Carta dedicata a te 2024: entro il 24 luglio dall’INPS la prima lista delle famiglie beneficiarie

Rosy D’Elia - Leggi e prassi

Come funziona l'assegnazione della carta dedicata a te 2024? Anche quest'anno il primo passaggio spetta all'INPS che stila la lista delle famiglie beneficiarie territorio per territorio, tenendo conto dei requisiti e della scala di priorità, poi le graduatorie saranno confermate dai Comuni

Carta dedicata a te 2024: entro il 24 luglio dall'INPS la prima lista delle famiglie beneficiarie

I lavori di assegnazione della carta dedicata a te 2024 partono dall’INPS: è l’Istituto che, sulla base dei requisiti e della scala di priorità, invia ai Comuni la lista delle famiglie potenziali beneficiarie entro la scadenza del 24 luglio.

Gli enti territoriali, poi, sono chiamati a confermare le graduatorie e a procedere con le assegnazioni delle prepagate da 500 euro per l’acquisto di beni alimentari, benzina e trasporti.

A definire le procedure è il decreto attuativo pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 24 giugno scorso.

Per ricevere via email gli aggiornamenti gratuiti di Informazione Fiscale in materia di ultime novità e agevolazioni fiscali e del lavoro, lettrici e lettori interessati possono iscriversi gratuitamente alla nostra newsletter, un aggiornamento gratuito al giorno via email dal lunedì alla domenica alle 13.00

Iscriviti alla nostra newsletter


Carta dedicata a te 2024, dall’INPS la lista delle famiglie beneficiarie entro il 24 luglio

Per rimanere sempre aggiornati sulle ultime novità fiscali e del lavoro è possibile iscriversi gratuitamente al canale YouTube di Informazione Fiscale:


Iscriviti al nostro canale

Bisogna prima di tutto specificare che le prepagate, oltre 1,3 milioni, saranno distribuite in base agli abitanti e alle condizioni economiche del territorio: i Comuni, quindi, avranno a disposizione un numero di postepay che cambia in relazione alla specifica situazione.

Il maggior numero di famiglie beneficiarie della carta dedicata a te sarà a Napoli, poi a Roma e Palermo, seguite da Milano e Catania.

In base al numero di social card disponibili per territorio, l’INPS sulla base dei dati di cui dispone stila la lista dei nuclei familiari che hanno le carte in regola per ricevere la prepagata.

Per ottenere la prepagata prima di tutto è necessario risultare, alla data del 24 giugno, in possesso dei seguenti requisiti:

  • avere tutti i componenti del nucleo familiare iscritti nell’Anagrafe della Popolazione Residente (Anagrafe comunale);
  • essere titolari di una certificazione ISEE Ordinario con indicatore non superiore ai 15.000,00 euro annui.

Sulla base delle seguenti caratteristiche vengono individuate le famiglie composte da almeno tre persone come destinatarie delle carte, tenendo conto di una scala di priorità che si basa sull’ISEE e sulla data di nascita dei componenti: via preferenziale ai nati entro il 31 dicembre 2010, a seguire a quelli nati entro il 2006 e poi si prosegue con gli altri nuclei familiari.

Restano esclusi coloro che ricevono già altre misure di sostegno, dall’assegno di inclusione alla disoccupazione, compresi gli strumenti previsti su base locale.

L’INPS ha tempo fino alla scadenza del 24 luglio, 30 giorni dalla data di pubblicazione del decreto attuativo in Gazzetta Ufficiale, per stilare la lista delle famiglie beneficiarie.

Carta dedicata a te 2024: i dati delle famiglie beneficiarie dall’INPS passano ai Comuni e poi a Poste Italiane

Una volta che l’INPS ha stilato le sue graduatorie la palla passa nelle mani dei Comuni che sono chiamati a confermare, modificare e integrare la lista predisposta.

Gli enti territoriali hanno altri 20 giorni per questa operazione: si arriva, quindi, ai primi di agosto.

A questo punto torna in gioco l’INPS, che entro 10 giorni conferma la lista definitiva delle famiglie che riceveranno la carta dedicata a te stilata dai Comuni e trasmette a Poste Italiane i dati per l’elaborazione delle prepagate di 500 euro.

Agli enti territoriali spetta, poi, ancora il compito di comunicare alle famiglie interessate come prenotarsi per ritirare le Postepay.

A breve, quindi, le procedure di assegnazione entreranno nel vivo, ma i tempi non sono ancora maturi per sapere se si ha diritto o meno alla carta dedicata a te.

Secondo la tabella di marcia prevista, in ogni caso, coloro che ne hanno diritto dovranno poter utilizzare la prepagata a partire da settembre 2024.

Ministero dell’Agricoltura, della sovranità alimentare e delle foreste - Decreto attuativo della carta dedicata a te
Il testo con tempi, regole e istruzioni sull’erogazione della social card 2024

Per ricevere via email gli aggiornamenti gratuiti di Informazione Fiscale in materia di ultime novità e agevolazioni fiscali e del lavoro, lettrici e lettori interessati possono iscriversi gratuitamente alla nostra newsletter, un aggiornamento gratuito al giorno via email dal lunedì alla domenica alle 13.00

Iscriviti alla nostra newsletter


Questo sito contribuisce all'audience di Logo Evolution adv Network