INPGI: nuove aliquote dal 2020

Tommaso Gavi - Giornalisti professionisti e pubblicisti

Aliquote INPGI 2020: novità per i giornalisti iscritti alla gestione separata, aumentano le aliquote ed il contributo a titolo di rivalsa da addebitare ai committenti. Ma ci sono anche altre importanti novità.

INPGI: nuove aliquote dal 2020

INPGI: le novità 2020 per i giornalisti iscritti alla gestione separata: aumentano le aliquote ed il contributo a titolo di rivalsa per gli iscritti all’Istituto nazionale di previdenza dei giornalisti italiani.

Il nuovo regolamento approvato dell’Inpgi prevede, tra le altre cose, un’indennità di disoccupazione e una tutela contro gli infortuni per i co.co.co.

Vengono inoltre allargate le misure per la maternità e per i congedi parentali che sono estesi anche ai liberi professionisti.

Ecco nel dettaglio le novità a partire dal primo gennaio.

INPGI, le aliquote dal 2020: novità e scadenze

Dal primo gennaio 2020 sono molte le novità dell’INPGI.

Le scadenze che i giornalisti devono segnare in agenda sono state cambiate e sono quelle riportate nella tabella riassuntiva.

DATA ADEMPIMENTO
31 luglio 2020 termine per il versamento del contributo minimo in acconto per i redditi dell’anno corrente
30 settembre 2020 termine per l’invio della comunicazione dei redditi conseguiti nell’anno precedente
31 ottobre 2020 termine per il pagamento dell’eventuale contributo a saldo relativo ai redditi percepiti nell’anno precedente

Per il nuovo anno sono previsti cambiamenti sui seguenti aspetti:

  • incremento delle prestazioni pensionistiche e interventi di welfare;
  • maternità;
  • trattamento di disoccupazione per i Co.co.co;
  • infortuni;
  • liquidazione in capitale, una tantum;
  • semplificazione degli adempimenti.

Vediamo nello specifico cosa cambia dal nuovo anno e cosa prevede la circolare INPGI numero 7 del 31 ottobre 2019.

INPGI, nuove aliquote dal 2020: i dettagli

Ecco i cambiamenti dell’INPGI a dal primo gennaio 2020.

Incremento delle prestazioni pensionistiche e interventi di welfare. Il contributo soggettivo è stato innalzato progressivamente, modulandolo in relazione al reddito prodotto per aumentare l’importo delle prestazioni erogate di circa il 30%.

Le percentuali sono le seguenti:

  • 12% dal 1° gennaio 2020;
  • 14% per le sole fasce di reddito superiori a 24 mila euro annui lordi.

Il contributo integrativo a carico dei committenti è stato aumentato dal 2% al 4%.

L’aumento dei contributi integrativi è destinato per metà al per metà all’incremento dei montanti individuali: l’accumulo di contribuzione sulla posizione individuale, sulla base del quale viene determinato l’importo dell’assegno pensionistico.

L’altra metà sarà invece destinata al finanziamento di misure assistenziali.

Maternità: per ampliare le tutele della maternità e i congedi parentali anche ai giornalisti liberi professionisti, è stata introdotta una specifica prestazione in caso di maternità a rischio.

Tale prestazione consiste nel pagamento di un’ulteriore mensilità dell’indennità. In caso di assenza o impedimento della madre è previsto il pagamento dell’indennità di paternità.

Le due misure sono poste a carico della gestione di maternità e finanziate con il contributo degli iscritti.

Novità INPGI 2020: trattamento di disoccupazione per i Co.co.co

Così come il Dis Coll, il trattamento di disoccupazione per i collaboratori coordinati e continuativi iscritti alla Gestione separata dell’Inps, anche l’INPGI ha previsto tale prestazione a sostegno del reddito.

I soggetti destinatari sono i giornalisti titolari di co.co.co., anche a progetto, iscritti in via esclusiva alla Gestione separata dell’Inpgi, non pensionati e privi di partita IVA, che abbiano perduto involontariamente la propria occupazione.

Secondo le stime l’onere annuo calcolato è di un milione di euro.

Per provvedere alle entrate è stata prevista una maggiorazione contributiva di almeno 1,28 punti percentuali ed un contributo complessivo pari al 2%, per un terzo a carico del giornalista e per due terzi a carico del committente.

L’onere contributivo per i co.co.co. assicurati all’INPGI passa dal 26,72% al 28,00%, comunque inferiore all’aliquota del 34,23% previsto per gli assicurati alla Gestione separata INPS.

Novità INPGI dal 2020: la tutela contro gli infortuni

Tra le prestazioni fornite dalla Gestione separata agli iscritti titolari di un rapporto di collaborazione coordinata e continuativa c’è anche un trattamento in caso di infortunio in ambito professionale.

La nuova assicurazione verrà disciplinata da un apposito regolamento attuativo e prevede l’estensione ai giornalisti titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa.

Liquidazione in capitale, una tantum per gli iscritti alla gestione separata INPGI

I casi in cui è possibile richiederla sono stati limitati agli iscritti il cui importo della pensione supplementare risulti inferiore al 50% dell’assegno sociale INPS, pari, per il 2019, a 458 euro mensili per 13 mensilità.

L’una tantum è comunque esclusa nei casi in cui l’iscritto abbia operato la ricongiunzione di periodi contributivi da altro ente ai sensi della legge n. 45/1990.

INPGI, altre novità dal 2020: ecco la semplificazione degli adempimenti

I termini della comunicazione reddituale alla Gestione Separata da parte degli iscritti sono stati fatti coincidere con quelli previsti per la presentazione della denuncia dei redditi fissata al 30 settembre.

La scadenza dell’eventuale contributo a saldo resta ferma al 31 ottobre.

L’ultimo giorno utile per il versamento del contributo minimo in acconto, attualmente fissato al 30 settembre, è stato anticipato al 31 luglio.

Questo sito contribuisce all'audience di Logo money.it