Pensione, età da considerare per accedervi dal 2021: le tabelle INPS

Rosy D’Elia - Pensioni

Pensione, età da considerare per accedervi dal 2021: a quanti anni si ha diritto a ricevere l'assegno pensionistico? La risposta nella circolare numero 19 del 7 febbraio 2020 che riporta le tabelle con i requisiti di accesso che, sebbene adeguati agli incrementi della speranza di vita, restano invariati rispetto al passato.

Pensione, età da considerare per accedervi dal 2021: le tabelle INPS

Pensione, età da considerare per accedervi dal 2021: a quanti anni si ha diritto a riceve l’assegno pensionistico? La risposta nella circolare numero 19 del 7 febbraio 2020.

Sebbene sia scaduto il termine per l’adeguamento delle tabelle agli incrementi della speranza di vita, i requisiti di accesso alla pensione restano invariati.

A stabilire che non c’è nessuna particolare novità sull’età pensionabile è il decreto del 5 novembre 2019 del Ministero dell’Economia e delle finanze, di concerto con il Ministero del Lavoro e delle politiche sociali.

Pensione, età da considerare per accedervi dal 2021: le tabelle INPS

Il testo ha stabilito:

“A decorrere dal 1° gennaio 2021, i requisiti di accesso ai trattamenti pensionistici di cui all’art. 12, commi 12-bis e 12-quater, fermo restando quanto previsto dall’ultimo periodo del predetto comma 12-quater, del decreto-legge 30 luglio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122, e successive modificazioni e integrazioni, non sono ulteriormente incrementati”.

Nonostante i valore dell’età pensionabile siano rimasti gli stessi, la circolare INPS numero 19 del 7 febbraio riporta le tabelle di riferimento per l’accesso alla pensione dal 1° gennaio 2021, in particolare si riepilogano:

  • requisiti di accesso ai trattamenti pensionistici adeguati agli incrementi della speranza di vita;
  • requisiti per l’accesso al pensionamento del personale appartenente al comparto difesa, sicurezza e vigili del fuoco;
  • requisiti per l’accesso al pensionamento dei lavoratori iscritti alla Gestione spettacolo e sport professionistico;
  • pensione in totalizzazione.

Tutti i dettagli nel testo della circolare numero 19 del 7 febbraio 2020.

PDF - 2.1 Mb
INPS - Circolare numero 19 del 7 febbraio 2020
Decreto 5 novembre 2019. Adeguamento dei requisiti di accesso al pensionamento agli incrementi della speranza di vita a decorrere dal 1° gennaio 2021.

Pensione di vecchiaia, età da considerare per accedervi dal 2021: i requisiti INPS

Gli iscritti all’assicurazione generale obbligatoria, alle forme sostitutive ed esclusive della medesima e alla Gestione separata devono raggiungere i 67 anni di età per la pensione di vecchiaia.

AnnoEtà pensionabile
Dal 1° gennaio 2021 al 31 dicembre 2022 67 anni
Dal 1° gennaio 2023 67 anni da adeguare

La soglia scende a 66 anni e 7 mesi per chi svolge una o più delle attività considerate gravose o è addetto alle lavorazioni particolarmente faticose e pesanti ed è possesso di un’anzianità contributiva pari ad almeno 30 anni.

L’INPS, poi, specifica un altro caso particolare che riguarda i soggetti il cui primo accredito contributivo decorre dal 1° gennaio 1996:

“Il requisito anagrafico che consente l’accesso alla pensione di vecchiaia con un’anzianità contributiva minima effettiva di cinque anni, si perfeziona, anche nel biennio 2021/2022, al raggiungimento dei 71 anni”.

Per quanto riguarda la pensione di vecchiaia in regime di totalizzazione, continua ad applicarsi la disciplina della cosiddetta finestra mobile e i requisiti da rispettare sono riassunti in tabella.

AnnoEtà pensionabile
Dal 1° gennaio 2021 al 31 dicembre 2022 66 anni
Dal 1° gennaio 2023 66 anni da adeguare

Pensione anticipata, requisito contributivo da considerare per accedervi dal 2021: tabelle INPS

Spostandosi sulla pensione anticipata, nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2019 ed il 31 dicembre 2026 non si applicano gli adeguamenti alla speranza di vita e il requisito contributivo resta invariato.

AnnoUominiDonneLavoratori precoci
Dal 1° gennaio 2021 al 31 dicembre 2026 42 anni e dieci mesi (2.227 settimane) 41 anni e dieci mesi (2.175 settimane) 41 anni (2132 settimane)

Il diritto alla decorrenza del trattamento pensionistico anticipato si perfeziona trascorsi tre mesi dalla data di maturazione dei predetti requisiti.

