Modello 730 precompilato con errori? Si può annullare entro il 20 giugno

Anna Maria D’Andrea - Modello 730

Chi ha inviato il modello 730 precompilato 2024 ma si è accorto di errori solo successivamente, può procedere all’annullamento online in autonomia. Attenzione però alla scadenza del 20 giugno

Modello 730 precompilato con errori? Si può annullare entro il 20 giugno

In caso di errori nel modello 730 precompilato già inviato, è possibile procedere con l’annullamento online dal sito dell’Agenzia delle Entrate.

La procedura per annullare la dichiarazione inviata è attiva dal 27 maggio e nel fitto calendario delle scadenze del modello 730 bisogna annotare quella del 20 giugno.

Questo il termine ultimo per l’annullamento in autonomia del modello 730/2024 trasmesso con errori o in caso di dimenticanze nell’inserimento di spese detraibili o deducibili.

Modello 730 precompilato con errori? Si può annullare entro il 20 giugno

Il Fisco concede una seconda opportunità a chi ha inviato il modello 730 precompilato ma, solo successivamente, si è reso conto di aver commesso errori di compilazione.

Dal 27 maggio si può annullare il 730 online, utilizzando le funzionalità disponibili sul sito dell’Agenzia delle Entrate dedicato alla dichiarazione precompilata e cliccando sull’apposita voce, “Richiedi annullamento 730”.

In tal caso il modello 730 trasmesso sarà totalmente cancellato e il contribuente potrà compilare una nuova dichiarazione dei redditi, da inviare entro la scadenza ultima del 30 settembre prossimo. L’Agenzia delle Entrate riproporrà al contribuente quella predisposta inizialmente, dalla quale si potrà quindi partire per apportare le modifiche necessarie ed effettuare un nuovo invio.

Si evidenzia che per poter procedere con l’annullamento è in primo luogo necessario che il modello 730 trasmesso risulti nello stato “Elaborato”. Dopo aver eseguito l’operazione utile per la cancellazione della stessa, ai fini del nuovo invio sarà necessario attendere dalle 24 alle 48 ore.

Modello 730/2024 precompilato inviato con errori, dopo il 20 giugno si passa da CAF o professionisti abilitati

Passata la scadenza del 20 giugno le correzioni al modello 730 precompilato passano necessariamente da CAF o professionisti abilitati.

Sarà infatti possibile presentare un modello 730 integrativo, rispettando il termine del 25 ottobre, se le modifiche da apportare comportano una condizione più favorevole per il contribuente, e quindi se ad esempio le integrazioni fanno emergere il diritto ad un rimborso IRPEF più elevato o ad un’imposta più bassa.

Dopo il 25 ottobre, invece, le modifiche potranno essere apportate mediante il modello Redditi da inviare entro il 15 ottobre.

Attenzione invece ai casi in cui le integrazioni dovessero comportare una situazione meno favorevole per il contribuente: in caso di correzioni che comportano un maggior debito o un minor credito d’imposta è necessario inviare il modello Redditi correttivo sempre entro il 15 ottobre.

Questo sito contribuisce all'audience di Logo Evolution adv Network