Corrispettivi telematici e adeguamento RT, nuova proroga: scadenza al 1° ottobre

Corrispettivi telematici e adeguamento RT, nuova proroga: la data di scadenza per adeguarsi al nuovo tracciato passa dal 1° aprile al 1° ottobre 2021. Ancora una volta è l'emergenza coronavirus a spostare i termini. La notizia nel provvedimento dell'Agenzia delle Entrate numero 83884 del 30 marzo 2021.

Corrispettivi telematici e adeguamento RT, nuova proroga: scadenza al 1° ottobre

Corrispettivi telematici e adeguamento RT, Registratore Telematico, a ridosso della scadenza, già prolungata lo scorso dicembre, arriva una nuova proroga: la data ultima per passare al nuovo tracciato si sposta dal 1° aprile al 1° ottobre 2021.

Ad annunciare i termini più ampi è il provvedimento dell’Agenzia delle Entrate numero 83884 del 30 marzo 2021.

La causa? Ancora una volta l’emergenza coronavirus, che persiste e continua a determinare continue novità anche sul piano fiscale, come dimostra il DL Sostegni appena approvato.

Corrispettivi telematici e adeguamento RT, nuova proroga: scadenza al 1° ottobre

I tempi per adeguarsi al nuovo tracciato per l’invio dei corrispettivi telematici giornalieri sono stati riscritti più volte.

Lo scorso 23 dicembre 2020, l’Agenzia delle Entrate aveva spostato i termini per aggiornare il sistema dal 1° gennaio al 1° aprile 2021. A ridosso della scadenza arriva un nuovo, e più ampio, slittamento che porta la data ultima per procedere al 1° ottobre 2021.

Con il provvedimento numero 83884 del 30 marzo 2021, si stabilisce una doppia proroga:

  • dal 1° ottobre 2021 è necessario utilizzare esclusivamente il nuovo tracciato telematico dei dati dei corrispettivi giornalieri “TIPI DATI PER I CORRISPETTIVI – versione 7.0 - giugno 2020”, adeguando i Registratori telematici;
  • entro il 30 settembre 2021 i produttori possono dichiarare la conformità alle specifiche tecniche di un modello già approvato dall’Agenzia delle entrate.

Fino alla fine dell’estate, dunque, è possibile utilizzare la versione 6.0.

Corrispettivi telematici e adeguamento RT, slitta la scadenza: determinanti anche le novità del DL Sostegni

Come si legge nel testo del documento diffuso dall’Agenzia delle Entrate, le motivazioni per cui ancora una volta vengono riscritti i termini sono due e sono collegate tra loro:

  • le difficoltà conseguenti al perdurare della situazione emergenziale provocata dal Covid-19;
  • le novità del Decreto Sostegni che all’articolo 1, comma 10, ha prorogato i termini entro cui l’Agenzia delle entrate deve mettere a disposizione dei soggetti passivi dell’IVA le bozze dei registri, delle comunicazioni di liquidazioni periodiche e della dichiarazione IVA.

Alla luce della situazione attuale slittano le scadenze anche per recepire “le richieste provenienti dalle associazioni di categoria.

Al di là delle ultime disposizioni approvate, però, la data ultima per l’adeguamento degli RT è stata più volte rimandata e, a questo punto, solo la situazione che si profilerà nei prossimi mesi potrà confermare o meno come definitiva questa ultima scadenza fissata.

Tutti i dettagli nel testo integrale del provvedimento numero 83884 del 30 marzo 2021.

Agenzia delle Entrate - Provvedimento numero 83884 del 30 marzo 2021
Modifiche al provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle entrate n. 182017 del 28 ottobre 2016, come modificato dai provvedimenti n. 99297 del 18 aprile 2019, n. 1432217 del 20 dicembre 2019, n. 248558 del 30 giugno 2020 e n. 389405 del 23 dicembre 2020, in tema di memorizzazione elettronica e trasmissione telematica dei dati dei corrispettivi giornalieri.

Informazione Fiscale S.r.l. - P.I. / C.F.: 13886391005
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Velletri al n° 14/2018
Iscrizione ROC n. 31534/2018

Redazione e contatti | Informativa sulla Privacy

Preferenze privacy
Logo registrato

Questo sito contribuisce all'audience di Logo Evolution adv Network