Contratto di espansione: le istruzioni INPS per le aziende con lavoratori iscritti alla Gestione Pubblica

Eleonora Capizzi - Pensioni

Contratto di espansione 2021: nel messaggio INPS n. 3252 del 28 settembre le istruzioni per le aziende con dipendenti iscritti alla Gestione Pubblica che devono provvedere al versamento della contribuzione per i lavoratori in esodo.

Contratto di espansione: le istruzioni INPS per le aziende con lavoratori iscritti alla Gestione Pubblica

Contratto di espansione 2021: dall’INPS arrivano le istruzioni per le aziende private con dipendenti iscritti alla Gestione Pubblica per il versamento dei contributi in favore dei lavoratori nell’ambito dei piani di esodo.

Con il messaggio numero 3252 del 28 settembre, l’Istituto ricorda che la misura introdotta dal Decreto Crescita trova applicazione anche nei confronti dei dipendenti di aziende private iscritti alle casse pensionistiche della Gestione dipendenti pubblici, e peri i lavoratori dipendenti degli Enti pubblici economici e delle Aziende speciali.

Anche queste aziende, quindi, se rispettano i requisiti richiesti per il contratto di espansione possono siglare un piano di esodo aziendale e permettere ai lavoratori aderenti di accedere a sussidi di accompagnamento alla pensione.

Ecco che il datore di lavoro è obbligato a versare mensilmente all’INPS il contributo per la prestazione di accompagnamento alla pensione, oltre alla contribuzione correlata.

Il documento di prassi, quindi, fornisce tutte le istruzioni all’azienda autorizzata al versamento della contribuzione correlata per i lavoratori in esodo individuati nel contratto di espansione che siano iscritti alla Gestione Pubblica.

INPS - messaggio numero 3252 del 28 settembre 2021
Contratto di espansione e indennità mensile di cui all’articolo 41, comma 5-bis, del decreto legislativo 14 settembre 2015, n. 148, come modificato dall’articolo 1, comma 349, della legge 30 dicembre 2020, n. 178, e, da ultimo, dall’articolo 39 del decreto-legge 25 maggio 2021, n. 73. Indicazioni operative per le imprese con lavoratori iscritti alla Gestione pubblica. Istruzioni contabili

Contratto di espansione: le istruzioni INPS per le aziende con lavoratori iscritti alla Gestione Pubblica

Il contratto di espansione è stato introdotto dal DL n. 34/2019 in via sperimentale per il biennio 2019-2020, per poi essere esteso anche a tutto il 2021 dall’ultima legge di Bilancio.

Si tratta di uno strumento volto a favorire le riconversioni aziendali e le ristrutturazioni degli organici tramite un accordo siglato dal Ministero del Lavoro, dalle associazioni sindacali comparativamente più rappresentative sul piano nazionale, dalle loro rappresentanze aziendali o dalla rappresentanza sindacale unitaria.

Il Decreto Sostegni bis, peraltro, sempre per il 2021 ha allargato la platea dei beneficiari abbassando la soglia minima del numero dei dipendenti in servizio nelle aziende che possono accedere alla misura da 250 a 100.

Le aziende private autorizzate all’esodo con dipendenti appartenenti alla Gestione Pubblica, si legge nel messaggio del 28 settembre, dovranno compilare il flusso Uniemens ai fini del versamento della contribuzione correlata nelle modalità seguenti:

  • nell’elemento “E0_PeriodoNelMese” o V1 “V1_PeriodoPrecedente” relativo all’ultimo periodo utile che precede la data di cessazione dal servizio, deve valorizzare il “CodiceCessazione” con il valore “54”, con significato di “Cessazione per esodo art.41, c. 5-bis, d.lgs. 148/2015”;
  • per indicare la contribuzione correlata, il datore di lavoro deve utilizzare esclusivamente codice fiscale e codice progressivo che identificano in maniera univoca la posizione contributiva dedicata alla procedura di esodo. In particolare tale codice serve per valorizzare, nella sezione “ListaPosPA”, l’elemento “PRGAZIENDA”;
  • per ciascun lavoratore ammesso, all’interno dell’elemento “InquadramentoLavPA”, deve essere valorizzato:
    • l’elemento “TipoImpiego” con il codice “47”, avente il significato di “Esodo ex art.art.41, c. 5-bis, d.lgs. 148/2015”;
    • gli elementi “Contratto” e “Qualifica” con i valori dichiarati nell’ultimo periodo utile;
  • l’elemento “TipoServizio” da utilizzare durante il periodo di erogazione della prestazione deve essere valorizzato con il codice “25”, avente il significato di “Lavoratore in esodo ex art. art.41, c. 5-bis, d. lgs. 148/2015”.
  • all’interno dell’elemento “GestPensionistica” di iscrizione del lavoratore, l’elemento “Imponibile” deve essere valorizzato indicando il valore di riferimento sul quale è calcolata la contribuzione correlata.
  • nel campo “Contributo” bisogna inserire l’importo della contribuzione da versare, applicando l’aliquota di finanziamento della Gestione pensionistica a cui il lavoratore è iscritto.

Non devono essere, infine, valorizzati gli elementi “StipendioTabellare” e “RetribIndivAnzianita”.

Piano d’esodo e contribuzione correlata: istruzioni su pagamento e recupero beneficio

A seguito dell’apertura della specifica posizione contributiva i versamenti dovuti per la contribuzione correlata devono essere eseguiti inserendo nel Modello F24 il Progressivo Azienda attribuito.

Per tutto il periodo in cui al lavoratore in esodo spetta la NASPI, l’indennità di accompagnamento alla pensione è ridotta in base al disposto dell’art. 41, comma 5-bis terzo periodo.

Per il recupero di questo beneficio dovuto a tale riduzione il datore di lavoro dovrà compilare nel Flusso l’elemento “RecuperoSgravi” di “GestPensionistica”, secondo le modalità di seguito indicate:

  • nell’elemento “AnnoRif” dovrà essere inserito l’anno oggetto del beneficio;
  • nell’elemento “MeseRif” dovrà essere inserito il mese oggetto del beneficio;
  • nell’elemento “CodiceRecupero” dovrà essere inserito il valore “22”, avente il significato di “Recupero beneficio art. 41, comma 5-bis d.lgs. 148/2015”;
  • nell’elemento “Importo” dovrà essere indicato l’importo del contributo oggetto della riduzione, che in ogni caso non potrà essere superiore all’importo della contribuzione correlata dovuta per il lavoratore.

Per ogni ulteriore dettaglio si rimanda al testo integrale del messaggio.

INPS - messaggio numero 3252 del 28 settembre 2021
Contratto di espansione e indennità mensile di cui all’articolo 41, comma 5-bis, del decreto legislativo 14 settembre 2015, n. 148, come modificato dall’articolo 1, comma 349, della legge 30 dicembre 2020, n. 178, e, da ultimo, dall’articolo 39 del decreto-legge 25 maggio 2021, n. 73. Indicazioni operative per le imprese con lavoratori iscritti alla Gestione pubblica. Istruzioni contabili

Informazione Fiscale S.r.l. - P.I. / C.F.: 13886391005
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Velletri al n° 14/2018
Iscrizione ROC n. 31534/2018

Redazione e contatti | Informativa sulla Privacy

Preferenze privacy
Logo registrato

Questo sito contribuisce all'audience di Logo Evolution adv Network