Codice tributo 1040: cos’è e a cosa si riferisce

Alessio Mauro - Irpef

Cos'è e a cosa si riferisce il codice tributo 1040? Utilizzato dal sostituto di imposta per le ritenute d'acconto sui redditi di lavoro autonomo, è la sequenza di cifre da indicare nel modello F24 per il versamento. La sezione di riferimento è “Erario”.

Codice tributo 1040: cos'è e a cosa si riferisce

Il codice tributo 1040 è la sequenza di cifre da inserire nel modello F24 per il versamento delle ritenute d’acconto sui redditi di lavoro autonomo. Si riferisce, quindi, alle somme trattenute a titolo di acconto Irpef dai sostituti di imposta e serve per categorizzare e indirizzare correttamente le somme versate.

La sezione di riferimento del modello F24 in cui inserirlo è “Erario”. Le ritenute devono entrare nelle casse dello Stato entro il 16 del mese successivo a quello in cui sono stati riconosciuti i compensi al professionista. Di seguito le istruzioni per la compilazione.

Codice tributo 1040: cos’è e a cosa si riferisce

Il codice tributo 1040 deve essere utilizzato da tutti coloro che ricoprono il ruolo di sostituti di imposta e corrispondono compensi a liberi professionisti per le prestazioni di lavoro autonomo, in caso di prestazione di lavoro occasionale, attività di intermediazione e sulle somme per le partecipazioni agli utili, in linea con quanto stabilito dagli articoli 25 e 25-bis del DPR 600/73.

All’atto del pagamento, infatti, sono tenuti a operare una ritenuta del 20% a titolo di acconto dell’imposta sul reddito delle persone fisiche.

Per i soggetti non residenti, la ritenuta è pari al 30% e non è a titolo di acconto dell’imposta ma a titolo definitivo.

Successivamente, entro il 16 del mese successivo al pagamento, i sostituti di imposta devono procedere al versamento della somma trattenuta: per farlo è necessario procedere in via telematica e utilizzare il modello F24 in cui bisogna indicare il codice tributo 1040 e gli altri dettagli che riguardano il periodo di riferimento.

Codice tributoAdempimento
1040 Ritenute su redditi di lavoro autonomo compensi per l’esercizio di arti e professioni

Codice tributo 1040: le istruzioni per compilare il modello F24

Il sostituto di imposta che ha l’impegno di versare le ritenute su redditi di lavoro autonomo per i compensi corrisposti ai liberi professionisti deve indicare la sequenza di cifre che identificativa nella sezione “Erario” del modello F24.

In particolare sono 4 le colonne a cui prestare particolare attenzione:

  • nella prima colonna dello spazio dedicato a “Imposte dirette - IVA, ritenute alla fonte, altri tributi ed interessi” è necessario indicare il codice tributo 1040;
  • nella seconda “rateazione/regione/prov./mese rif.” va inserito il mese di riferimento espresso in cifre: gennaio sarà indicato con il numero 1, così come ottobre con il numero 10, e così via;
  • ancora, nella terza è necessario specificare l’ “anno di riferimento”;
  • e, infine, nella quarta “importi a debito versati” la cifra del pagamento.

Di seguito un esempio pratico, utile per la compilazione del modello F24 dedicato al versamento delle ritenute d’acconto. Immaginiamo di versare 6.000 euro per il mese di marzo 2019.

Campi del modello F24Valore da inserire
Codice tributo 1040
Rateazione/regione/prov/mese rif 9
Anno di riferimento 2019
Importi a debito versati 6.000 euro
Importi a credito compensati vuoto
TOTALE A somma degli importi a debito indicati nella Sezione Erario
TOTALE B somma degli importi a credito indicati nella Sezione Erario, da non compilare se non sono presenti importi a credito
SALDO (A - B) indicare il saldo (TOTALE A - TOTALE B)
Codice ufficio vuoto
Codice atto vuoto

Questo sito contribuisce all'audience di Logo money.it