Pace fiscale, come pagare le prime due rate del 2020 entro il 9 agosto 2021

Tommaso Gavi - Fisco

Pace fiscale, come si pagano le prime due rate del 2020 del saldo e stralcio e della rottamazione ter? A riepilogare le possibilità è il comunicato stampa dell'Agenzia delle Entrate Riscossione del 6 agosto. La scadenza da rispettare è quella del 9 agosto 2021.

Pace fiscale, come pagare le prime due rate del 2020 entro il 9 agosto 2021

Pace fiscale, come pagare le prime due rate del 2020? Lo ricorda l’Agenzia delle Entrate Riscossione.

A riepilogare quali rate del saldo e stralcio e della rottamazione ter si devono pagare entro la scadenza del 9 agosto 2021 è il comunicato stampa del 6 agosto 2021.

Si può pagare presso la propria banca, agli sportelli bancomat (ATM) abilitati ai servizi di pagamento Cbill, con il proprio internet banking, agli uffici postali, nei tabaccai aderenti a Banca 5 SpA e tramite i circuiti Sisal e Lottomatica.

Si può inoltre utilizzare la piattaforma PagoPa, con l’app Equiclick, o pagare attraverso il portale www.agenziaentrateriscossione.gov.it.

Un ulteriore possibilità è il pagamento in compensazione con crediti commerciali.

Pace fiscale, come pagare le prime due rate del 2020 entro il 9 agosto 2021

Con il comunicato stampa del 6 agosto 2021, l’Agenzia delle Entrate ricorda come e dove pagare le rate in scadenza della pace fiscale.

Agenzia delle Entrate Riscossione - Comunicato stampa del 9 agosto 2021
Fisco, entro il 9 agosto si pagano le prime due rate 2020 della pace fiscale.

I contribuenti che beneficiano della definizione agevolata delle cartelle devono provvedere ai versamenti entro la scadenza del 9 agosto 2021, ultimo giorno utile per non vedere revocati i piani di rateazione.

La scadenza già prorogata dal decreto Sostegni bis allo scorso 2 agosto 2021, viene ulteriormente spostata grazie ai 5 giorni previsti come limite di tolleranza.

Per provvedere ai pagamenti, a disposizione dei soggetti interessati ci sono le seguenti opzioni:

  • banca;
  • sportelli bancomat (ATM) abilitati ai servizi di pagamento Cbill;
  • internet banking;
  • uffici postali;
  • tabaccai aderenti a Banca 5 SpA o ai circuiti Sisal e Lottomatica;
  • con PagoPA, sul portale www.agenziaentrateriscossione.gov.it e con l’App Equiclick.

Viene inoltre prevista la possibilità di pagare anche tramite sportello ma solo su appuntamento da prenotare sul sito nella sezione “Prenota ticket”.

In ultimo, si può provvedere ai versamenti mediante compensazione con i crediti commerciali non prescritti, certi, liquidi ed esigibili, ovvero i crediti certificati, maturati per somministrazioni, forniture, appalti e servizi nei confronti della Pubblica Amministrazione.

Nel caso in cui i soggetti interessati non fossero più in possesso della “Comunicazione delle somme dovute”, inviata nel 2019 dall’Agenzia delle Entrate-Riscossione a seguito dell’adesione, possono richiedere una copia sul sito www.agenziaentrateriscossione.gov.it, nelle pagine dedicate ai provvedimenti di rottamazione-ter e saldo e stralcio.

Il documento contiene infatti l’indicazione sull’importo dovuto e i bollettini di pagamento.

Non è necessario utilizzare PIN e password ma si riceverà la comunicazione tramite email.

In alternativa, si può scaricare il documento dall’area riservata del sito e pagare online, dopo l’accesso con CIE, Spid, credenziali dell’Agenzia delle entrate, credenziali INPS e CNS.

Si può inoltre pagare solo alcune cartelle attraverso il servizio “Conti tu”. Il servizio permette successivamente di ricalcolare l’importo e stampare i bollettini aggiornati.

Inoltre, come sottolinea lo stesso comunicato:

“Sul sito di Agenzia Riscossione è possibile anche utilizzare il servizio che consente di verificare la presenza, tra gli importi da pagare in definizione agevolata, di carichi potenzialmente annullabili in base ai requisiti di legge fissati dal decreto Sostegni (D.L. n. 41/2021) per lo “stralcio-debiti”.”

Pace fiscale: quali sono le rate in scadenza il 9 agosto 2021

Il comunicato stampa dell’Agenzia delle Entrate Riscossione rende noto che sono gli ultimi giorni utili per pagare le rate della rottamazione ter e del saldo e stralcio scadute a febbraio e marzo 2020, se ancora non sono state versate.

I pagamenti che saranno considerati validi sono quelli che saranno effettuati entro il prossimo 9 agosto, dal momento che sono previsti 5 giorni di tolleranza nei versamenti rispetto al termine previsto per il 31 luglio 2021.

Nello specifico, la tabella di marcia dei pagamenti rateali è articolata come segue:

  • entro il 31 luglio 2021 le rate scadute il 28 febbraio 2020 (rottamazione-ter) e 31 marzo 2020 (saldo e stralcio);
  • entro il 31 agosto 2021 la rata scaduta il 31 maggio 2020 (rottamazione-ter);
  • entro il 30 settembre 2021 le rate scadute il 31 luglio 2020 (rottamazione-ter e saldo e stralcio);
  • entro il 31 ottobre 2021 la rata scaduta il 30 novembre 2020 (rottamazione-ter).

Per il pagamento delle rate in scadenza nel 2021 c’è tempo fino al prossimo 30 novembre.

La finestra è ancora aperta grazie ai 5 ulteriori giorni di tolleranza aggiuntivi previsti dalla legge.

Nel comunicato viene inoltre sottolineato che:

“In caso di pagamenti oltre i termini previsti o per importi parziali, verranno meno i benefici della misura agevolata e i versamenti già effettuati saranno considerati a titolo di acconto sulle somme dovute.”

Informazione Fiscale S.r.l. - P.I. / C.F.: 13886391005
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Velletri al n° 14/2018
Iscrizione ROC n. 31534/2018

Redazione e contatti | Informativa sulla Privacy

Preferenze privacy
Logo registrato

Questo sito contribuisce all'audience di Logo Evolution adv Network