione;
  • QR code;
  • obblighi invio dati per dichiarazione precompilata;
  • spese per carburanti;
  • rapporti con l’estero;
  • portale Fatture e corrispettivi;
  • deleghe.

Fattura elettronica: le risposte dell’Agenzia delle Entrate

Il Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili con i chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate ha elaborato una sorta di vademecum denso di informazioni utili per muovere i primi passi nel sistema della fattura elettronica.

Di seguito proponiamo una selezione di domande e risposte estrapolate dalle diverse sezioni.

Fattura elettronica: contenuto

Un ente non commerciale che eserciti oltre alla attività istituzionale anche una attività commerciale (bar, cinema, ecc.), per poter meglio gestire la propria contabilità separata, può invitare i propri fornitori istituzionali ad emettere fattura indicando il solo codice fiscale, facendosi quindi rilasciare copia cartacea della fattura come un privato e invitare i propri fornitori commerciali ad emettere fattura indicando codice fiscale e partita iva fornendo loro l’indirizzo telematico (pec o codice destinatario), senza però inserirlo nell’area riservata, in modo da ricevere in formato elettronico solo le fatture commerciali? Oppure in presenza sia di codice fiscale sia di partita iva e quindi di coesistenza di attività commerciale e istituzionale, il contribuente è obbligato a ricevere tutte le fatture in formato elettronico, lasciando a lui l’onere di distinguere quelle commerciali da quelle istituzionali ai fini della liquidazione Iva? L’ente non commerciale ha l’obbligo di conservazione elettronica delle sole fatture commerciali per le quali ha fornito l’indirizzo telematico?

È possibile trattare le fatture – per fini esclusivamente istituzionali e per fini esclusivamente commerciali – separatamente (analogiche le prime, elettroniche le seconde). Se i fornitori sono soggetti obbligati alla FE, tutte le fatture (sia quelle con PIVA che quelle con CF numerico, dell’ente) saranno comunque consultabili sul portale Fatture e Corrispettivi. Il suggerimento è quello di trattare tutte le fatture passive come FE, sottoscrivendo il servizio gratuito di conservazione offerto dall’Agenzia delle Entrate presente nel portale Fatture e Corrispettivi.

Fattura elettronica: emissione e ricezione

Per le operazioni verso soggetti comunitari l’emissione (facoltativa) della fattura elettronica e l’invio allo SdI (con codice destinatario 7 volte X), oltre ad evitare l’indicazione dei dati dell’operazione nel c.d. esterometro, comporta altresì l’esonero dall’indicazione della stessa operazione negli elenchi Intrastat?

La trasmissione della FE con il codice destinatario XXXXXXX consente di evitare l’invio, per quella fattura, della comunicazione esterometro ma non i modelli INTRA. Restano invece in vigore le semplificazioni introdotte con le disposizioni del provvedimento del 25 settembre 2017 sui modelli INTRA2.

Un ristoratore che emette molte fatture al giorno ha la possibilità di compilare un file unico con tutte le fatture del giorno e inviarlo allo SdI?

Fermo restando la compilazione di un file fattura distinto per ogni cliente, è possibile poi inviare tutte le fatture del giorno in un unico file zip. Si ricorda, inoltre, che – in caso di più fatture da emettere nei confronti dello stesso cliente – è possibile emettere un lotto di fatture.

Obblighi invio dati per dichiarazione precompilata

Per i soggetti obbligati alla fatturazione elettronica, permane l’obbligo di invio dei dati per la dichiarazione precompilata (es. spese funebri) ovvero alla luce dello statuto dei diritti del contribuente (art. 6, co. 4, L. 212/2000 secondo cui il contribuente non è tenuto a fornire nuovamente all’Amministrazione finanziaria dati già in possesso di quest’ultima) il predetto invio deve ritenersi non più necessario?

Le disposizioni normative hanno previsto esclusioni specifiche dall’obbligo di fatturazione elettronica solo con riferimento alle prestazioni sanitarie per le quali si è tenuti ad inviare i dati al sistema TS.

Deleghe

Si chiede quali deleghe è necessario attivare per visualizzare le fatture elettroniche rilasciate a privati: è necessario farli abilitare con le credenziali Fisconline? Oppure le nuove deleghe per l’accesso al cassetto fiscale comprendono anche l’area delle fatture elettroniche passive?

A seguito del confronto avuto tra l’Agenzia delle Entrate e il Garante privacy è stato previsto che non sarà possibile delegare un soggetto terzo (anche art. 3, comma 3, del d.P.R. n. 322/98) al servizio di consultazione dei dati dei consumatori finali persone fisiche.

Fattura elettronica: dubbi e chiarimenti a 15 giorni dal debutto

Nel vademecum per la fattura elettronica tra privati trovano risposta una serie di quesiti su cui ci si è interrogati anche nel periodo che ha preceduto l’introduzione delle obbligo.

Il primo dubbio in termini cronologici, ad esempio, riguarda le fatture attive datate dicembre 2018, ma inviate al cliente tramite posta ordinaria o pec nei primi giorni del 2019.

L’Agenzia chiarisce che in questi casi possono essere analogiche. Se il cessionario/committente riceve la fattura nel gennaio 2019 potrà esercitare la detrazione nella liquidazione di gennaio 2019.

Altri quesiti, invece, guardano lontano: all’Agenzia dell’Entrate infatti viene data l’occasione per chiarire che, per un soggetto che chiude la partita iva, la conservazione elettronica è assicurata per 15 anni.

Altre domande ancora riguardano la natura degli attori coinvolti nel ciclo attivo e passivo della fatturazione elettronica. Si chiarisce ad esempio che le ONLUS, che hanno solo il codice fiscale per poter ricevere le fatture passive dai fornitori e non hanno Partita IVA, non possono registrare il loro indirizzo telematico sul portale Fatture e Corrispettivi ma potranno ricevere le fatture elettroniche comunicando una pec o un codice destinatario.

Questo sito contribuisce all'audience di Logo money.it