Tax credit edicole 2019, istituito il codice tributo da inserire nel modello F24

Rosy D’Elia - Imposte

Tax credit edicole 2019, codice tributo e istruzioni per la compilazione del modello F24. Le indicazioni che i gestori attività di vendita al dettaglio di giornali, riviste e periodici devono seguire per beneficiare del credito di imposta nella risoluzione numero 107 del 2019 dell'Agenzia delle Entrate.

Tax credit edicole 2019, istituito il codice tributo da inserire nel modello F24

Tax credit edicole 2019, con la risoluzione numero 107 del 18 dicembre del 2019, l’Agenzia delle Entrate ha istituito il codice tributo da inserire nel modello F24 e le istruzioni per la compilazione.

Con l’agevolazione introdotta dalla Legge di Bilancio 2019, chi gestisce attività di vendita al dettaglio di giornali, riviste e periodici ha la possibilità di accedere a un credito di imposta fino a un massimo di 2.000 euro.

Possibilità di beneficiare delle somme a cui si ha diritto solo in compensazione inserendo nel modello F24 il codice tributo 6913: 13 milioni di euro per l’anno 2019 e di 17 milioni di euro per l’anno 2020 sono le risorse stanziate per il tax credit edicole.

PDF - 520.9 Kb
Agenzia delle Entrate - Risoluzione numero 107 del 18 dicembre 2019
Istituzione del codice tributo per l’utilizzo, tramite modello F24, del credito d’imposta a favore degli esercenti attività commerciali che operano nel settore della vendita al dettaglio di giornali, riviste e periodici – TAX CREDIT EDICOLE – art. 1, commi da 806 a 809, della legge 30 dicembre 2018, n. 145.

Tax credit edicole 2019, codice tributo 6913 da inserire nel modello F24

Due sono le categorie di soggetti potenzialmente interessati:

  • gli esercenti attività commerciale che operano esclusivamente nel settore della vendita al dettaglio di giornali, riviste e periodici;
  • gli esercenti attività commerciali di vendita di merci abilitati alla vendita di quotidiani o periodici, cosiddetti non esclusivi, a patto che il loro sia l’unico punto vendita al dettaglio di giornali, riviste e periodici nel comune di riferimento.

I gestori interessati, che hanno presentato domanda di accesso all’agevolazione, per poter utilizzare il tax credit edicole 2019 devono inserire il codice tributo istituito dall’Agenzia delle Entrate con la risoluzione numero 107 del 18 dicembre 2019, 6913 TAX CREDIT EDICOLE - credito d’imposta a favore degli esercenti attività commerciali che operano nel settore della vendita al dettaglio di giornali, riviste e periodici – art. 1, comma 806, della legge 30 dicembre 2018, n. 145”.

Il valore a cui si ha diritto viene definito in base agli importi pagati, nell’anno precedente alla richiesta, a titolo di IMU, TASI, Cosap e TARI con riferimento ai locali in cui si svolge la vendita, e alle eventuali spese di locazione.

Tax credit edicole 2019, istruzioni per la compilazione del modello F24

Come di consueto, la risoluzione dell’Agenzia delle Entrate riporta anche le istruzioni che gli edicolanti devono seguire per compilare correttamente il modello F24.

In particolare bisogna fare attenzione ai campi che seguono:

  • nella sezione “Erario”, è necessario indicare 6913 TAX CREDIT EDICOLE - credito d’imposta a favore degli esercenti attività commerciali che operano nel settore della vendita al dettaglio di giornali, riviste e periodici – art. 1, comma 806, della legge 30 dicembre 2018, n. 145” considerando una distinzione:
    • in corrispondenza delle somme indicate nella colonna “importi a credito compensati” per beneficiarne;
    • in corrispondenza delle somme indicate nella colonna “importi a debito versati” nei casi in cui il contribuente sia necessario procedere al riversamento dell’agevolazione;
  • nello spazio dedicato all’ “anno di riferimento” bisogna indicare l’anno di riconoscimento del credito d’imposta, nel formato “AAAA”, ad esempio 2019.

Solo chi ha precedentemente inviato domanda di accesso al tax credit edicole 2019 e risulta nell’elenco dei beneficiari trasmesso dal Dipartimento per l’informazione e l’editoria della Presidenza del Consiglio dei ministri ha diritto a usufruire del credito di imposta.

La lista deve essere pubblicata entro il 31 dicembre ed è possibile utilizzare le somme dopo 5 giorni dalla pubblicazione.

In questo modo l’Agenzia delle Entrate ha la possibilità di verificare che le cifre utilizzate in compensazione non eccedano l’importo approvato. Nel caso di incongruenze, il modello F24 viene scartato.

Questo sito contribuisce all'audience di Logo money.it