Autoliquidazione INAIL 2021-2022, le istruzioni e le scadenze per i datori di lavoro

Sacha Malgeri - Leggi e prassi

Autoliquidazione 2021-2022: l'INAIL ha pubblicato le istruzioni operative per il pagamento dei premi dell'assicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali. Ecco il calendario delle scadenze e delle aperture dei servizi online.

Autoliquidazione INAIL 2021-2022, le istruzioni e le scadenze per i datori di lavoro

Autoliquidazione 2021-2022: l’INAIL, lo scorso 29 dicembre 2021, ha reso note le istruzioni operative e il calendario delle scadenze per i datori di lavoro.

Ogni anno, i titolari delle aziende sono tenuti al pagamento del premio annuale dell’assicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali.

Il 16 febbraio 2022 è il termine per la liquidazione del premio in una soluzione unica, oppure del pagamento della prima quota per i titolari di azienda che hanno scelto il pagamento dilazionato in quattro rate trimestrali.

Autoliquidazione INAIL 2021-2022, le istruzioni e le scadenze per i datori di lavoro

Le istruzioni operative INAIL n. 60010.29/2021 riepilogano le scadenze e le agevolazioni legate all’autoliquidazione del premio dell’assicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali.

L’obbligo spetta ai datori di lavori, che devono liquidare il premio ogni anno. Nel documento, l’INAIL ha ribadito le date entro il quale i titolari delle aziende devono pagare quanto dovuto.

L’indennità può essere liquidata sia in un’unica soluzione entro il 16 febbraio 2022, sia tramite il pagamento di quattro rate trimestrali, pari al 25 per cento del premio annuale. Di seguito viene illustrato il calendario con le varie deadline.

PagamentoData di scadenza
Autoliquidazione premio in soluzione unica 16 febbraio 2022
Contributi associativi 16 febbraio 2022
Prima rata autoliquidazione 16 febbraio 2022
Seconda rata autoliquidazione 16 maggio 2022
Terza rata autoliquidazione 16 agosto 2022
Quarta rata autoliquidazione 16 novembre 2022

L’Istituto ricorda che sulle rate successive alla prima bisognerà applicare anche gli interessi, “calcolati applicando il tasso medio di interesse dei titoli di Stato per l’anno 2021, determinato dal MEF”

Oltre alle scadenze elencate, i titolari di azienda sono tenuti a presentare le dichiarazioni sulle retribuzioni effettivamente corrisposte nel 2021 entro il 28 febbraio 2022.

I soggetti titolari di una Posizione Assicurativa Territoriale (PAT) dovranno consegnare il documento tramite l’utilizzo di due servizi telematici:

  • “AL.P.I online”, con il quale si calcola l’ammontare del premio dovuto;
  • “Invio telematico Dichiarazione Salari”;

Per questi datori di lavoro, il numero di riferimento del premio di autoliquidazione da inserire nel modello F24 è “902022”. Le basi di calcolo del beneficio possono essere consultate online nel Fascicolo aziende.

Inoltre, i titolari che pensano di erogare nel 2022 retribuzioni inferiori rispetto all’anno precedente dovranno inviare una comunicazione all’Istituto entro il 16 febbraio 2022, nel quale specificano i motivi per cui l’importo è più basso.

Per fare ciò, basterà utilizzare il servizio “Riduzione Presunto”, indicando le retribuzioni da corrispondere nel 2022.

Autoliquidazione INAIL 2021-2022: l’apertura dei servizi online e le riduzioni del premio assicurativo

Oltre a quello delle scadenze, l’INAIL ha presentato nelle istruzioni operative il calendario d’apertura dei servizi online dedicati all’autoliquidazione 2021-2022.

Questi applicativi saranno disponibili sul sito dell’Istituto, insieme ai relativi manuali per gli utenti.