Per quanto riguarda i lavoratori precoci il requisito dei 41 anni a partire dal 1° gennaio 2027 è da adeguare alla speranza di vita.

Per i soggetti il cui primo accredito contributivo decorre dal 1° gennaio 1996, il requisito anagrafico che consente l’accesso alla pensione anticipata con almeno venti anni di contribuzione effettiva e con il requisito del cosiddetto importo soglia mensile, si perfeziona anche per il biennio 2021/2022 al raggiungimento dei 64 anni.

Sulla pensione di anzianità con il sistema delle quote, invece, l’INPS chiarisce:

“Anche per il biennio 2021-2022, i soggetti per i quali continuano a trovare applicazione le disposizioni in materia di requisiti per il diritto a pensione con il sistema delle c.d. quote, possono conseguire tale diritto ove in possesso di un’anzianità contributiva di almeno 35 anni e di un’età anagrafica minima di 62 anni, fermo restando il raggiungimento di quota 98, se lavoratori dipendenti pubblici e privati, ovvero di un’età anagrafica minima di 63 anni, fermo restando il raggiungimento di quota 99, se lavoratori autonomi iscritti all’INPS”.

Mentre per quello che riguarda la pensione di anzianità con il regime di totalizzazione bisogna far riferimento ai valori che seguono.

AnnoRequisito contributivo
Dal 1° gennaio 2021 al 31 dicembre 2022 61 anni
Dal 1° gennaio 2023 41 anni da adeguare

Pensione comparto difesa, sicurezza, vigili del fuoco: età da considerare per accedervi dal 2021

Anche al personale del comparto difesa, sicurezza e vigili del fuoco, Forze Armate, Arma dei Carabinieri, Corpo della Guardia di finanza, personale delle Forze di polizia ad ordinamento civile e Corpo nazionale dei vigili del fuoco, l’INPS fornisce istruzioni sull’età pensionabile nel biennio 2021/2022.

Come per gli altri lavoratori i requisiti anagrafici e, nel caso in cui l’accesso al pensionamento avvenga a prescindere dall’età, quello contributivo previsto per il trattamento pensionistico non sono stati incrementati.

Tipologia di pensioneRequisiti
Pensione di vecchiaia Raggiungimento dell’età anagrafica massima prescritta dai singoli ordinamenti, variabile in funzione della qualifica o grado, congiuntamente al requisito contributivo previsto per la generalità dei lavoratori
Pensione di anzianità 1) raggiungimento di un’anzianità contributiva di 41 anni, indipendentemente dall’età; 2) raggiungimento della massima anzianità contributiva corrispondente all’aliquota dell’80%, a condizione che sia stata raggiunta entro il 31 dicembre 2011, con un’età anagrafica di almeno 54 anni; 3) raggiungimento di un’anzianità contributiva non inferiore a 35 anni e con un’età anagrafica di almeno 58 anni

Pensione, età da considerare per accedervi dal 2021: le tabelle IPNS per lavoratori dello spettacolo e dello sport

I requisiti anagrafici e contributivi restano gli stessi per i lavoratori iscritti all’assicurazione generale obbligatoria, per il comparto difesa, sicurezza, vigili del fuoco, ma anche per i lavoratori del mondo dello spettacolo e dello sport iscritti al Fondo pensione lavoratori dello spettacolo al Fondo pensione sportivi professionisti.

AnnoCategoria di lavoratoriUominiDonne
Dal 1° gennaio 2021 al 31 dicembre 2021 Ballo 47 anni 47 anni
Dal 1° gennaio 2021 al 31 dicembre 2021 Cantanti – Artisti lirici – Orchestrali – Etc. 62 anni 61 anni
Dal 1° gennaio 2021 al 31 dicembre 2021 Gruppo Attori – Conduttori – Direttori d’orchestra – Figurazione e Moda 65 anni 64 anni
Dal 1° gennaio 2021 al 31 dicembre 2021 Sportivi professionisti 54 anni 53 anni
Dal 1° gennaio 2022 al 31 dicembre 2022 Ballo 47 anni 47 anni
Dal 1° gennaio 2022 al 31 dicembre 2022 Cantanti – Artisti lirici – Orchestrali – Etc. 62 anni 62 anni
Dal 1° gennaio 2022 al 31 dicembre 2022 Gruppo Attori – Conduttori – Direttori d’orchestra – Figurazione e Moda 65 anni 65 anni
Dal 1° gennaio 2021 al 31 dicembre 2021 Sportivi professionisti 54 anni 54 anni

Dal 1° gennaio 2023 in tutti i casi i valori indicati dall’INPS devono essere adeguati alla speranza di vita.

Questo sito contribuisce all'audience di Logo money.it