Domanda esenzione canone Rai 2021, scadenza il 30 giugno per il secondo semestre

Anna Maria D’Andrea - Dichiarazioni e adempimenti

Domanda esenzione canone Rai 2021, scadenza il 30 giugno per il secondo semestre. L'appuntamento interessa chi non ha una TV in casa, tenuto a richiedere la disdetta presentando la dichiarazione di non detenzione.

Domanda esenzione canone Rai 2021, scadenza il 30 giugno per il secondo semestre

Domanda esenzione canone Rai 2021 entro la scadenza del 30 giugno: nuovo appuntamento da segnare in calendario per chi può non pagare la tassa per l’abbonamento alla TV.

C’è ancora qualche giorno di tempo per presentare la dichiarazione di non detenzione, adempimento che se effettuato entro la scadenza del 30 giugno 2021 consente di non pagare il canone Rai per il secondo semestre dell’anno. Bisognava rispettare la data del 31 gennaio per poter accedere all’esenzione per tutto l’anno.

Facciamo di seguito il punto sulle modalità di invio.

Domanda esenzione canone Rai 2021, scadenza il 30 giugno per il secondo semestre

Dovranno segnare in calendario la scadenza ormai imminente del 30 giugno 2021 i contribuenti titolari di un’utenza elettrica ad uso domestico residenziale, ma che non hanno una TV all’interno di nessuna delle abitazioni in cui è attivata un’utenza ad essi intestata.

L’esenzione che è possibile richiedere è quella relativa ai casi di non detenzione di TV in casa, sia propria che di un componente della famiglia anagrafica, una delle casistiche per le quali è possibile non pagare i 90 euro di canone Rai.

L’invio della domanda entro la scadenza di fine giugno consente di non vedersi più addebitare il canone Rai in bolletta, con un risparmio pari a 45 euro per il 2021.

L’esenzione, specifichiamo, ha validità annuale. Sarà quindi necessario confermare di averne diritto ogni anno.

Domanda esenzione canone Rai 2021: come inviare la dichiarazione sostitutiva

Il modulo di domanda per l’esenzione dal canone 2021 dovrà essere inviato all’Agenzia delle Entrate o direttamente alla Rai.

Modulo esenzione canone Rai
Scarica il modulo di dichiarazione di non detenzione TV da inviare all’Agenzia delle Entrate

Sarà necessario compilare il quadro A del modello messo a disposizione delle Entrate, al fine di dichiarare che:

  • in nessuna delle abitazioni per le quali il dichiarante è titolare di utenza elettrica è detenuto un apparecchio tv da parte di alcun componente della stessa famiglia anagrafica, oppure,
  • in nessuna delle abitazioni per le quali il dichiarante è titolare di utenza elettrica è detenuto un apparecchio tv, da parte di alcun componente della stessa famiglia anagrafica, oltre a quello/i per cui è stata presentata la denunzia di cessazione dell’abbonamento radio televisivo per suggellamento.

Come sopra anticipato, la dichiarazione di non detenzione si presenta entro due diverse scadenze:

  • se il Quadro A è presentato dal 1° luglio dell’anno precedente al 31 gennaio dell’anno di riferimento, la dichiarazione ha effetto per l’intero anno;
  • se il Quadro A è presentato dal 1° febbraio ed entro il 30 giugno dell’anno di riferimento, l’esenzione ha effetto per il secondo semestre (da luglio a dicembre).

In merito alle modalità di invio, la domanda di esenzione dal canone Rai 2021 potrà essere presentata:

  • tramite l’applicazione web disponibile sul sito di Agenzia delle Entrate;
  • tramite intermediari abilitati;
  • mediante posta elettronica certificata, purché la dichiarazione stessa sia sottoscritta mediante firma digitale, coerentemente con quanto previsto dagli articoli 48 e 65 del decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82 (Codice dell’Amministrazione Digitale). La dichiarazione firmata digitalmente dovrà essere inviata mediante PEC all’indirizzo [email protected];
  • forma cartacea, mediante spedizione a mezzo del servizio postale all’Ufficio Canone TV - c.p.22 Torino - per plico raccomandato senza busta unitamente a copia di un valido documento di riconoscimento.

Domanda esenzione canone Rai 2021, richiesta di rimborso per l’addebito da luglio

Una volta presentata la richiesta di esenzione, l’addebito del canone Rai 2021 si interrompe dalla prima rata utile successiva alla stessa.

Può capitare che, tenuto conto dei tempi di lavorazione delle domande, venga comunque addebitata la rata di canone relativa al mese di luglio. In tal caso il contribuente potrà presentare richiesta di rimborso per l’importo versato in eccesso.

Bisognerà compilare il modello “Richiesta di rimborso del canone di abbonamento alla televisione per uso privato pagato mediante addebito nelle fatture per energia elettrica” messo a disposizione dell’Agenzia delle Entrate.

Non cambiano le modalità di invio: si può fare domanda tramite l’applicazione web messa a disposizione dell’Agenzia delle Entrate o, insieme ad un valido documento di riconoscimento, a mezzo del servizio postale con raccomandata al seguente indirizzo:

Agenzia delle entrate - Direzione Provinciale I di Torino - Ufficio Canone TV - Casella postale 22 - 10121 Torino.

Informazione Fiscale S.r.l. - P.I. / C.F.: 13886391005
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Velletri al n° 14/2018
Iscrizione ROC n. 31534/2018

Redazione e contatti | Informativa sulla Privacy

Preferenze privacy
Logo registrato

Questo sito contribuisce all'audience di Logo Evolution adv Network