Fondo Nuove Competenze, istruzioni sul calcolo del costo del lavoro per la richiesta di saldo

Rosy D’Elia - Leggi e prassi

Fondo Nuove Competenze, dall'ANPAL arrivano nuove indicazioni e chiarimenti sul calcolo del costo del lavoro, utile per effettuare la richiesta di saldo. I dettagli nel decreto del 23 settembre e nelle FAQ, risposte a domande frequenti, aggiornate al 19 ottobre 2022.

Fondo Nuove Competenze, istruzioni sul calcolo del costo del lavoro per la richiesta di saldo

Fondo Nuove Competenze, come calcolare il costo del lavoro e procedere correttamente con la richiesta di saldo?

Nuove indicazioni sulle somme da considerare sono arrivate con il Decreto ANPAL, Agenzia Nazionale Politiche Attive del Lavoro, del 23 settembre, illustrate nel dettaglio nelle FAQ, le risposte a domande frequenti, pubblicate il 19 ottobre.

Chi ha già inviato l’istanza può modificare i dati sui cui viene calcolata l’ultima tranche dei contributi spettanti.

Fondo Nuove Competenze, come calcolare il costo del lavoro per la richiesta di saldo

Secondo un meccanismo di anticipo e saldo, tramite il Fondo Nuove Competenze ai datori di lavoro che stipulano accordi collettivi per rimodulare l’orario di lavoro per attivare percorsi di formazione dei lavoratori viene rimborsato il costo delle ore di lavoro in riduzione destinate alla frequenza dei percorsi formativi, comprensivo dei contributi previdenziali e assistenziali.

Per le domande già presentate e approvate, l’ANPAL con il decreto numero 275 del 23 settembre 2022 ha chiarito le modalità di rendicontazione della formazione erogata.

Il punto di partenza per stabilire gli importi a cui le aziende hanno diritto nell’ambito del Fondo Nuove Competenze sono la retribuzione oraria e i contributi previdenziali e assistenziali, esclusi i costi per l’assicurazione obbligatoria INAIL.

Per il primo valore, bisogna far riferimento alla formula che segue:

“La retribuzione teorica mensile va moltiplicata per 12 (le mensilità) e suddivisa per 1.720 ore (tempo lavorativo annuo standard)”.

Per la retribuzione teorica è necessario considerare la somma comunicata dal datore di lavoro all’INPS riferita al mese di approvazione dell’istanza di accesso al Fondo.

Per quanto riguarda gli oneri relativi ai contributi previdenziali e assistenziali, invece, il costo è calcolato come quota oraria contributiva ottenuta applicando l’aliquota contributiva alla retribuzione oraria, al netto di eventuali sgravi fruiti nel mese di approvazione della domanda di accesso al Fondo Nuove Competenze.

Fondo Nuove Competenze, chiarimenti sul costo del lavoro da inserire nella richiesta di saldo

In base a quanto stabilito dal Decreto ANPAL del 23 settembre 2022, i datori di lavoro per dimostrare di aver effettuato correttamente il calcolo del costo del lavoro, in particolare per quanto riguarda la quota contributiva, devono presentare una dichiarazione sostitutiva per confermare di aver eseguito i calcoli della richiesta di saldo al netto di agevolazioni, sgravi contributivi e altre sovvenzioni pubbliche riferibili ai lavoratori che rientrano nel Fondo nuove Competenze.

“Si precisa che anche le aziende che hanno presentato il saldo prima del 6 ottobre 2022 devono compilare la dichiarazione e solo dopo che la dichiarazione sarà stata compilata potrà essere valutata la richiesta di saldo presentata”.

Si legge nelle FAQ, risposte a domande frequenti, sul tema che illustrano più nel dettaglio queste nuove indicazioni.

I chiarimenti si soffermano in particolar modo anche su eventuali discordanze tra le somme previste in principio e i risultati che emergono seguendo le istruzioni del Decreto del 23 settembre 2022.

ANPAL - Decreto numero 275 del 23 settembre 2022
Modalità di calcolo del costo del lavoro e le modalità di verifica dei rendiconti per il Fondo Nuove Competenze.

In ogni caso l’ANPAL specifica che i datori di lavoro che hanno già presentato l’istanza di saldo possono, se necessario per adeguare documentazione e importi alle novità, chiedere la riapertura della richiesta di saldo via pec all’indirizzo [email protected]

In linea generale, però, le FAQ precisano che se il calcolo del costo del lavoro, effettuato correttamente seguendo le nuove istruzioni, sarà superiore a quello previsto in principio non sarà comunque possibile ottenere un importo superiore al contributo ammesso.

Al contrario per coloro che hanno presentato il saldo prima della pubblicazione del Decreto numero 275/2022 e hanno restituito la quota di acconto non utilizzato, se dalle modalità di calcolo del costo del lavoro aggiornate emerge una somma più alta di quella rendicontata, la differenza si potrà recuperare con la nuova richiesta di saldo.

Informazione Fiscale S.r.l. - P.I. / C.F.: 13886391005
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Velletri al n° 14/2018
Iscrizione ROC n. 31534/2018

Redazione e contatti | Informativa sulla Privacy

Preferenze privacy
Logo registrato

Questo sito contribuisce all'audience di Logo Evolution adv Network