Laurea abilitante, gli Attuari non sono favorevoli: necessario un controllo sull’attività

Eleonora Capizzi - Ordini e casse professionali

Laurea abilitante, gli Attuari mettono un veto sull'accesso automatico alla professione: l'attività svolta è troppo delicata e complessa per escludere un'azione di controllo dell'Ordine. Questo è quanto si legge nel comunicato stampa del 4 maggio 2021 che riporta le parole della Presidente del Consiglio Nazionale Tiziana Tafaro.

Laurea abilitante, gli Attuari non sono favorevoli: necessario un controllo sull'attività

Laurea abilitante: gli attuari sono contrari all’accesso automatico alla professione.

Lo ha riferito Tiziana Tafaro, Presidente del Consiglio Nazionale, così come riportato dal comunicato stampa diffuso il 4 maggio 2021.

Svolgiamo un’attività specialistica, complessa, delicata, ad alta valenza sociale ed economica: pensioni, welfare, assicurazioni, gestione dei rischi. Per garantire standard di qualità elevati è necessario uno specifico processo informativo. Valuteremo comunque la proposta del Governo”.

Si legge nel documento con cui la Presidente si esprime sul disegno di legge Disposizioni in materia di titoli universitari abilitanti, ora in esame Parlamento, che prevede una radicale semplificazione delle modalità di accesso all’esercizio delle professioni, finalizzato a una più diretta, immediata ed efficace collocazione dei giovani nel mercato del lavoro.

Un obiettivo che è stato incluso anche nel pacchetto di riforme del Recovery Plan o Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) in attesa del via libera definitivo del Parlamento.

Laurea abilitante, gli Attuari non sono favorevoli: necessario un controllo sull’attività

Gli Attuari, almeno per ora, ritengono che debba essere garantito un controllo rigoroso sull’attività da loro svolta, ad oggi assicurato dall’Ordine professionale e, per tale ragione, preferiscono non aderire alla proposta di legge sulle lauree abilitanti.

La Presidente Tiziana Tafaro, ha infatti reso nota la posizione dei professionisti nel comunicato stampa diffuso dal Consiglio Nazionale degli Attuari il 4 maggio 2021.

Consiglio Nazionale degli Attuari- comunicato stampa del 4 maggio 2021
scarica il comunicato stampa sulla laurea abilitante: NO DEGLI ATTUARI ALL’ACCESSO AUTOMATICO

La novità, contenuta nel disegno di legge, dovrebbe coinvolgere diverse categorie professionali (medici, architetti, ingegneri e anche gli Attuari) per cui non sarà più necessario il superamento di una prova successiva alla laurea magistrale per poter accedere al rispettivo ordine.

Una strada, quella della laurea che ingloba l’esame di ammissione all’Ordine, che gli Attuari non vedono, per adesso, come percorribile senza, però, per questo escludere “l’opzione, così come previsto dalla norma, che la categoria potrà eventualmente esercitare”.

Ma la chiusura non è definitiva, tant’è che l’organismo rappresentativo è comunque all’opera per valutare l’opportunità di un accesso “più snello” alla professione, sulla base della proposta del Governo tramite uno scambio reciproco di idee.

Gli Attuari stanno esaminando con grande attenzione l’eventuale opportunità della laurea abilitante, che presenta aspetti necessariamente da approfondire”.

Si legge, infatti, nel comunicato stampa del 4 maggio.

Informazione Fiscale S.r.l. - P.I. / C.F.: 13886391005
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Velletri al n° 14/2018
Iscrizione ROC n. 31534/2018

Redazione e contatti | Informativa sulla Privacy

Preferenze privacy
Logo registrato

Questo sito contribuisce all'audience di Logo Evolution adv Network