Ristori anche ai professionisti con cassa: le novità del nuovo decreto

Eleonora Capizzi - Ordini e casse professionali

Ristori anche ai professionisti con cassa: il nuovo decreto punta ad introdurre misure di aiuto anche in favore dei titolari di partita IVA iscritti agli Ordini. A parlarne è il Viceministro dell'Economia Misiani, nel corso del 4° Forum Nazionale dei Commercialisti ed Esperti Contabili di Italia Oggi, il 14 gennaio 2021.

Ristori anche ai professionisti con cassa: le novità del nuovo decreto

Ristori anche ai professionisti con cassa: la novità è stata annunciata dal Vicemistro dell’Economia Misiani, in occasione del 4° Forum Nazionale dei Commercialisti ed Esperti Contabili 2021.

Serve un ulteriore scostamento di bilancio per finanziare le nuove misure in favore dei titolari di partita IVA danneggiati dall’emergenza Covid-19 e non solo.

I nuovi ristori, probabilmente nella forma di contributi a fondo perduto, saranno il cuore del nuovo decreto Ristori, il 5° provvedimento economico d’emergenza.

Accanto alle misure di sostegno economico, il nuovo scostamento di bilancio consentirà di stanziare ulteriori risorse anche per l’esonero dal versamento dei contributi minimi per i titolari di partita IVA.

Ristori anche ai professionisti con cassa: le novità del nuovo decreto

Il cuore del decreto Ristori 5, afferma il viceministro Misiani, è un nuovo ristoro di carattere perequativo, che superi la logica di codici Ateco e colori delle regioni e che si basi essenzialmente sul calo del fatturato registrato dal titolare di partita IVA.

A beneficiarne saranno anche i liberi professionisti ordinistici, i cosiddetti professionisti con cassa quali ad esempio avvocati o commercialisti, grandi esclusi dalle misure di sostegno introdotte negli scorsi mesi.

Le novità previste dal decreto Ristori 5 avranno “carattere perequativo”, afferma il viceministro Misiani: si guarderà al calo di fatturato, semestrale o annuale, tenendo conto degli aiuti già erogati nel 2020, secondo la logica di aiutare più chi ha avuto meno, e viceversa.

I ristori dovrebbero inoltre affiancarsi al nuovo finanziamento della decontribuzione per autonomi e professionisti, dando il via ad un’operazione che dovrebbe azzerare minimi contributivi per chi ha subito perdite fatturato 33% nel 2020.

L’esonero dal versamento dei contributi previdenziali è stato introdotto dalla Legge di Bilancio 2021, in favore dei titolari di partita IVA con reddito complessivo non superiore a 50.000 euro nel 2019, e che nel 2020 abbiano subito una riduzione di fatturato o corrispettivi pari almeno al 33%.

I beneficiari della misura sono:

  • i lavoratori autonomi e i professionisti iscritti alle gestioni previdenziali INPS;
  • i professionisti iscritti agli enti gestori di forme obbligatorie di previdenza e assistenza di cui al decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509, e al decreto legislativo 10 febbraio 1996, n. 103.

L’avvio della misura è subordinato all’emanazione di apposito decreto attuativo da parte del Ministero del Lavoro che, alla luce delle novità, sarà predisposto dopo il nuovo possibile finanziamento del decreto Ristori 5.

Informazione Fiscale S.r.l. - P.I. / C.F.: 13886391005
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Velletri al n° 14/2018
Iscrizione ROC n. 31534/2018

Redazione e contatti | Informativa sulla Privacy

Preferenze privacy
Logo registrato

Questo sito contribuisce all'audience di Logo Evolution adv Network