Cassa integrazione “Covid 19 DL 137”: nuova causale per le 6 settimane aggiuntive

Rosy D’Elia - Leggi e prassi

Cassa integrazione “Covid 19 DL 137”, nuova causale per la domanda delle 6 settimane aggiuntive del Decreto Ristori. Istruzioni sulle novità introdotte dagli ultimi provvedimenti emergenziali nella circolare numero 139 del 7 dicembre 2020. Possibilità di integrare le richieste per inserire i lavoratori prima esclusi.

Cassa integrazione “Covid 19 DL 137”: nuova causale per le 6 settimane aggiuntive

Cassa integrazione “Covid 19 DL 137”, nuova causale per la domanda delle 6 settimane aggiuntive del Decreto Ristori. Per i lavoratori ammessi a beneficiare degli ammortizzatori sociali con gli ultimi provvedimenti emergenziali, c’è la possibilità di integrare le richieste, ma solo entro i termini previsti.

Con la circolare numero 139 del 7 dicembre 2020, l’INPS fa una panoramica sulle novità introdotte tra fine ottobre e fine novembre, in particolare:

  • DL numero 137 del 28 ottobre 2020, un ulteriore periodo di trattamenti di cassa integrazione salariale ordinaria (CIGO), in deroga (CIGD) e di assegno ordinario (ASO), richiedibile, nell’arco temporale ricompreso tra il 16 novembre 2020 e il 31 gennaio 2021, dai datori di lavoro che hanno esaurito il periodo messo a disposizione con il Decreto Agosto e da coloro che operano nei settori interessati dalle restrizioni imposte, si conferma anche il versamento del contributo addizionale in base al calo di fatturato;
  • DL numero 149 del 9 novembre 2020, inclusione nella platea di beneficiari degli ammortizzatori sociali previsti dal DL Ristori dei lavoratori assunti dopo il 13 luglio e in forza al 9 novembre 2020;
  • DL numero 154 del 30 novembre 2020, via libera all’accesso alle settimane del Decreto Agosto per i lavoratori in forza al 9 novembre 2020 e assunti dopo il 13 luglio.

Di seguito tutti gli aspetti trattati nel documento:

  • Modifiche in materia di trattamenti di cassa integrazione salariale (ordinaria e in deroga) e assegno ordinario per la causale “COVID-19”;
  • Caratteristiche e regolamentazione degli interventi di cassa integrazione salariale ordinaria e assegno ordinario previsti dal decreto-legge n. 137/2020;
  • Cassa integrazione ordinaria per le aziende che si trovano in cassa integrazione straordinaria ai sensi dell’articolo 20 del decreto-legge n. 18/2020, convertito, con modificazioni, dalla legge n. 27/2020, e successive modificazioni;
  • Domande di assegno ordinario del Fondo di integrazione salariale (FIS);
  • Trattamenti di cassa integrazione in deroga (CIGD);
  • Termini di trasmissione delle domande relative ai trattamenti di cassa integrazione; salariale (ordinaria e in deroga) e assegno ordinario;
  • Termini di trasmissione dei dati utili al pagamento o al saldo dei trattamenti di cassa integrazione salariale (ordinaria e in deroga) e assegno ordinario;
  • Differimento dei termini relativi ai trattamenti connessi all’emergenza epidemiologica da COVID-19;
  • Modalità di pagamento della prestazione;
  • Cassa integrazione speciale operai agricoli (CISOA);
  • Risorse finanziarie;
  • Variazioni al piano dei conti.

Cassa integrazione con causale “Covid 19 DL 137”: come fare domanda per le 6 settimane aggiuntive del Decreto Ristori

Nell’elenco di chiarimenti forniti dall’INPS con la circolare numero 139 del 7 dicembre 2020, di particolare importanza è il cambio di causale per l’accesso alle 6 settimane aggiuntive previste dal Decreto Ristori.

Tutti i datori di lavoro, sia quelli cui siano state autorizzate le 18 settimane previste dal decreto–legge n. 104/2020 sia quelli appartenenti ai settori interessati dal D.P.C.M. 24 ottobre 2020, come sostituito dal D.P.C.M. 3 novembre 2020 e, da ultimo, dal D.P.C.M. 3 dicembre 2020, riportati negli Allegati 1 e 2 al decreto-legge 9 novembre 2020, n. 149, dovranno utilizzare la nuova causale “COVID -19 DL 137”.

Stando alla tabella di marcia prevista, le 6 settimane aggiuntive del Decreto Ristori possono essere richieste per l’arco temporale che va dal 16 novembre al 31 gennaio 2021.

