Ristori per le imprese, cosa prevede il nuovo decreto del governo da approvare

Tommaso Gavi - Incentivi alle imprese

Ristori per le imprese, diversi i temi affrontati nella puntata di Good Morning Kiss Kiss, con Max Giannini e Max Vitale, del 19 gennaio 2022: le risorse che verranno stanziate dal governo con il prossimo decreto per alcuni settori, le novità sull'IRPEF 2022 contenute nella Legge di Bilancio e il caro bollette.

Ristori per le imprese, cosa prevede il nuovo decreto del governo da approvare

I ristori per le imprese sono uno dei temi affrontati nella puntata del programma Good Morning Kiss Kiss, con Max Giannini e Max Vitale, del 19 gennaio 2022.

Ad illustrare quali saranno gli interventi contenuti all’interno del nuovo decreto del governo, che sarà approvato entro una decina di giorni, è il direttore di Informazione Fiscale Francesco Oliva.

Nel nuovo appuntamento c’è stato anche spazio per le novità fiscali in arrivo: dalle modifiche all’IRPEF 2022 per effetto della Legge di Bilancio ai possibili interventi per limitare gli effetti del caro bollette.

Ristori per le imprese, cosa prevede il nuovo decreto del governo da approvare a breve

Tra gli argomenti affrontati nel corso della puntata del 19 gennaio 2022 di Good Morning Kiss Kiss, con Max Giannini e Max Vitale, ci sono i nuovi ristori per le imprese.

Allo studio del governo c’è, infatti, un nuovo decreto per sostenere alcuni settori particolarmente colpiti dalle conseguenze economiche dell’emergenza coronavirus.

Il punto sulle misure che dovrebbero essere approvate entro una decina di giorni è stato fatto dal direttore di Informazione Fiscale, Francesco Oliva, ospite della trasmissione.

Per rimanere sempre aggiornati sulle ultime novità fiscali e del lavoro è possibile iscriversi gratuitamente al canale YouTube di Informazione Fiscale:


Iscriviti al nostro canale

A riguarda il direttore ha spiegato che:

“Il governo sta lavorando a un decreto che dovrebbe essere approvato entro dieci giorni al massimo e che andrà ad aiutare solo alcune categorie di imprese, in particolare nei settori dello spettacolo, del turismo, dello sport. Quindi, le imprese che maggiormente sono state colpite dagli ultimi provvedimenti restrittivi.”

Oltre ai settori che dovrebbero ricevere le nuove somme in arrivo, Francesco Oliva si è anche soffermato sull’ammontare della dotazione finanziaria che sarà messa a disposizione:

“L’importo che dovrebbe essere stanziato dovrebbe ammontare a poco più di un miliardo di euro. Bisognerà capire se questi contributi verranno erogati direttamente sulla base di alcuni importi fissi oppure, come è successo nell’ultimo caso del fondo perequativo, legati alla dichiarazione dei redditi. Sicuramente, è stato ormai dichiarato da più parti, non saranno diretti a tutte le categorie di imprese.”

Verranno quindi rafforzate le misure che hanno previsto contributi a fondo perduto nel periodo emergenziale, ultima in ordine di tempo il decreto Sostegni bis.

In questa fase, saranno quindi previsti interventi mirati per sostenere esclusivamente alcuni settori messi a dura prova dalle restrizioni legate al Covid-19.

Ristori per le imprese, IRPEF 2022 e caro bollette

Tra i temi della puntata di Good Morning Kiss Kiss del 19 gennaio 2022 c’è anche l’IRPEF 2022.

L’imposta sul reddito delle persone fisiche è stata oggetto di diverse modifiche da parte della Legge di Bilancio 2022.

La più importante è senza dubbio la rimodulazione delle aliquote. Cambiano anche le detrazioni relative ai redditi da lavoro dipendente, di pensione e assimilati a quelli di lavoro dipendente ed altri redditi.

Novità importanti hanno riguardato anche il bonus IRPEF, ex-bonus Renzi, cancellato a partire dallo scorso 1° gennaio.

In merito, il direttore Francesco Oliva ha fatto il punto su chi beneficerà maggiormente del primo tassello della riforma dell’IRPEF e ha spiegato quanto segue:

“L’IRPEF è stata riformata con l’ultima Legge di Bilancio per il 2022 ed è passata da cinque a quattro aliquote. I risparmi maggiori si concentrano sui redditi lordi che vanno da 40mila a 60mila euro. Quindi per intenderci, guadagnerà maggiormente il contribuente che in busta paga percepisce da 2.000 a 2.400 euro netti circa. In questo modo il Governo ha fatto la scelta precisa di aiutare il cosiddetto ceto medio.”

Il tema in questione, con ulteriori dettagli su cosa cambia dopo la Legge di Bilancio, sarà il centro dell’approfondimento a cura della redazione, in diretta sul canale YouTube venerdì 21 gennaio 2022.

Infine, nel corso della trasmissione è stato affrontato anche il tema del caro bollette e degli interventi per bilanciare gli aumenti di luce e gas.

Gli interventi in programma riguardano principalmente i primi tre mesi dell’anno in corso, come ha sottolineato il direttore di Informazione Fiscale:

“Per quanto riguarda lo stop del caro bollette, la misura di cui oggi si parla potrebbe essere applicata per i primi tre mesi dell’anno, fino al 31 marzo. Il Governo sta lavorando anche su un piano non fiscale, che è quello di aumentare a livello strutturale l’offerta del gas che viene prodotto dai gestori, proprio per andare a calmierare ulteriormente i prezzi.”

Per quanto riguarda un intervento sull’IVA, Francesco Oliva ha messo in evidenza quanto segue:

“Un intervento esclusivamente sull’IVA, salvo che non si tratti di una misura provvisoria, sarebbe troppo complicato da applicare. Se ci dovessero essere le risorse, sarebbe molto più credibile un intervento sugli oneri di sistema, cioè quella parte di bolletta che paghiamo a prescindere dai consumi ed è una tassa a tutti gli effetti.”

Informazione Fiscale S.r.l. - P.I. / C.F.: 13886391005
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Velletri al n° 14/2018
Iscrizione ROC n. 31534/2018

Redazione e contatti | Informativa sulla Privacy

Preferenze privacy
Logo registrato

Questo sito contribuisce all'audience di Logo Evolution adv Network