Dichiarazione dei redditi 2020, proroga scadenza solo per il 730 precompilato?

Anna Maria D’Andrea - Dichiarazione dei redditi

Dichiarazione dei redditi 2020, proroga della scadenza solo per il modello 730 precompilato? Il comunicato con il nuovo calendario degli adempimenti pubblicato dall'Agenzia delle Entrate crea non pochi dubbi e si rischia il caos.

Dichiarazione dei redditi 2020, proroga scadenza solo per il 730 precompilato?

Dichiarazione dei redditi 2020: proroga della scadenza solo per il modello 730 precompilato o anche per il modello 730 ordinario e tramite il sostituto d’imposta?

A sollevare dubbi è il comunicato stampa pubblicato dall’Agenzia delle Entrate il 3 marzo 2020 che riepiloga le nuove scadenze fiscali per la dichiarazione dei redditi a seguito dell’emanazione del DL n. 9/2020.

Come se non bastasse già l’emergenza coronavirus a creare caos ed incertezza tra contribuenti ed intermediari, anche l’Amministrazione Finanziaria decide di fare la sua parte.

Il comunicato stampa riporta, tra le scadenze prorogate, esclusivamente quella per l’invio della dichiarazione dei redditi precompilata.

Come noto tuttavia esistono diverse modalità di trasmissione del modello 730, ed oltre all’invio online di quello precompilato dall’Agenzia delle Entrate si può trasmettere il modello 730 ordinario, tramite CAF o professionisti, o tramite il sostituto d’imposta con scadenza anticipata al 7 luglio.

Per cercare di capirci di più è necessario analizzare la normativa di riferimento.

Il Decreto Legge n. 9/2020 cambia le scadenze del 730/2020 anticipando l’entrata in vigore dell’intero pacchetto delle novità introdotte dal Decreto Fiscale, la cui decorrenza originaria era fissata al 1° gennaio 2021.

Dichiarazione dei redditi 2020, proroga scadenza solo per il 730 precompilato?

Il comunicato stampa pubblicato dall’Agenzia delle Entrate il 3 marzo 2020 fornisce uno specchietto delle scadenze fiscali prorogate dal Decreto Legge n. 9/2020:

AdempimentoScadenze 2020 (ante modifica)Scadenze 2020 (post modifica)
Comunicazioni enti esterni (banche, assicurazioni, enti previdenziali, amministratori di condominio, università, asili nido, veterinari, ecc 28 febbraio 31 marzo
Trasmissione telematica Certificazione Unica all’Agenzia 7 marzo 31 marzo
Messa a disposizione della dichiarazione precompilata 15 aprile 5 maggio
Termine di presentazione del modello 730 precompilato 23 luglio 30 settembre
Agenzia delle Entrate - comunicato stampa 3 marzo 2020
Fisco: Agenzia delle Entrate, ecco le nuove scadenze fiscali 2020

La proroga si applicherà a molti adempimenti collegati alla dichiarazione precompilata: in primis all’invio della certificazione unica, la cui scadenza slitta al 31 marzo, e poi all’invio delle date delle spese detraibili, come quelle sulle ristrutturazioni nei condomini.

In tutto il comunicato stampa si fa però riferimento esclusivamente alle scadenze del modello 730 precompilato 2020, facendo quindi supporre che resti invariata la scadenza del modello 730 ordinario (23 luglio) e quella della dichiarazione dei redditi 2020 tramite il sostituto d’imposta (7 luglio).

A ben vedere però così non è.

L’articolo 1 del DL n. 9/2020 contenente le misure urgenti per affrontare l’emergenza coronavirus ridisegna in maniera sostanziale tutte le scadenze legate alla dichiarazione dei redditi del 2020 di lavoratori dipendenti e pensionati.

La proroga della scadenza non riguarda soltanto il modello 730 precompilato, bensì l’intero calendario degli adempimenti dichiarativi, coinvolgendo contribuenti, intermediari, CAF e anche la stessa Agenzia delle Entrate.

Così è considerando che la proroga dei termini è stata attuata anticipando la data di decorrenza delle novità introdotte dall’articolo 16-bis del DL Fiscale 2020.

Nello specifico, l’articolo 1 del Decreto Legge emanato dal Governo per affrontare l’emergenza coronavirus stabilisce:

“All’articolo 16-bis, comma 5, del decreto-legge 26 ottobre 2019, n. 124, convertito, con modificazioni, dalla legge 19 dicembre 2019, n. 157, le parole 1° gennaio 2021 sono sostituite dalle seguenti: 1° gennaio 2020.”

Bisogna fare un passo indietro per comprendere a pieno il perimetro delle novità previste, analizzando le misure disposte dal Decreto Legge n. 124/2019.

Dichiarazione dei redditi 2020, non solo 730 precompilato: tutte le scadenze prorogate e le novità

Quel che non fa l’Agenzia delle Entrate, “colpevole” di una fretta che - si sa - è cattiva consigliera, proviamo a farlo noi riprendendo le misure introdotte dal Decreto Fiscale 2020 in merito alle scadenze del modello 730.

Innanzitutto è necessario specificare che la proroga della scadenza per la dichiarazione dei redditi 2020 dal 23 luglio al 30 settembre si applica:

  • all’invio del modello 730 ordinario tramite CAF o professionisti;
  • all’invio del modello 730 precompilato online;
  • all’invio del modello 730 tramite il sostituto d’imposta che presta assistenza fiscale.
AdempimentoScadenze 2020 (ante modifica)Scadenze 2020 (post modifica)
Modello 730 ordinario tramite CAF o professionisti 23 luglio 30 settembre
Modello 730 precompilato 23 luglio 30 settembre
Modello 730 tramite il sostituto d’imposta 7 luglio 30 settembre

A cambiare sono anche le scadenze per l’effettuazione dei conguagli fiscali emersi dalla dichiarazione dei redditi. Le trattenute fiscali saranno effettuate a partire dalla prima retribuzione utile, e comunque in quella del mese successivo a quello in cui si riceve il prospetto di liquidazione.

Il termine dei conguagli Irpef diventa mobile, anche per quel che riguarda i rimborsi, il cui pagamento sarà legato alla data di effettiva presentazione della dichiarazione dei redditi 2020.

A determinare la data dei rimborsi e conguaglio Irpef sarà l’invio dei prospetti di liquidazione da parte di CAF e professionisti. L’invio dovrà essere effettuato:

  • entro il 15 giugno di ciascun anno, per le dichiarazioni presentate dal contribuente entro il 31 maggio;
  • entro il 29 giugno di ciascun anno, per le dichiarazioni presentate dal contribuente dal 1° al 20 giugno;
  • entro il 23 luglio di ciascun anno, per le dichiarazioni presentate dal contribuente dal 21 giugno al 15 luglio;
  • entro il 15 settembre di ciascun anno, per le dichiarazioni presentate dal contribuente dal 16 luglio al 31 agosto;
  • entro il 30 settembre di ciascun anno, per le dichiarazioni presentate dal contribuente dal 1° al 30 settembre.

Il rimborso Irpef riconosciuto arriverà quindi in ritardo, rispetto ai termini attuali, per chi invierà il modello 730 da agosto a settembre. Non dovrebbero esservi invece rinvii per chi presenterà la dichiarazione dei redditi 2020 entro il mese di luglio.

Questo sito contribuisce all'audience di Logo money.it