Semplificazioni fiscali, Pagliuca (CNPR): fondamentale l’ascolto dei professionisti

Tommaso Gavi - Commercialisti ed esperti contabili

Semplificazioni fiscali, intervistato in occasione dell'evento ANC Luigi Pagliuca, presidente della Cassa Nazionale dei Ragionieri, sottolinea l'importanza dell'ascolto dei professionisti: può fare la differenza tra una norma buona solo nella teoria o anche nella pratica.

Semplificazioni fiscali, Pagliuca (CNPR): fondamentale l'ascolto dei professionisti

Semplificazioni fiscali, durante l’evento dell’Associazione Nazionale Commercialisti in svolgimento a Roma, il presidente della Cassa Nazionale dei Ragionieri Luigi Pagliuca ribadisce l’importanza dell’ascolto dei professionisti.

Nella sua intervista evidenzia la necessità di dare vita a norme valide nella teoria e funzionanti nella pratica.

Per il presidente della CNPR ascoltare e valutare le proposte dei professionisti prima di concretizzare le leggi può fare la differenza.

Semplificazioni fiscali, Pagliuca (CNPR): l’importanza dell’ascolto dei professionisti

A margine del convegno dell’Associazione Nazionale Commercialisti dal titolo “L’impatto delle novità fiscale sul paese e sulla professione” del 23 gennaio 2020, il presidente della Cassa Nazionale dei Ragionieri, Luigi Pagliuca, ribadisce l’importanza dell’ascolto dei professionisti nel processo delle semplificazioni fiscali.

Alla domanda sulle novità fiscali della legge di bilancio 2020, Pagliuca risponde di provare terrore per il termine semplificazione a causa delle esperienze passate:

“Si dice che un pessimista sia un ottimista con un po’ di esperienza in più e noi di esperienze ne abbiamo fatte tante. Ogni volta che si parla di semplificazione poi all’atto pratico le cose peggiorano. Quindi la provocazione che mi sono permesso di lanciare in questo convegno è: per qualche anno, per cortesia, smettete di semplificare e dateci il tempo di avere qualche respiro, insomma.”

Per Pagliuca l’ascolto dei professionisti e dell’ordine che collabora quotidianamente con gli imprenditori non è un passaggio che si può trascurare. L’intervistato mette a fuoco le priorità:

“La cosa più semplice da fare, quella più economica, è magari prestare ascolto a chi poi le cose le deve mettere in pratica. L’immagine, in qualche maniera, è quella della porta chiusa. La porta chiusa è quello che i professionisti possono fare per il governo. Noi abbiamo un ordine professionale che rappresenta 120.000 commercialisti che stanno al fianco di tutti gli imprenditori.”

Fondamentale, per Pagliuca, è ancora una volta l’operato dei professionisti, coloro che sono chiamati a mettere in pratica le leggi:

“Siamo noi che applichiamo la norma. Ascoltarci preventivamente può fare la differenza tra fare una norma che, oltre alla teoria, poi risulta essere una buona norma anche in pratica e una norma che rimane poi teoricamente valida ma nel momento in cui viene messa in pratica crea un problema.”

Semplificazioni fiscali, l’intervista di Luigi Pagliuca (CNPR): le conseguenze della mancanza di ascolto

Dal Centro Congressi, Roma Eventi Piazza di Spagna, sede dell’iniziativa di ANC, il presidente della Cassa Nazionale dei Ragionieri denuncia una mancanza di ascolto dei professionisti e le conseguenze di tale mancanza sulle semplificazioni fiscali:

“Quello che non si riesce proprio a capire è perché non provano almeno ad ascoltarci. Una volta che ci hanno ascoltato poi se l’idea è buona la possono recepire. Se non la pensano valida, la lasciano lì. La cosa assurda è che oggi non veniamo nemmeno ascoltati e siamo poi quelli che in realtà la norma la applicano”.

Per l’intervistato la spinta ad intervenire sulla normativa fiscale deriva spesso dal grado di lamentele che ricevono i provvedimenti:

“Oggi come oggi avremmo evitato un sacco di perdite di tempo. La prassi qual è? Viene fatta la norma, la norma viene applicata, vengono creati i problemi. Se la mole di lamentele supera un certo livello, allora si torna indietro e si sistema. Se invece le lamentele sono piccole e sopportabili e si va avanti, vuol dire che è sopportabile.”

Per dare un suggerimento sulla modalità di intervento in materia, il presidente della Cassa Nazionale dei Ragionieri usa una metafora:

“È un po’ come quando si lasciano tirati su i finestrini durante il decollo. Si lasciano su perché se i passeggeri urlano, vuol dire che sta succedendo qualcosa. Ecco, magari prima di far urlare i passeggeri, ascoltiamo un attimino la torre di controllo.”

Questo sito contribuisce all'audience di Logo money.it