Numero settimane Periodo
9 settimane Dal 23 febbraio 2020 al 31 agosto 2020
5 settimane aggiuntive solo per coloro che hanno beneficiato delle prime nove Dal 23 febbraio 2020 al 31 agosto 2020
4 settimane Dal 1° settembre al 31 ottobre 2020 (con la possibilità di richiederle anche prima del 1° settembre grazie al DL numero 52 del 2020)
9 settimane Dal 13 luglio al 31 dicembre 2020 (novità del Decreto Agosto)
9 settimane con contributo addizionale cig in base al calo del fatturato Dal 14 settembre al 31 dicembre 2020 (novità del Decreto Agosto)
6 settimane Dal 16 novembre 2020 al 31 gennaio 2021 (novità del Decreto Ristori per imprese che hanno esaurito la CIG e che sono interessate dal DPCM del 24 ottobre)

Per il resto le modalità di domanda restano invariate. Anche i termini restano quelli ordinari, ovvero entro la fine del mese successivo a quello in cui ha avuto inizio il periodo di sospensione o di riduzione dell’attività lavorativa.

Ma l’INPS specifica le regole particolari di cui tener conto per novembre:

“In sede di prima applicazione della norma, il termine decadenziale di trasmissione delle domande di cui trattasi è fissato entro la fine del mese successivo a quello di entrata in vigore del medesimo decreto-legge. In virtù di tale previsione, detto termine si sarebbe collocato alla data del 30 novembre 2020. Tuttavia, considerato che l’applicazione della disposizione contenuta nella seconda parte del citato comma 5 dell’articolo 12 non assolve la specifica finalità di introdurre un termine di maggior favore per la trasmissione delle istanze, si conferma che le domande di trattamenti per causali collegate all’emergenza epidemiologica da COVID-19, relative a periodi di sospensione o riduzione delle attività che hanno inizio nel mese di novembre 2020, potranno utilmente essere trasmesse entro la scadenza ordinaria fissata al termine del mese successivo (31 dicembre 2020)”.

Cassa integrazione, novità sui lavoratori ammessi con gli ultimi Decreti Ristori: istruzioni INPS

Un altro punto cruciale della circolare riguarda, poi, i chiarimenti sulla platea di lavoratori che possono avere accesso alla cassa integrazione con causale “Covid 19” e “Covid 19 DL 137”.

Son due le novità apportate:

  • il Decreto Ristori bis ha previsto l’accesso ai trattamenti di cassa integrazione salariale (ordinaria e in deroga) e assegno ordinario previsti dal decreto-legge n. 137/2020 (6 settimane) ai lavoratori che risultino alle dipendenze dei datori di lavoro richiedenti la prestazione al 9 novembre 2020;
  • il Decreto Ristori quater ha previsto che anche le richieste di trattamenti di cui alla disciplina delineata dal Decreto Agosto potranno interessare i lavoratori che risultino alle dipendenze dei datori di lavoro richiedenti la prestazione al 9 novembre 2020, a patto che la trasmissione delle domande avvenga nel rispetto dei termini previsti.

Il documento chiarisce:

“Conseguentemente, la previsione di cui all’articolo 13 del decreto-legge n. 157/2020 potrà riguardare domande di accesso ai trattamenti di cassa integrazione (ordinaria e in deroga), assegno ordinario e cassa integrazione speciale agricola (CISOA), disciplinati dal decreto–legge n. 104/2020, i cui termini decadenziali non siano ancora scaduti (ad esempio, periodi con inizio di sospensione o di riduzione dell’attività lavorativa a novembre ovvero a dicembre 2020)”.

Alla luce delle novità introdotte, quindi, i datori di lavoro potranno integrare le domande relative al Decreto Agosto, DL numero 104 del 2020, già trasmesse ma solo per poter inserire i lavoratori che risultino in forza alla data del 9 novembre 2020.

Tutti i dettagli nel testo integrale della circolare numero 139 del 7 dicembre 2020.

INPS - Circolare numero 139 del 7 dicembre 2020
Nuove disposizioni in materia di integrazioni salariali connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19, introdotte con decreto-legge 28 ottobre 2020, n. 137, modificato e integrato dal decreto-legge 9 novembre 2020, n. 149 e, successivamente, dal decreto-legge 30 novembre 2020, n. 157. Istruzioni contabili. Variazioni al piano dei conti.

Informazione Fiscale S.r.l. - P.I. / C.F.: 13886391005
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Velletri al n° 14/2018
Iscrizione ROC n. 31534/2018

Redazione e contatti | Informativa sulla Privacy

Preferenze privacy
Logo registrato

Questo sito contribuisce all'audience di Logo Evolution adv Network