Servizio onlineData di apertura
Riduzione di presunto (PAT e PAN) 4 gennaio 2022
Invio telematico dichiarazione salari e VSAL (PAT) 11 gennaio 2022
AL.P.I. online (PAT) 12 gennaio 2022
Invio retribuzioni e calcolo del premio (PAN) e richiesta certificato assicurazione
equipaggio (PAN)
13 gennaio 2022

Infine, passiamo al tema delle riduzioni contributive. Anche quest’anno sono state inserite una serie di agevolazioni che si applicano all’autoliquidazione:

  • riduzione per la piccola pesca costiera e nelle acque interne e lagunari (PAT);
  • sgravi per pesca oltre gli stretti, pesca mediterranea e pesca costiera (PAN);
  • sgravio per il Registro Internazionale (PAN);
  • incentivi per il sostegno della maternità e paternità e per la sostituzione di lavoratori in congedo (PAT);
  • riduzione per le imprese artigiane (PAT);
  • riduzione per Campione d’Italia (PAT);
  • riduzione per le cooperative agricole e i loro consorzi operanti in zone montane e svantaggiate (PAT);
  • riduzione per le cooperative agricole e i loro consorzi in proporzione al prodotto proveniente da zone montane o svantaggiate conferito dai soci (PAT);
  • incentivi per assunzioni legge n. 92/2012, art. 4, commi 8-11 (PAT).

Autoliquidazione INAIL 2021-2022: focus sulle riduzioni del premio per particolari categorie di lavoratori

Tra i più rilevanti troviamo gli incentivi per il sostegno della maternità e paternità e alla sostituzione dei lavoratori in congedo.

Questi si applicano alle aziende che impiegano meno di 20 dipendenti a tempo determinato o temporaneo, per sostituire i lavoratori che usufruiscono del congedo di maternità e paternità.

La riduzione è pari al 50 per cento dei premi dovuti ai dipendenti, e si applica:

“fino al compimento di un anno di età del figlio della lavoratrice o del lavoratore in congedo o per un anno dall’accoglienza del minore adottato o in affidamento e si applica sia alla regolazione 2021 che alla rata 2022.”

Per richiedere il beneficio bisogna indicare nella sezione “Retribuzioni soggette a sconto” il “Tipo” codice “7”, insieme all’importo delle retribuzioni per il quale si vuole applicare la riduzione.

Un altro incentivo importante è quello dedicato alle assunzioni a tempo determinato di lavoratori di almeno 50 anni che si trovavano in uno stato di disoccupazione da oltre 12 mesi.

In questi casi viene riconosciuta una riduzione del 50 per cento del premio, per la durata di un anno. La misura viene prolungata fino al diciottesimo mese, a partire dal giorno dell’assunzione, se il contratto viene trasformato in uno a tempo indeterminato.

Nel testo si legge:

“Le stesse riduzioni si applicano, nel rispetto del Regolamento UE n. 651/2014 (e prima del Regolamento CE n.800/2008), ai datori di lavoro che assumono donne di qualsiasi età, prive di un impiego regolarmente retribuito da almeno sei mesi, residenti in regioni ammissibili ai finanziamenti nell’ambito dei fondi strutturali dell’Unione europea e nelle aree di cui all’articolo 2, punto 4), lettera f), del predetto regolamento, annualmente individuate con decreto ministeriale, nonché ai datori di lavoro che assumono donne di qualsiasi età prive di un impiego regolarmente retribuito da almeno ventiquattro mesi, ovunque residenti”.

Non si applica all’INAIL, invece, l’esonero contributivo del 100 per cento per i datori di lavoro che assumono lavoratrici donne nel biennio 2021-2022, introdotto in via sperimentale dalla legge n. 178/2020.

Tutti i dettagli sulle riduzioni sono contenuti nel testo integrale delle istruzioni operative INAIL sull’autoliquidazione 2021/2022 del 29 dicembre scorso.

INAIL - Istruzione operativa del 29 dicembre 2021
Istruzioni operative relative all’autoliquidazione 2021/2022 con particolare riferimento alle riduzioni contributive e si riepilogano le scadenze e le modalità di adempimento a carico dei datori di lavoro.

Informazione Fiscale S.r.l. - P.I. / C.F.: 13886391005
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Velletri al n° 14/2018
Iscrizione ROC n. 31534/2018

Redazione e contatti | Informativa sulla Privacy

Preferenze privacy
Logo registrato

Questo sito contribuisce all'audience di Logo Evolution adv Network